Gemelle americane nate a pochi minuti di distanza in due anni diversi | California

gemelli nelle saline, California Sono nati a 15 minuti di distanza ma non condivideranno un compleanno – o anche lo stesso compleanno.

Aylin Yolanda Trujillo è stata consegnata al Natividad Medical Center esattamente a mezzanotte del 1° gennaio. È stata la prima bambina nata nella contea di Monterey nel 2022, quando la costa occidentale degli Stati Uniti ha inaugurato un nuovo anno.

Ma suo fratello, Alfredo Antonio Trujillo, è arrivato poco prima di lei, alle 23:45 del 31 dicembre, mentre il 2021 volgeva al termine.

Fatima Madrigal, madre di Aileen e Alfredo, ha dichiarato: “È pazzesco che siano gemelli e abbiano compleanni diversi. Sono rimasta sorpresa e felice che siano arrivati ​​nel cuore della notte”.

Eileen è nata con un peso sano di 5 libbre e 14 once, mentre Antonio pesava 6 libbre e 1 oncia. I gemelli, di Greenfield, in California, hanno due sorelle maggiori e un fratello maggiore, che si dice sia entusiasta dell’arrivo di un altro ragazzo in famiglia.

Le foto mostravano entrambi i bambini con gli occhi chiusi, avvolti in coperte a righe identiche e con indosso un berretto a righe rosa.

La possibilità che i gemelli nascano in giorni, mesi e anni diversi è relativamente bassa. mentre lì Circa 3,75 milioni di nascite Negli Stati Uniti nel 2019, solo circa 120.000 – o circa il 3% – erano gemelli, Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Consegne gemelle che si allungano finestra temporale ristretta Tra gli ultimi secondi di dicembre ei primi istanti di gennaio è meno comune.

“Questo è stato sicuramente uno dei parti più memorabili della mia carriera”, ha affermato Ana April Arias, medico di famiglia presso Natividad Medical Group.

READ  Cipro si appella al Consiglio di sicurezza dell'Onu sulla riapertura di Varosha | Notizie su Recep Tayyip Erdogan

“È stato un vero piacere aiutare questi piccoli ragazzi ad arrivare qui sani e salvi nel 2021 e nel 2022. Che bel modo di iniziare il nuovo anno!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *