Fred Kudjo Kuwornu discute dei media digitali e delle rappresentazioni degli afro-italiani – The Bowdoin Orient

Katie King
La rappresentanza conta: Nella sua conferenza virtuale, Fred Codjo Quorno ha sottolineato il valore dei media digitali come strumento per la costruzione di comunità tra i popoli emarginati, e più specificamente tra gli italiani di origine africana.

Il programma di studi italiani, mercoledì sera, ha accolto Fred Codjo Coreno, un regista, produttore, educatore e attivista italiano, per discutere il ruolo dei media digitali nel rappresentare gli afro-italiani. Kuwornu, che ha tenuto la sua conferenza virtuale da Roma, ha visitato l’ultima volta Baldovino nell’aprile 2018. Da allora, ha avviato il progetto multimediale digitale Blaq • It: The Black Italians Timeline.

In qualità di attivista ed educatore, Kuwornu spera di creare contenuti digitali che amplifichino le voci dei leader afro-italiani nei media. Ha fatto riferimento alla mancanza di diversità e rappresentanza in Italia quando stava crescendo.

“Ricordo che volevo assomigliare alla mia migliore amica, che era bionda, quindi ho chiesto molto a mia madre come essere bionda”, ha detto Corneau durante la sua conferenza. “Era davvero triste che non avessimo un’organizzazione che volesse aumentare il valore della diversità in Italia”.

Il discorso di Corno ha visto la partecipazione di attivisti e influencer afro-italiani della “Generazione Balotelli”, un gruppo di italiani di seconda generazione cresciuti negli anni ’90 fino agli anni 2000. Negli ultimi dieci anni, la Generazione Balotelli ha creato contenuti digitali in risposta alla mancanza di diversità nei media italiani.

E Cuerno ha sottolineato che le piattaforme di social media come YouTube e Facebook hanno consentito una maggiore rappresentanza per gli afro italiani.

“Sono nato in un momento in cui non avevamo i social media ed era molto difficile trovare un modo per rappresentarci”, ha detto Corno. “[The Italian influencers] Sono stati in grado di utilizzare i social media come alternativa [to mainstream media] Per definire meglio se stessi e connettersi con le proprie identità “.

READ  Hunter punta a una ripresa impressionante nel secondo tempo dopo la cotta dell'Italia

Condividendo la multimedialità, “Gil Balotelli” spera di costruire una comunità di italiani con identità emarginate.

“Aprendo siti Web, blog e pagine Facebook in cui erano in grado di connettersi con se stessi, sono stati in grado di creare un senso di appartenenza e identità”, ha affermato Corno. “Per questo motivo, sono stati davvero in grado di trovare molti modi fantastici per raccontare di più su questa comunità”.

Una delle principali sfide che deve affrontare la seconda generazione di afro-italiani è l’ottenimento della cittadinanza, che a sua volta influisce sulla rappresentanza nel paese.

“Anche se sei nato in Italia da genitori immigrati, non è automatico che tu sia cittadino italiano”, ha detto Coreno. “Ci sono molti casi in cui devi aspettare 18 anni per ottenere la cittadinanza legale perché i tuoi genitori non sono cittadini italiani e non sono stati naturalizzati”.

Durante la sua conferenza, Coreno ha anche menzionato l’incontro con l’autore afro-italiano Antonio Decelli Di Stefano. Distefano, che per primo ha raggiunto il successo annunciando il suo primo libro su Facebook, ha incontrato Korno online ei due hanno formato una partnership per promuovere il romanzo auto-pubblicato di Distefano.

Il lavoro di Distefano ha continuato ad essere l’ispirazione per la serie Netflix “Zero”, che è stata rilasciata in tutto il mondo il mese scorso. Kuwornu ha condiviso la sua eccitazione per lo spettacolo, la prima serie TV italiana sugli afro-italiani.

“Questa è una grande rappresentazione dell’Italia perché Netflix è mainstream ma allo stesso tempo una piattaforma molto simile [to newer digital media]Quindi non è la classica TV, ha detto Cuerno. “Ricezione [“Zero”]”Dove tutti i personaggi principali per la prima volta in uno spettacolo italiano erano neri, era enorme, soprattutto per le giovani generazioni”.

READ  Bella Thorne è fidanzata con il suo ragazzo, Benjamin Mascolo

Mentre la rappresentanza afro-italiana continua a crescere online, Kuwornu guarda al futuro dei media digitali come strumento per il progresso futuro e la diversità in Italia.

“I media digitali svolgono un ruolo importante nell’aiutarci non solo a socializzare e comunicare con le persone, ma anche a rappresentare minoranze e gruppi sociali”, ha affermato Cuerno. “Questo è un grande punto di svolta nel rappresentare la società”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *