Exor della famiglia Agnelli investe in un franchising di beni di consumo in Italia – WWD

Milano – Exor amplia il proprio raggio d’azione, investendo nell’eccellenza dei beni di consumo, supportando lo sviluppo globale delle medie imprese italiane specializzate in questo settore.

La holding della famiglia Agnelli Exor, che possiede Ferrari, ha recentemente investito nell’impresa Hermès International in China Shang Xia, e in una quota di minoranza in Christian Louboutin, ha stretto una partnership con The World-Wide Investment Company Ltd. , dalla famiglia Hong Kong Bao, che diede vita alla creazione di una nuova società denominata Nuo SpA.

Secondo l’accordo, Exor e WWICL investiranno 300 milioni di euro e ciascuna possiederà il 50 percento di Nuo. L’investimento di Exor sarà interamente coperto dal capitale sociale, mentre la quota del socio comprende il 30 per cento di Ludovico Martelli SpA.

Fondata nel 1908, Ludovico Martelli, azienda italiana di prodotti per la cura della persona nota per i suoi noti marchi tra cui Marvis, Sapone del Mugello, Valobra e Proraso, è un esempio dell’eccellenza in cui Nuo intende investire.

Tommaso Paoli è stato nominato amministratore delegato di Nuo.

“Riteniamo che la ricchezza dell’Italia di aziende di medie dimensioni dinamiche e di alta qualità, con i loro grandi prodotti e le loro tradizioni, abbia un reale potenziale per diventare grandi aziende in futuro”, ha affermato John Elkann, presidente e amministratore delegato di Exor. “E condividiamo molto con Stephen [Cheng, managing director of WWICL] e l’ambizione di Tommaso di contribuire a fornire i migliori prodotti italiani di fascia alta al mondo.”

Sul proprio sito web Exor ha dettagliato le ragioni dell’investimento, evidenziando come “Nuo unirà le conoscenze, l’esperienza e le reti dei suoi fondatori, per aiutare le sue aziende a mettere la loro competenza, creatività e originalità italiana a disposizione dei consumatori globali, soprattutto nella crescente mercati”.

READ  Basket olimpico, azione NBA incrocia Yvan Fournier e Nicolas Batum

Promosso dal “perfetto allineamento di visione e valori” tra i partner, Cheng ha affermato: “Nuo promette di sfruttare il meglio di noi per portare prosperità a tutti i nostri stakeholder in futuro. C’è una storia unica di imprenditorialità in Italia, radicata nella storie e passioni umane, e siamo onorati di essere investiti in questa tradizione.” L’eterno della passione e della creatività.”

Nuo ha “un obiettivo chiaro”, ha proseguito Exor, “valori e un orizzonte di investimento a lungo termine, nonché una profonda conoscenza delle imprese familiari e delle imprese gestite dal proprietario. Non solo fornirà capitale, ma fornirà anche sostenere come raggiungere una scala maggiore continuando a coltivare la cultura e l’esclusività che definisce le sue aziende”.

Mentre continuano a girare voci su Exor o Ferrari e su un possibile interesse per il gruppo Giorgio Armani, nutrito e persino smentito da entrambe le parti, e sull’idea che la prima possa cercare di creare un magnate del lusso, a marzo un portavoce di WWD ha affermato che il holding è “investire in singole aziende”, non in settori, in imprese eccezionali e fondatori con valori condivisi e dove possono aggiungere valore e costruire grandi aziende. La qualità dell’azienda, del suo team, della sua cultura e delle sue attraenti prospettive sono i principali driver della decisione di investimento”.

Exor è un investitore a lungo termine, che lavora con fondatori e imprenditori in partnership.

Exor è diventata una gigantesca holding, con un fatturato di 143,8 miliardi di euro nel 2019. A gennaio, dopo oltre un anno di trattative, il gruppo Fiat Chrysler Automobiles e il gruppo automobilistico francese PSA hanno completato la loro fusione in una società denominata Stellantis che comprende marchi che vanno da Fiat e Alfa Romeo a Chrysler, Jeep, Peugeot, Citroen e Maserati. È stata una combinazione di design di Elkann, che ha guidato l’azienda di famiglia per 16 anni. Inoltre, la proprietà si estende da PartnerRe, un riassicuratore leader a livello mondiale, alla riassicurazione, a The Economist e a una serie di altri giornali, a CNH Industrial, che progetta e produce attrezzature per l’agricoltura e l’edilizia.

READ  Perché Tondou Ramen chiede ai clienti di portarlo avanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *