Festival di Sanremo, priorità: non in pubblico. Roy pensa agli extra

Dal 2 al 6 marzo Roy è stata la nuova barriera sulla strada per il programmato 71 ° Festival di Sanremo, per il quale l’art director Amadeus ha più volte considerato la possibilità di tenere il pubblico nella “bolla” anti-infettiva. Una nave, perché “una festa senza spettatori è inimmaginabile”. Invece dovrebbe farne a meno. È stato fondato dal presidente di Imperia Alberto Indini: “Non ci sarà pubblico alla cerimonia di Sanremo, nessun pagamento o invito, perché l’ultima ordinanza non permetterà al pubblico di aprire proiezioni in teatri e sale”, ha detto, aggiungendo che nonostante l’era del coronavirus si può assistere il più vicino possibile alla normalità. Eliminazione.

Lo ha annunciato Indini al termine di un incontro con il top management di Roy per discutere il piano di sicurezza. Nei prossimi giorni si terrà un altro incontro, per il quale l’Amministrazione comunale e gli “attori” eroi a livello locale, comprese le sezioni interessate all’evento. Roy ha dovuto prendere atto della decisione presa per tutelare la salute pubblica, e ha dichiarato esplicitamente che “sosterrà” e che tutte le regole delle autorità competenti riguardo l’esito del prossimo festival saranno in relazione alla sicurezza. Quindi Roy è ora costretto a fare un ‘Piano B’ in un breve lasso di tempo, e secondo quanto ha appreso, a utilizzare costi aggiuntivi, sostanzialmente equiparando l’Ariston a uno studio televisivo, sempre con l’approvazione delle autorità.

READ  Aggiornare i livelli di vaccino 1-Astrogeneca trovati in Italia, volume delle esportazioni in tabella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *