Ferrari annuncia il motore V12 Daytona SP3 da 840 cavalli

L’asticella era molto alta per la Ferrari Icona allora Monza SP1 e SP2. Suonavano alla grande ed erano alimentati dal più grande motore V12 di produzione, che era più che sufficiente. Il ritorno dei Monza ai giorni di gloria delle auto sportive Ferrari – e che ogni altro costruttore di supercar ha seguito il veloce vantaggio di Maranello – li ha solo aiutati. Ora, la serie Icona ha raggiunto la sua terza puntata con Daytona SP3.

Il nome onora uno dei circuiti più famosi d’America, dove la Ferrari segnò un indimenticabile 1-2-3 nel 1967 con una coppia di 330 e 412b. La vittoria di Daytona è arrivata pochi mesi dopo la splendida vittoria dell’Ovale Blu a Le Mans del 1966. L’1-2-3 ha dimostrato che Ford non avrà tutte le cose a modo suo nelle corse di auto sportive, e sembra il momento giusto per festeggiare.

Come con Monzas, il design Daytona SP3 può essere considerato una moderna reinterpretazione dell’era leggendaria. Ferrari afferma che il look è un “armonioso gioco di contrasti e sensuali superfici scultoree che si alternano al tipo di linee più nitide che hanno rivelato la crescente importanza dell’aerodinamica nel design di piloti come 330 P4, 350 Can-Am e 512 S”. sicuramente quello che abbiamo pensato tutti anche noi. . Ovviamente, oggi viene prestata maggiore attenzione all’efficienza aerodinamica rispetto alla fine degli anni ’60, con la Daytona SP3 che si dice sia caratterizzata dal più alto livello di efficienza aerodinamica passiva mai trovata in una Ferrari. Quando ci sono prese più basse e un cofano che presenta una colonna vertebrale centrale per favorire l’aria dentro e fuori dal V12, hai un’idea di quanto sia serio. Un omaggio agli anni ’60 non starebbe così bene con il volo attivo, da qui l’attenzione per l’hardware fisso. Le fessure su entrambi i lati della griglia aiutano sia con il freno che il carico aerodinamico anteriore, mentre anche le fessure sotto i fari aiutano; Alettoni impilati nella parte posteriore riducono la resistenza dirigendo il flusso d’aria nel corpo della ruota. E ho pensato che fosse così per attirare l’attenzione; Come sempre con la Ferrari, tutto ha uno scopo.

READ  Monster Hunter World ha superato le vendite di 17 milioni

Ma, in realtà, con il V12 da 840 cavalli nel mezzo, la Ferrari avrebbe chiamato un’auto che sembrava una Mondial e sarebbe stata sollevata. Daytona SP3 è alimentato da un’altra versione aggiornata di 812 competizione Feroce processore V12, 6.5 ora per ulteriori modifiche all’aspirazione e allo scarico per liberare altri 10 CV. Ora noto come F140HC V12 (è l’F140HB nel Comp), raggiunge ancora i 9.500 giri / min e promette “piacere di guida senza precedenti” fino in fondo. La Ferrari afferma che l’accelerazione da 0 a 62 mph richiede 2,85 secondi, con il doppio di quella cifra a 7,4 secondi. Inoltre, la parte superiore della Targa Targa promette il meglio di entrambi i mondi per l’immersione completa del V12; La vetrina è più grande di entrambe le 812 (specialmente con il motore ora al centro) e offre una protezione leggermente maggiore rispetto alle Monza senza schermo. Ciò significa che SP3 è legale anche su strada in più paesi.

Oltre alle classiche, la Daytona SP3 prende in prestito anche le ultime vetture Ferrar. Il telaio è costruito con componenti aeronautici apparentemente non utilizzati dai LaFerrari (T800 Carbonfibre per la vasca e T1000 per le porte e i davanzali, come richiesto), con la parte del sedile del telaio e la pedaliera regolabile per un guidatore confortevole. Il che funziona così bene con l’intera etica della SP3, infatti, che i cuscini sul telaio erano più o meno quelli che passavano sullo schienale del sedile durante la giornata.

Infine, vale la pena notare alcuni dettagli per dimostrare che questa Daytona è molto lontana dalla normale supercar a corsa limitata (anche se è stata costruita solo la 599). C’è un Pirelli P Zero Corsa costruito appositamente per questa vettura e la SP3 è la prima volta che il Ferrari Dynamic Enhancer è stato incluso in un’auto a motore centrale. Side Slip Control è ora nella versione 6.1, se dovessi abbandonare la Ferrari da 2 milioni di sterline. La Ferrari crede che il V12 sia a motore centrale e che le parti del corpo leggere significhino una migliore distribuzione del peso e molta massa attorno al centro di gravità. Quindi, probabilmente scivolerà bene…

La terza vettura sportiva Icona è stata presentata al Mugello questo fine settimana nell’ambito dell’evento Ferrari World Finals. Sebbene vengano prodotti più SP3 rispetto a SP1 e SP2 (ce n’erano solo 499 in totale), una produzione globale inferiore a 600 significa che non saranno popolari. Anche i clienti originali di Monza per la Daytona avranno la priorità, quindi è difficile immaginare che molti siano rimasti indietro per il team di acquirenti B d’élite della Ferrari. Ma quali auto potranno avere tutti quando le consegne inizieranno alla fine del prossimo anno. Se stiamo assistendo all’ultima fatica di una Ferrari V12, suona come un addio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *