Fotografia di balletto galattico di Modern Dark Energy Camera

La coppia interattiva di galassie NGC 1512 e NGC 1510 è al centro dell’attenzione in questa immagine della Dark Energy Camera, l’ultimo imager a campo ampio del telescopio da 4 metri Víctor M. Blanco al Cerro Tololo Inter-American Observatory, il programma NOIRLab di NSF . NGC 1512 è in procinto di fondersi con il suo vicino galattico più piccolo da 400 milioni di anni e questa interazione a lungo termine ha innescato ondate di formazione stellare e distorto entrambe le galassie. Credito: Dark Energy Survey/DOE/FNAL/DECam/CTIO/NOIRLab/NSF/AURA, Elaborazione delle immagini: TA Rector (Università dell’Alaska Anchorage/NOIRLab di NSF), J. Miller (Osservatorio Gemini/NOIRLab di NSF), M. De Martin ( NOIRLab di NSF)

La Dark Energy Camera, finanziata dal Dipartimento dell’energia, presso il NOIRLab della NSF in Cile, cattura una coppia di galassie eseguendo un binocolo gravitazionale.

La coppia di galassie interattive NGC 1512 e NGC 1510 è al centro di questa immagine della Dark Energy Camera del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, l’ultimo imaging a campo largo da 570 megapixel sul telescopio Víctor M. Blanco da 4 metri al Cerro Tololo Inter-American Osservatorio, è un programma di affiliazione di NSF NOIRLab. NGC 1512 è in procinto di fondersi con il suo vicino galattico più piccolo da 400 milioni di anni e questa interazione a lungo termine ha innescato ondate di formazione stellare.

La galassia a spirale barriera NGC 1512 (a sinistra) e la sua piccola galassia NGC 1510 in questa osservazione (immagine all’inizio dell’articolo) sono state catturate dal telescopio Víctor M. Blanco di 4 metri. Oltre a rivelare la complessa struttura interna di NGC 1512, questa immagine mostra i deboli viticci esterni della galassia che si estendono e sembrano circondare il suo piccolo compagno. Il flusso di luce stellata che collega le due galassie è la prova dell’interazione gravitazionale tra di loro: una connessione lussuosa e aggraziata che è durata 400 milioni di anni. Le interazioni gravitazionali tra NGC 1512 e NGC 1510 hanno influenzato il tasso di formazione stellare in entrambe le galassie, oltre a distorcere le loro forme. Infine, NGC 1512 e NGC 1510 si fonderanno in un’unica galassia più grande, un lungo esempio di evoluzione galattica.

Galaxy NGC 1512 largo

Ritaglia più ampia dell’immagine NGC 1512. Credito: Dark Energy Survey/DOE/FNAL/DECam/CTIO/NOIRLab/NSF/AURA, Elaborazione dell’immagine: TA Rector (Università dell’Alaska Anchorage/NOIRLab di NSF), J. Miller (Osservatorio Gemini/NSF’s NOIRLab), M. de Martin (NOIRLab di NSF)

Queste galassie interagenti si trovano nella direzione della costellazione dell’Horologium nell’emisfero celeste meridionale e distano circa 60 milioni di anni luce dalla Terra. L’ampio campo visivo di questa osservazione mostra non solo le galassie aggrovigliate, ma anche il loro ambiente stellato. La cornice è piena di stelle frontali luminose all’interno[{” attribute=””>Milky Way and is set against a backdrop of even more distant galaxies.

The image was taken with one of the highest-performance wide-field imaging instruments in the world, the Dark Energy Camera (DECam). This instrument is perched atop the Víctor M. Blanco 4-meter Telescope and its vantage point allows it to collect starlight reflected by the telescope’s 4-meter-wide (13-foot-wide) mirror, a massive, aluminum-coated, and precisely shaped piece of glass roughly the weight of a semi truck. After passing through the optical innards of DECam — including a corrective lens nearly a meter (3.3 feet) across — starlight is captured by a grid of 62 charge-coupled devices (CCDs). These CCDs are similar to the sensors found in ordinary digital cameras but are far more sensitive, and allow the instrument to create detailed images of faint astronomical objects such as NGC 1512 and NGC 1510.

Galaxy NGC 1512 Wider

An even wider crop of the NGC 1512 image. Credit: Dark Energy Survey/DOE/FNAL/DECam/CTIO/NOIRLab/NSF/AURA, Image processing: T.A. Rector (University of Alaska Anchorage/NSF’s NOIRLab), J. Miller (Gemini Observatory/NSF’s NOIRLab), M. Zamani & D. de Martin (NSF’s NOIRLab)

Large astronomical instruments such as DECam are custom-built masterpieces of optical engineering, requiring enormous effort from astronomers, engineers, and technicians before the first images can be captured. Funded by the US Department of Energy (DOE) with contributions from international partners, DECam was built and tested at DOE’s Fermilab, where scientists and engineers built a “telescope simulator” — a replica of the upper segments of the Víctor M. Blanco 4-meter Telescope — that allowed them to thoroughly test DECam before shipping it to Cerro Tololo in Chile.


DECam è stato istituito per condurre il Dark Energy Survey (DES), una campagna di osservazione di sei anni (2013-2019) che ha coinvolto più di 400 scienziati di 25 istituzioni in sette paesi. Questo sforzo di collaborazione internazionale si proponeva di mappare centinaia di milioni di galassie, scoprire migliaia di supernove e scoprire sottili schemi di struttura cosmica, il tutto per fornire i dettagli tanto necessari sulla misteriosa energia oscura che accelera l’espansione dell’universo. Oggi DECam è ancora utilizzato per il software da studiosi di tutto il mondo per continuare la sua eredità di scienza all’avanguardia.

READ  Il lancio del razzo SpaceX Falcon 9 da Cape Canaveral è stato riprogrammato a domenica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *