Fabio Fognini ha fatto la storia italiana nei pozzi indiani | Giro ATP

Fabio Fognini ha fatto la storia ad Indian Wells giovedì pomeriggio.

Al BNP Paribas Open, Focnini ha sconfitto lo spagnolo Pablo Andujar 3-6, 6-3, 6-3 superando l’ex numero 4 del mondo Adriano Panata, l’italiano di maggior successo nella storia con 392 punti.

“Va decisamente bene. Non lo sapevo prima della partita, fidati – ha detto Fognini ad ATPTour.com – Sono solo statistiche, ma ovviamente sono contento. Adesso mi paragonano agli adulti. Adriano era un idolo quando ero più giovane, quindi sono molto felice. Questa non è la fine. Continuerò a combattere e a vedere cosa succede.

Altre hit di un italiano maschile

Fognini ha avuto il suo primo successo teatrale in tournée nel 2006 ad Amersford. Da allora, ha vinto nove trofei ATP Tour, inclusa la vittoria dell’ATP Masters 1000 al Rolex Paris Masters 2019. Il 34enne, salito al 9° posto nella classifica ATP, non si aspettava di ottenere tutto ciò che aveva.

“Se devo essere onesto, non lo è proprio. Ma si va di giorno in giorno, partita dopo partita, anno dopo anno. Ho iniziato a divertirmi un po’ di più”, ha detto Fognini. Ma ora sono felice”.

Per tutte le novità ufficiali e le interviste esclusive, iscriviti alla nostra newsletter

L’italiano, che prossimamente affronterà il finalista 2021 Nikoloz Basilashvili, dovrebbe riprendere la sua forma a maggio 2020 dopo un intervento chirurgico artroscopico su entrambe le caviglie. Ora si sente motivato, come ha dimostrato nella sua rimonta contro Andrew.

“Non è facile, perché le condizioni non sono ottime. L’aria è fredda, cambia continuamente”, ha detto Fognini. “Ma sono contento di come ho combattuto e ovviamente alla fine ho vinto la mia partita”.

READ  "Ho avuto il linfoma di Hodgkin e ora sono guarito" - Corriere.it

Un altro italiano che è avanzato giovedì è stato Lorenzo Musetti, star di #NextGenATP, che ha eliminato l’americano Marcos Giron 6-3, 7-5.

Musetti, che lo scorso anno ha partecipato alle Indesa Zanfallo Next General ATP Finals, quest’anno ha già raggiunto i quarti di finale a Rotterdam e Pune. Il prossimo ventenne affronta un altro favorito in casa, Reilly Opelka, 17° in classifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *