Fonti, notizie sulle telecomunicazioni, ET Telecom

Tre fonti informate hanno affermato che l’istituto di credito statale italiano Cassa depositi e prestiti (CDP) sta valutando un’alleanza con Telecom Italia e il gruppo di difesa Leonardo nella corsa per creare un hub cloud nazionale.

Parte dei progetti finanziati dall’UE per aiutare l’economia italiana a riprendersi dalla pandemia, il National Cloud Center mira a migliorare l’infrastruttura digitale del paese.

Il ministro dell’Innovazione Vittorio Colao, ex capo del colosso delle telecomunicazioni Vodafone, ha affermato di voler garantire che i dati siano ospitati in modo sicuro, poiché la maggior parte delle strutture dati del paese non soddisfano gli standard di sicurezza.

Colau ha affermato che le grandi aziende tecnologiche all’estero potrebbero prendere parte al progetto, assicurandosi che i dati più sensibili siano archiviati localmente e gestiti da una società di diritto italiano e sotto il controllo statale.

In un piano di risanamento inviato a Bruxelles ad aprile per accedere ai fondi dell’Unione Europea, Roma ha stanziato 900 milioni di euro (1,1 miliardi di dollari) per finanziare il National Cloud Center, chiamato Polo Strategico Nazionale, secondo fonti e documenti visionati da Reuters.

I documenti mostrano che l’iniziativa sarà organizzata come un partenariato pubblico-privato.

Funzionari del governo hanno affermato che le parti interessate dovrebbero presentare le loro proposte iniziali nei prossimi giorni al ministero dell’Innovazione e verrà indetto un bando.

Le fonti affermano che l’accordo tra CDP, Leonardo e Telecom Italia non è stato finalizzato. Uno ha aggiunto che potrebbero essere prese in considerazione altre potenziali opzioni.

I funzionari hanno affermato che i giganti tecnologici statunitensi come Google, Microsoft e Amazon, che dominano il settore dell’archiviazione dei dati, potrebbero portare la loro tecnologia cloud al National Cloud Center, se sono concessi in licenza alle società coinvolte nel progetto del centro.

READ  Etichette, l'Italia cerca alleati internazionali contro Nutri-Score

Tale struttura mirerebbe a dissipare le preoccupazioni sui rischi di sorveglianza degli Stati Uniti a seguito dell’adozione del CLOUD Act degli Stati Uniti del 2018 – che potrebbe richiedere alle società tecnologiche con sede negli Stati Uniti di inviare dati a Washington anche se sono archiviati all’estero.

Dai documenti inviati a Bruxelles è emerso che il progetto comprenderà quattro data center che ospiteranno dati e applicazioni di circa 190 amministrazioni pubbliche che non rispettano i requisiti minimi di sicurezza e prestazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *