Facce rosse a Roma come errori di ortografia nei cartelli stradali del nome dell’ex presidente | Italia

In seguito alla scoperta dell’errore di ortografia del nome su una targa di pietra, il presidente della Repubblica, Sergio Materella, è stato costretto ad abbandonare una cerimonia a Roma dedicata a uno dei suoi predecessori, Carlo Aceglio Ciampi.

Il segnaposto diceva “Acelio” invece di “Acelio”. Martedì Matterella, insieme ai familiari di Siamese e al sindaco di Roma, Virginia Rocky, ha reso chiara la lettera con un panno traslucido che copriva il piatto prima che si notasse l’imbarazzante errore.

L’errore ha evidenziato i social media, con molti critici di Rocky che hanno affermato che era indicativo dei problemi più ampi della città del caffè.

“La sconfitta delle proporzioni storiche, l’ultima parte di una lunghissima serie, finirà fortunatamente presto. La Roma è la più qualificata”, ha detto il politico di centrosinistra Carlo Calenda, che ha indicato che si schiererà contro i Rohingya alle elezioni di fine anno.

Gli alleati di Rocky hanno detto che si trattava di una cospirazione per danneggiare il sindaco, un membro del movimento anti-sistema Five Star (M5S).

“Le elezioni si avvicinano e stanno facendo tutto il possibile per impedire Virginia Rocky. La targa con il falso nome di Carlo Aceglio Ciambi non è un semplice errore. Pensi che sia possibile? Io no”, ha detto il consigliere comunale di M5S Pavlo Ferrara .

Xiambi è stato presidente dal 1999 al 2006. Morì nel 2016 all’età di 95 anni.

Un segno adeguato è stato posto prima della fine della giornata.

READ  Leonardo, Microsoft aiuta a digitalizzare i sistemi pubblici in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *