Fresco, croccante e delizioso: uve da vino bianco autoctono del nord Italia

Abbondante e spesso poco interessante, il Pinot Griggio è il miglior vino bianco italiano. Mentre ci sono alcune belle e grandi bottiglie, l’Italia ha ancora molto da offrire.

I produttori producono ottimi vini da uve italiane come Savignon Blanc, Riesling, Pinot Bianco e Kerner, principalmente da aree selezionate del nord Italia. Tuttavia, alcuni dei vini bianchi più vivaci su e giù per la penisola provengono da uve autoctone d’Italia.

Per esplorare l’espansione dei vini bianchi italiani prodotti con uve autoctone, iniziamo dal nord del paese.

Blanc de Morquez e de la Sale

Regione: Valle de Asta

Foto via Vineyard / Alami nella Valley de Asta

Situata appena sotto la vetta innevata del Monte Bianco, la regione in crescita di Morquex et de la Sale nella Valle de Asta trasforma i freschi e deliziosi vini bianchi dei vigneti più alti d’Europa. Qui, nei vigneti a terrazza e nei pergolati bassi, il minerale produce bianchi con aromi delicati che ricordano il pre-listone dell’uva autoctona, l’erba alpina e la paglia.

La produzione è piccola. Quando la Valle de Asta Blanc de Morquez et de la Sale viene esportata negli Stati Uniti, potrebbe essere difficile da trovare, ma vale la pena cacciare. I produttori seguenti vengono importati negli Stati Uniti rispettivamente tramite Vinity Wine Company, Cream Wine Company e John de Amore Wines.

Produttori consigliati: Cavemont Blanc de Morquex e La Sale, Ermes Powes, Maison Wavy Albert

Friulano

Regione: Friuli Venezia Giulia

Vigneto Friuli
Foto del vigneto / alami in Friuli

Le uve Friulano prosperano nelle montagne Golio e Friuli Coli Orientali nella regione Friuli-Venezia Giulia. Si chiamava Tokai Friulano fino al 2007, quando l’Unione Europea ha costretto l’Italia ad abbandonare il nome Tokai per evitare confusione con Tokaju dall’Ungheria.

READ  L'American Cup, la Luna Rosa Prada Cup, si vince con American Magic. Primo punto senza aria- Corriere.it

I vini fatti con il friulano hanno tutto il corpo e l’orgoglio e sapori e sapori di mandorla. Quando è fresco ha un’acidità più mite di molte uve bianche. Alcuni produttori aggiungono complessità alla fermentazione e all’età del legno.

Produttori consigliati: Borgo del Diclio, Rakaro, Russis Superior

Ribolla Kialla

Regione: Friuli Venezia Giulia

Radicon colpisce la pianta del vino
Punzonatura / Foto di Radiocon Wine Mill Massimo Grivelary

Ribolla Kiala offre vini secchi e filanti. Se vinificate con i tradizionali metodi di vinificazione in bianco, le uve offrono un delicato aroma floreale, aromi di pesca e agrumi con una delicata acidità.

Grazie alle bucce più spesse, è realizzato con un contatto cutaneo duraturo e se invecchiato in grandi urne di rovere, Ribolla Kiala darà più complessità, profondità di sapori tra cui albicocche secche, miele di noce e minerali.

Produttori consigliati: Growner, Radicon, Juani

Sovi Classico e Chow

Regione: Veneto

Proprietario di Guinea Wine
Guinea Winemakers / Foto per gentile concessione della Guinea

Il chow, veneto, è spesso associato a bottiglie esotiche dal corpo leggero che vengono immediatamente prescritte per essere bevute. Ma il miglior chow, ovvero il chow prodotto esclusivamente nel Classico e nelle colline, vanta gusto, profondità e sorprendentemente lunga durata.

Per sottolineare questi due stili distintivi, la Sezione 33 introduce le aree ufficiali dei vigneti. A partire dal 2019 Vintage, sono ufficialmente conosciuti come Unit Geography Acquisition (UGA), 28 dei quali si trovano sulle colline della regione Classico tra la città medievale di Medieval e Monford de Alphonse. Prodotto principalmente da uve Carcaneca e 30% Trebiano de Chow, le migliori espressioni sono eleganti ed intense.

Produttori consigliati: Guinea, Piroban, Inama

Custosa

Regione: Veneto

Vigneti a Kostosa, Italia
Foto via Vineyards / Alami in Costa Rica, Italia

Questo bianco secco e vibrante del Veneto è prodotto nelle versioni classica e superiore. È progettato con un mix flessibile di varietà tra cui Carcanega, Trebianello (biotipo locale del Friulano), Bianca Fernanda (clone locale di uva Cortis) e Trebiano Toscano. I produttori possono utilizzare fino al 30% di Malvacia, Riesling Italico, Pinot Bianco, Chardonnay e Manzoni.

READ  Moviola Juve-Napoli: Valerie, dovevi guardare in diretta quella frase. E il fuorigioco di Ronaldo ...

La versione dritta è morbida, croccante, con sensazioni extra che suggeriscono fiori e frutti di erbe selvatiche. Le bottiglie Superior più piccole hanno una più cremosa, maggiore intensità e migliore capacità di invecchiamento intermedio.

Produttori consigliati: Albino Fiona, Cavalcina, Monte del Frey

Lugana

Regioni: Veneto e Lombardia

Lucana Denuda Robeclia
Foto di Grapes / Stefano Casatti a Denuda Roveglia

Un vitigno autoctono coltivato sulle sponde meridionali del Lago di Carta è prodotto con la terbina, la zona di coltivazione della Lucana si estende tra le aree del Veneto e della Lombardia. È disponibile in cinque stili unici. Il Lugana puro rappresenta il 90% della produzione totale, mentre gli altri bianchi sono designati come Superior o Riserva. È anche conosciuto come Ventemia Tortiva (vendemmia tardiva) e vino colorato.

Fiore croccante ed esotico, Lucana ha succose sensazioni di agrumi, frutta a nocciolo bianca e mandorla. Lucana Superior, più rotonda e corposa, mostra note di erbe e saliva invecchiate e selvatiche. Rilasciato due anni dopo, Lucana Reserve è un minerale e una spezia elegante e sofisticato, vibrante.

Produttori consigliati: Marangona, Ottella, Denuda Roveglia

Seagull, Airbus, Arne, Nassette e Timorazo

Regione: Piemonte

Arnis Grapes Italy
Uva Arnaise in vigna / Foto di Severio Mercado

Chiamato per i suoi rossi strutturati a base di Napiolo e Barbera, il Piemonte produce anche bianchi impressionanti da uve autoctone.

L’ostrica prodotta con uve Cortis è secca, croccante e floreale. Nel frattempo, Airbus si concentra e ha un profumo lineare di biancospino e una leggera vicinanza di mandorla. Cremoso Arnies, strettamente imparentato con le montagne del Roro, offre vini generosi.

Nassetta, la sua casa spirituale di Novello, è stata ristrutturata dopo essere stata quasi distrutta negli anni ’90. Le migliori espressioni sono sensazioni floreali, di frutta tropicale ed erbe selvatiche e potenziale di invecchiamento. Infine, il Tertona, prodotto con Dimorazo nella zona dei Collie Tordonesi, è un vino bianco complesso con note minerali ricche di miele e intensa conservabilità.

READ  L'Europa è appesa al filo della Brexit: cosa sta succedendo davvero?

Produttori consigliati: Pio Cicero (Zafferano), Castello di Azeglio (Erbalus de Caloso), Angelo Negro & Sons (Roro Arnis), Elvio Cogno (Nacetta del Comune di Novello), Rogna (Tertona Timoroso)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *