Funzionari statunitensi hanno affermato che la Russia ha preso di mira gli alleati di Trump per danneggiare Biden nelle elezioni del 2020 Notizie dagli Stati Uniti

La Russia ha cercato di influenzare le elezioni presidenziali statunitensi del 2020 diffondendo “accuse fuorvianti o infondate” contro Joe Biden e attraverso gli alleati in larga misura. Donald TrumpI funzionari dell’intelligence americana hanno detto martedì.

La valutazione era contenuta in un rapporto di 15 pagine pubblicato dall’Office of the Director of National Intelligence. Ha evidenziato le accuse secondo cui gli alleati di Trump avrebbero giocato a favore di Mosca amplificando le accuse contro Biden da parte di figure ucraine legate a Russia.

Adam Schiff, il capo della Democratic House of Intelligence, ha dichiarato in una dichiarazione: “Attraverso i proxy, la Russia ha condotto un’operazione di intelligence di successo che ha penetrato [Trump’s] Il cerchio interno.

Individui vicini all’ex presidente sono stati presi di mira dagli agenti dell’intelligence russa, inclusi André Dirkach E il Konstantin Klemnik, Chi ha riciclato la disinformazione nel nostro sistema politico con l’intento di screditare il presidente in carica Biden e danneggiare la sua candidatura “.

Klemnick ha ampiamente riportato i suoi legami con Paul Manafort, leader della campagna di Trump nel 2016, che è stato imprigionato nell’ambito delle indagini condotte dall’avvocato speciale Robert Mueller ma è stato graziato da Trump poco prima della scadenza del suo mandato.

Dirkash Ha lavorato a stretto contatto con Rudy Giuliani, Un ex sindaco di New York che ha servito come avvocato personale di Trump, cercando di esporre la sporcizia politica su Biden e la sua famiglia che era al centro del primo processo di impeachment di Trump.

Biden ha battuto Trump 306-232 nell’Electoral College e ha vinto il voto popolare di oltre 7 milioni. Il punteggio del college elettorale è stato lo stesso della vittoria di Trump su Hillary Clinton nel 2016, nonostante abbia perso il voto popolare di quasi 3 milioni di voti. La CIA concorda sul fatto che le elezioni siano state oggetto di tentativi russi concertati di dare la mancia a Trump. La Russia – e Trump – si oppongono e negano queste conclusioni.

READ  Centinaia di bare affondano nel mare mentre una tomba in cima a una scogliera crolla

E il rapporto dell’intelligence, pubblicato lunedì, afferma che, a differenza delle elezioni precedenti, gli hacker russi hanno compiuto pochi sforzi per entrare nell’infrastruttura elettorale.

Il rapporto ha trovato tentativi di influenzare gli elettori contro Trump, inclusa una “campagna di influenza nascosta su più lati” da parte dell’Iran volta a minare il sostegno all’ex presidente.

Ma è penetrata anche la contro-retorica spinta dagli alleati di Trump secondo cui la Cina aveva interferito per conto di Biden, concludendo che Pechino “non ha fatto nessuno sforzo per intervenire”.

“La Cina ha cercato di stabilizzare le sue relazioni con gli Stati Uniti e non ha considerato il risultato elettorale abbastanza vantaggioso da far sì che la Cina rischi una reazione negativa se venisse scoperta”, afferma il rapporto.

Funzionari statunitensi hanno affermato di aver visto anche gli sforzi di Cuba, Venezuela e del gruppo libanese Hezbollah per influenzare le elezioni, anche se “in generale, riteniamo che fossero di portata inferiore a quelli condotti da Russia e Iran”.

“Indipendentemente da quale nazione cerchi di influenzare il nostro sistema politico e chi ne tragga vantaggio, entrambe le parti dovrebbero parlare con una sola voce e rinnegare ogni interferenza nelle nostre elezioni”, ha detto Schiff “.

“La comunità dell’intelligence è migliorata molto nell’individuare questi sforzi, e abbiamo costruito difese migliori contro l’interferenza elettorale”, ha detto Mark Warner, presidente democratico del Senate Intelligence Committee.

“Ma il problema degli attori stranieri che cercano di influenzare l’elettorato americano non scomparirà, e date le attuali divisioni partigiane in questo Paese, potresti trovare un terreno fertile su cui crescere in futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *