GeForce RTX3060D: recensione

Il primo ampere “intermedio” promette un miglior rapporto prezzo / prestazioni sul mercato … così come vicino all’RTX 3070. La nostra recensione della GeForce RTX 3060D Founder Edition

Con Revisione della versione Founder di GeForce RTX 3060D Siamo di fronte alla prima card intermedia della nuova generazione, in arrivo nei negozi domani 2 dicembre 2020 con un prezzo di circa 348 euro e IVA, che dovrebbe essere di 420 euro in Italia. Quindi siamo ai vertici di questo segmento di mercato, con un look GeForce RTX 2060 Super personalizzato, ma abbiamo anche di fronte una scheda che garantisce prestazioni maggiori rispetto alla GeForce RTX 2080 Super. Abbastanza, sulla carta, a frame molto alti per 1080p, 1440p senza compromessi e alcune escursioni in 4K.

Caratteristiche

Pacchetto box FE GeForce RTX3060 Ti equivalente ai modelli avanzati per scheda di partizione Fantasie, aria condizionata ed estetica, Non include LED con GeForce RTX 3070. Così, tagliando a metà la spessa infrastruttura metallica attorno al 3060D, vediamo creare il segno dell’infinito aperto, mentre intorno alle due ventole sono esposti i radiatori che ricoprono l’intera parte anteriore della scheda, per aumentare il raffreddamento. Sul retro, invece, lo scudo è in plastica, che è molto resistente e decorato con scanalature sottili, ad eccezione di una grande fessura e anche una piccola area senza una ventola speciale, il concetto della GeForce RTX 3080 e RTX 3090 lascia l’area che contribuisce maggiormente al flusso d’aria dal pannello Allontana il calore dalle aree sensibili.

Nvidia GeForce RTX 3060D Founder versione 4

Tuttavia, questo non dovrebbe essere un problema considerando che lo stesso sistema scatter funziona con la più potente GeForce RTX 3070 ed è senza dubbio sufficiente per una scheda. 200W, Il nuovo connettore di alimentazione Nvidia e sempre dotato del suo adattatore per usarlo con qualsiasi alimentatore, ma molto meno affamato di alimentazione rispetto ai modelli superiori.

Il rapporto tra RTX 3060 Ti e RTX 3070 non si ferma all’estetica o al raffreddamento. Il chip utilizzato è sempre GA104, in questo caso la memoria video è sempre lì, anche se è indebolita con 4864 contro il core 5888 CUDA. 8 GB GTDR6 a 14 Gbps, Con un bus a 256 bit e un passaporto da 448 GB / V. Quindi è simile alle specifiche dell’RTX 3070 e dell’RTX 2060 Super, ma ottiene miglioramenti architettonici, con diversi titoli che abbiamo già avuto modo di controllare e ridurre l’utilizzo di oltre un quarto. Memoria video. Quindi, fare affidamento solo sui numeri sui volti di persone importanti non è così L’ottimizzazione funziona Eseguito ad Ampere, che porta i messaggi più rilevanti quando si prende il soggetto direttamente dalla serie Touring. L’RTX 2060 è molto più alto delle frequenze in aumento di soli 15 MHz rispetto all’RTX 2060, sebbene sia spesso indicato l’aumento della velocità di 1650 MHz dell’RTX 3060D. In effetti, stiamo parlando di schede progettate per funzionare a velocità significativamente più elevate affidando la gestione dell’orologio al computer.

Nvidia GeForce RTX 3060D Founder versione 3

Tutti i core nel passaggio da Turing ad ampere sono stati convertiti in core CUDA, e tutti i vantaggi del case sono anche per le applicazioni che li sfruttano, ma metà di qualsiasi macchina grafica può essere convertita in core Int32 quando necessario per sfruttare l’osso. Inoltre, la nuova architettura fa un netto balzo in avantiPrestazione Farà pieno uso dell’intera scheda con titoli come Minecraft RTX, toccando un aumento di 1,9 volte. In questo caso, infatti, si fanno sentire anche i nuovi core Tensor, che sono solo 152 vs RTX 2060 Super 272, ma 2,7 volte più potenti su carta rispetto a quelli utilizzati nella terza generazione e serie GPU. 2000. Invece, i core RT di seconda generazione finiscono con un aumento delle prestazioni di 1,7 volte, ma l’aumento del numero, anche se leggermente, sale dall’RTX 2060 Super 36 all’RTX 3060 TI38.

Inoltre, il pacchetto include evoluzioni future, in cui vediamo la tecnologia in modo esplicito RTX IO, È progettato per sfruttare un SSD in un modo simile alla memoria che si trova sulle nuove console, e come la cache Smart Access, con nuovi radianti che possono garantire un flusso di prestazioni solido in alcuni casi. Nvidia ha esperienza con i progressi nell’ecosistema, che ha lavorato con la tecnologia reflex per ridurre i ritardi del sistema e con una chiara spinta per la tecnologia di trasmissione, senza dimenticare l’esterno. Il rumore di fondo e il green screen automatico hanno raggiunto il massimo livello di precisione grazie all’intelligenza artificiale, che rappresenta uno dei punti di forza della serie ampere in ambito gaming.

Prova delle prestazioni

Nvidia GeForce RTX 3060D Founder versione 7

A questo punto non resta che guardare alle prestazioni ottenute con la nostra configurazione attuale, che comprende il Raison 7 5800X, un gigabyte X570 Eros Master e 16GB 3600 MHz G. Lo Skill Trident Z collega il Royal Memory al CL16. Nel caso dell’RTX 3060D è installato un banco di prova utile per valutare chiaramente il rumore che è sempre molto basso, anche in giochi di carte touch impegnativi senza superare la frequenza di 1920 MHz. Temperatura di 68 gradi.

Ma parliamone prima di iniziare a giocare Benchmark artificiali Non sempre rappresentano le prestazioni di gioco effettive di una GPU, ma possono fornire indizi utili, soprattutto se si conoscono già le prestazioni delle schede video basate sulla stessa configurazione. Quindi, nel test Time Spy, è stata una bella sorpresa trovare una differenza di prestazioni del 12% rispetto alla GeForce RTX 3070 a fronte di un divario di prezzo superiore al 20%. Passando a 26.28 fps nel test DirectX Ray tracing, la distanza tra i due modelli ha raggiunto il 15%, ma la promessa di una scheda più economica è rimasta la stessa.

Rendering benchmark Nvidia GeForce RTX3060T Founder Edition

Finalmente sono arrivate le prove Giochi, A partire dal rendering standard con sistemi grafici al più alto profilo e performanti come al solito, la promessa alla fine è diventata realtà quando abbiamo riscontrato lacune simili a quelle che abbiamo visto nelle definizioni sintetiche. Wolfenstein: Young Blood ha raggiunto 225 fps in 1080p, 153 fps in 1440k e 88 fps in 4K, con una media del 14% più lenta di quanto visto con l’RTX 3070, mentre The Witcher 3 ha raggiunto 149 fps in 1080p, 1440p e 60 fps in 4K in 108k Viaggia dal 10% al 13% in meno di frame rispetto a quelli registrati in precedenza e garantisce l’ombra del Tomb Rider e il controllo, molto più che standardizzare la nuova scheda Nvidia Conveniente Sulle nuove GPU Nvidia.

Tracciamento delle radiazioni e DLSS. Piena giocosità in tutte le risoluzioni, senza alcun compromesso. Tra l’altro, l’implementazione delle tecnologie RTX in alcuni casi ha ridotto il gap tra le due schede di circa il 10%, lasciando solo il 14% in media in 4K, forse grazie al maggior numero di nuclei tenditori e nuclei di rilevamento delle radiazioni del 3070. Lo stesso divario tra le due schede è ricomparso più volte indipendentemente dalla risoluzione, con l’RTX 3060 Ti che permette di giocare il controllo a 92fps su 1080p, 64fps su 1440p e 35fps su 4K, la risoluzione di rendering scende a 49fps con un’ottima qualità di visualizzazione. Tra l’altro siamo arrivati ​​a 40fps in 4K grazie al DLSS in modalità performance, anche con i watch dog più pesanti l’ultimo aggiornamento sulle prestazioni di tracciamento delle radiazioni, sfiorando i 60fps a 1440p.

Benchmark Nvidia GeForce RDOS 3060D Founder Edition Rtdlss Nrwzkks

La risoluzione 1440b abilitata per GeForce RTX 3060D è accurata, portando con sé la tecnologia RTX che è in media dal 30 al 40% più veloce della sorella maggiore, che è dal 10 al 15% più costosa. L’RTX 2060 Super è quindi unico nella maggior parte dei casi nell’RTX 2080 Super. Infine, non mancano le gonne Overlock Alza la CPU di 100 MHz e la memoria di 500 MHz, con un guadagno del 3,3% ovviamente, ma con una temperatura di un grado più alta, raggiungendo un massimo di 69 gradi, e non certo soprannaturale. Un aumento del rumore quasi incomprensibile.

A causa della reale carenza di hardware, è inevitabile che qualsiasi scheda di nuova generazione anticipi la forte domanda che è già molto alta. Al momento acquistare una GPU non è cosa da poco, e con l’arrivo della nuova Nvidia la faccenda potrebbe diventare ancora più complicata, tra l’altro i rischi di non essere venduta direttamente in Italia nella versione Founders, si sono verificati con modelli superiori. È probabile che diventerà stabile guardando il listino prezzi che ci è stato inviato. In effetti, il nostro paese non è nella lista Prezzi 419 euro e 399 euro rispettivamente per il mercato francese e tedesco. Ma questo è un presupposto e, poiché manca di comunicazioni ufficiali, ti consigliamo di controllare il sito Web ufficiale di Nvidia domani. Nel frattempo, incrociamo le dita in attesa del tempestivo arrivo delle versioni custom.

Commento

La GeForce RTX 3060D è la scheda più costosa nella fascia media, ma è più garantita della RTX 2080 Super, che si comporta meglio con tracciamento delle radiazioni e impostazioni a 1440p, e grazie ai 420 punti di prezzo Euro è leggermente più economica della RTX3070 Ottiene memoria, forme e raffreddamento da esso, risultando in altre cose molto più silenziose.

Pro

  • Forte, fresca e molto tranquilla
  • Guadagna qualcosa di comodo su modelli superiori
  • Stessa quantità di memoria della sorella maggiore

Contro

  • Non esattamente economico per lo spazio intermedio
  • Sarà ancora più difficile da trovare

READ  Italiani che vogliono mettersi alla prova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *