Ferdinando Cito Filmarino per il thriller di John David Washington ‘Becket’

Il regista italiano Ferdinando Cieto Filmarino è arrivato per la prima volta a Locarno nel 2010, quando il suo cortometraggio “Diarea”, con Louis Garrel, Riccardo Scamarcio e Alba Rohrwacher, ha vinto il Pardo di domani ed è stato premiato al Sundance. La sua prima lunga apparizione, “Antonia”, fu un ritratto intimo della poetessa italiana Antonia Pozzi, che, come il regista, era cresciuta nelle alte sfere della società milanese. È tornato con “Beckett”, il thriller in lingua inglese che aprirà il festival svizzero che ritrae John David Washington come un “turista americano braccato da sconosciuti” in mezzo ai disordini politici in Grecia. È un Netflix Original che uscirà a livello globale sulla piattaforma il 13 agosto. Parla con Cito Filomarino vario Sulla sua transizione alla regia di generi per un pubblico globale

Non capita spesso che un regista italiano passi dal fare un film d’autore su un poeta a uno stalker con una star di Hollywood. Come è successo?

Non l’ho testato per quanto è una trasmissione. Amo molte cose del cinema, amo molti registi diversi e l’idea di poter raccontare storie di diverso tipo. Quando ho avuto l’opportunità di girare un film sulla poetessa Antonia Pozzi, mi sono sentito in risonanza e ho pensato: “Bene, qual è l’angolazione migliore per farlo? E sono uscito con questa immagine molto intima. Parallelamente a questo, ho sempre amato, diciamo, i thriller, gli stalker ei thriller politici prima ancora di conoscere l’esistenza di Antonia Pozzi. E ho sempre sognato di poterne creare la mia versione.

Poi c’è anche il fatto che alcuni film sono più pratici, più realistici da mettere insieme come opere prime. Quello che voglio dire è che non ho davvero sentito il cambiamento nel mio approccio, nel mio punto di vista, nel mio punto di vista o nei miei gusti. Lo applico ugualmente se è un poeta o un turista che è braccato da sconosciuti stranieri in un paese straniero.

READ  After scarlet witch [Spoiler], What's Next? Jack Schaeffer Presents Evidence - Deadline

Come è nata la storia?

Ho avuto l’idea di adattare un libro che fosse una specie di inseguimento thriller in un film, e quando il libro non era disponibile, mi è venuta l’idea di creare una nuova storia basata sulla mia personale passione per il genere. Quindi deriva da diverse ispirazioni. Dal materiale erano letteratura, film e graphic novel. La prima cosa che ho raccolto è stata una specie di mostro di Frankenstein per le cose che volevo inserire nella storia. Quasi ogni tipo di tono generale. Il tono è stata la prima cosa che ho dovuto scoprire e il movimento generale della storia. Poi con il supporto dei produttori [including Luca Guadagnino] Mi sono imbattuto [screenwriter] Kevin Riso. Avevo letto qualcosa che ha scritto che usa il genere in un modo completamente diverso, con personaggi molto tangibili. Ha risposto a quello che ho scritto in questo tipo di bozza di storia. Mi piace l’idea di combinare i nostri diversi background per l’idea di realizzare questo tipo di film, con un’angolazione specifica che ha finito per essere l’angolazione del personaggio.

Come hai ottenuto una recitazione così bella che vede anche Alicia Vikander al fianco di Washington?

Bisognava anzitutto arrivare alla loro rappresentanza ea queste stesse persone. Questo, ovviamente, deriva dal lavoro dei produttori. Ma direi che l’elemento più importante è la pagina. Questi attori non mi avrebbero incontrato se non gli piacesse quello che leggono.

Nello specifico, devo dire quanto è stato divertente il mio primo incontro con John David Washington. Mi ha detto: “Amo questo personaggio”. Ecco perché ho condiviso con lui anche il mio primo lungometraggio e lui ha passato molto tempo a parlarmi del perché gli piaceva, un personaggio esclusivo. La conversazione è partita dal lavoro stesso. Immagino che il motivo principale per cui John David voleva fare questo film fosse perché amava l’opportunità. Abbiamo avuto molte conversazioni successive per sviluppare il personaggio.

READ  Hunter punta a una ripresa impressionante nel secondo tempo dopo la cotta dell'Italia

Perché hai girato il film in Grecia?

Non voglio spoilerare molto, ma c’è sicuramente un complotto politico sullo sfondo. Perché ciò fosse in qualche modo credibile, avevamo bisogno del contesto di un paese che attraversava un periodo difficile, per non dire altro. Per quanto l’immaginazione mi abbia ispirato, per me è anche un punto molto forte cercare ispirazione dal mondo reale. Sebbene la storia sia completamente inventata, avremmo immaginato che il film sarebbe stato ambientato negli anni in cui le persone in Grecia stavano letteralmente occupando strade e piazze per protestare. Poi, naturalmente, il film sugli inseguimenti è per molti versi una specie di road movie. E se vuoi fotografare la distanza assoluta coperta, un modo è avere una varietà di paesaggi diversi. Volevo assolutamente trovare un posto che non fosse visto o conosciuto spesso nel cinema mondiale. La Grecia continentale non è stata ritratta nel cinema mondiale e presenta una varietà di paesaggi estremamente diversificata, affascinante e bella, dalle montagne e dai fiumi alle città antiche e moderne. Ha così tanto da scoprire!

Parlami ancora di lavorare di nuovo con il direttore della fotografia Sayombo Mukdeprom, l’autore thailandese Apichatpong Werasethakul e un collaboratore abituale.

Antonia è stato il suo primo film dalla Thailandia, quindi è continuata una grande amicizia e collaborazione. In questo film il punto è che c’è una sorta di matrice che rimanda ai film americani, diciamo. Ma è inquinato, in senso positivo, con il cinema, diciamo a Michael Powell, penso a “Il quarantanovesimo parallelo” di Costa-Gavras, penso a “Z” o “Missing” Hitchcock, ovviamente. Allo stesso modo Sayombhu viene con il suo bagaglio, con il suo gusto personale.

READ  Tutto in arrivo su Netflix, Disney Plus, Prime, Hulu e HBO Max questa settimana

Ma in termini di inquadratura, tengo a non essere particolarmente ispirato dal cinema. Preferisco guardare la fotografia. Così ho raccolto un’enorme quantità di foto e le ho stampate in tutto il mio ufficio ad Atene. Una cosa divertente da dire e da fare insieme quando stavamo parlando di allestire una scena e avevamo bisogno di idee: stavamo solo guardando il muro!

Come ti senti a tornare a Locarno?

Ho un rapporto speciale con questo festival. Semplicemente, ho iniziato ad esistere come regista lì. Quindi era una specie di battesimo. E ora l’idea che il mio primo film veramente internazionale potrebbe essere il film di apertura sul più grande schermo d’Europa, con migliaia di persone presenti. Mi sembra una benedizione, il che è molto rassicurante per me. Mi fa sentire che quello che sto cercando di fare è quanto meno coerente e riconoscente in un contesto che ritengo centrale per il cinema di oggi.

Per gentile concessione di Netflix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *