Euro 2020: l’unità dopo le avversità – Gli Europei di Danimarca sono di nuovo cavalli neri?

La Danimarca ha battuto la Germania 2-0 nella finale di Euro 1992 a Göteborg, Svezia

Per quasi 30 anni, la Danimarca ha raggiunto l’apparentemente impossibile: vincere il Campionato Europeo per la prima volta.

Fino ad oggi, i giocatori di questa squadra ricevono lo status quasi di celebrità: un gruppo di leggende che hanno realizzato il sogno della nazione.

Ora la Danimarca ha nuovi campioni da tifare: l’attuale gruppo che ha superato un enorme calvario dopo le scene angoscianti di Christian Eriksen che è crollato sul campo nella partita di apertura del loro gruppo di Euro 2020 per raggiungere i quarti di finale del torneo.

distanza Galles sconfitta 4-0 Nella partita degli ottavi di finale ad Amsterdam, i danesi riusciranno a ripetere l’impresa della celebre squadra del 1992 e voltare pagina?

Dalla spiaggia ai campioni d’Europa

I giocatori della Danimarca festeggiano la vittoria di Euro 1992
La Danimarca ha battuto la Germania nella finale di Euro 1992

Prima di concentrarci sul presente, vale la pena guardare indietro per ricordare quale splendida vittoria ottenne la Danimarca 29 anni fa, dato che vinse Euro 1992 in Svezia nonostante non si fosse qualificata.

I danesi avevano perso le qualifiche dopo essere arrivati ​​secondi in Jugoslavia. Si stavano preparando per le vacanze estive quando la Jugoslavia fu espulsa dal torneo a otto squadre perché era in uno stato di guerra civile, e così la Danimarca ricevette una chiamata all’11.

Nonostante sia impreparata e in un girone difficile che comprende i padroni di casa Svezia, Inghilterra e Francia, la Danimarca è riuscita a qualificarsi per le semifinali grazie alla vittoria sulla Francia nell’ultima partita del girone.

La squadra danese a quel tempo aveva una spina dorsale forte. Avevano Peter Schmeichel in porta, Jon Jensen a centrocampo e la creatività di Brian Laudrup per aprire le difese.

Schmeichel è stato un eroe per il suo paese in semifinale contro una squadra olandese costellata di stelle, superando i rigori di Marco van Basten dopo un pareggio per 2-2 e mandando i danesi in finale.

Peter Schmeichel
Peter Schmeichel è stato uno dei protagonisti della vittoria della Danimarca nel 1992

Contro i campioni del mondo della Germania, Schmeichel ha dimostrato ancora una volta la differenza, salvando da Karl-Heinz Riedel, Stefan Reuter e Guido Buchwald, mentre la Danimarca ha sfruttato le sue poche occasioni con i gol di Jensen e Kim Vilfort per segnare una famosa vittoria per 2-0.

E, naturalmente, Schmeichel è di nuovo nel mirino della Danimarca nel torneo di quest’anno.

Kasper Schmeichel ha fatto un ottimo lavoro eguagliando i successi di suo padre finora, seguendo le orme dell’ex portiere del Manchester United vincendo la Premier League e, più recentemente, la FA Cup con il Leicester.

Ora ha nel mirino il trofeo dell’Europeo.

“Voglio avere successo con la Danimarca. Voglio vincere il Campionato Europeo”, ha detto Kasper Schmeichel prima dell’inizio del torneo.

“Voglio provare qualcosa di selvaggio con la Danimarca.”

Estro giovanile, esperienza e ispirazione per Eriksen

Per alcuni aspetti, ci sono somiglianze con la squadra del 1992 e la squadra attuale della Danimarca.

Hanno anche un forte nucleo con Schmeichel del Leicester, Andreas Christensen del Chelsea e l’attaccante del Barcellona Martin Braithwaite in attacco.

Eriksen avrebbe potuto essere parte integrante di quella spina dorsale, anche se non così impattante sul campo, è chiaro che può ancora sentirlo da lontano.

La Danimarca ha anche uno dei giovani talenti più interessanti del torneo, Mikkel Damsgaard.

L’ala ventenne, che gioca per la squadra italiana della Sampdoria, ha segnato uno dei gol del torneo quando ha portato i danesi in vantaggio nella cruciale finale del Gruppo B contro la Russia. Hanno continuato a vincere quella partita e ad assicurarsi il secondo posto.

Damsgaard è soprannominato “Damasinho” perché gioca con stile brasiliano e, segnando questo gol, ha fatto la storia, diventando il più giovane marcatore della Danimarca (20 anni, 335 giorni) in un torneo importante.

Ruggito di Roligans

Tifosi della Danimarca a Euro 1996
I fan della Danimarca sono sempre stati una presenza colorata e chiassosa ai tornei

L’Inghilterra ha un esercito di Barmian, la Scozia ha un esercito di tartan e la Danimarca ha un Roligan.

Negli anni ’80, la nazionale danese era conosciuta come la dinamite danese grazie al suo stile di calcio offensivo superiore. Ha guadagnato loro supporto in tutto il mondo, e così anche i loro sostenitori di colore.

Prende il nome dai Roligan – una destrezza della parola hooligan con rolig in danese che significa calma – erano noti per essere tra i tifosi più amichevoli del calcio, per avere buone maniere e divertirsi prima, durante e dopo le partite.

I fan della Danimarca hanno giocato ancora una volta un ruolo memorabile nella storia del loro paese fino a Euro 2020.

Hanno preso parte a quelle scene indimenticabili mentre si sono uniti ai tifosi finlandesi nel canto del nome di Eriksen durante la sospensione della partita mentre il centrocampista è stato portato in ospedale.

Non ci sono dubbi sul fatto che il loro supporto abbia aiutato i giocatori danesi a superare i momenti più difficili per passare ai quarti di finale.

Klaus Amundsen, tifoso danese ed ex capo della prima squadra danese dei Ruligans, ha dichiarato alla BBC Sport: “Non puoi dire esattamente cosa hanno fatto i tifosi, ma sicuramente hanno fatto qualcosa di grande. È una squadra fantastica per tutti noi”.

“Era una cosa molto importante per i giocatori sentire tutto l’amore. L’intera nazione si è trovata”.

Lettura dell'immagine del logo sulla BBC - blupiè di pagina - blu

READ  Charles Leclerc: I piloti possono essere amici fuori dal ring

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *