George Clooney sostiene la popolazione locale in Italia dopo l’alluvione della casa sul Lago di Como

George Clooney è stato una delle vittime di gravi inondazioni nel nord Italia.

Il Undici dell’oceano La star ha soggiornato con sua moglie Amal Clooney e i loro figli di quattro anni Ella e Alexander nella sua villa a Lucknow.

Martedì (27 luglio), forti piogge hanno causato allagamenti. Le città intorno al Lago di Como hanno dovuto salvare più di 60 persone dopo aver realizzato gli effetti di condizioni meteorologiche estreme come le frane.

Mercoledì (28 luglio) Clooney ha aiutato la gente del posto a ripulire la spazzatura a Lucknow.

Il sindaco di 60 anni ha incontrato Roberto Posey e gli imprenditori locali per mostrare il suo sostegno.

Clooney ha dichiarato alla stampa italiana: “Questo è peggio di quanto pensassi. La situazione a Chernobyl è grave. Ho parlato con il sindaco, ci sarà molto lavoro, milioni di dollari per questo, ma questa città è forte. “

Ha continuato: “Funzionerà meglio di prima. Questa è una città molto flessibile. “

Bose ha ordinato l’evacuazione dei residenti che vivono nelle zone più colpite.

Parlando di Clooney, il sindaco ha detto Il Sole: “George e la sua famiglia sono qui, impossibilitati a raggiungere le strade vicine alla loro casa, ma sono al sicuro e non sono stati fatti danni alle loro proprietà”.

L’attore ha acquistato una villa del XVIII secolo nel 2002. La proprietà di 25 stanze è stata acquistata per 11,7 m (9,95 m).

Bose ha continuato: “Ha piovuto per tre giorni di fila, poi tutti gli inferni si sono calmati e siamo stati sommersi da un muro meraviglioso e detriti dalla montagna”.

Ha aggiunto che Luglio era diventata una “zona del disastro” e che quattro appartamenti erano stati distrutti mentre venivano forniti rifugi alternativi ai loro residenti.

READ  Ministro degli Esteri italiano: non sono tollerate sfide e azioni unilaterali contro Cipro

Questo è l’ultimo esempio di condizioni meteorologiche estreme che colpiscono l’Europa. Nelle ultime settimane, le inondazioni in Germania e Belgio hanno ucciso almeno 170 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *