Euro 2020: l’Italia garantisce di consentire ai fan su dispositivi ROM

Cosa è successo in Italia?

La UEFA ha annunciato venerdì che Roma era tra le città ospitanti fino al 20 aprile per “fornire maggiori informazioni sui loro piani”, il che ha sollevato dubbi sul loro coinvolgimento in Euro 2020.

Tutte e quattro le partite sono state riservate alla Roma, compresa quella di apertura tra Italia e Turchia l’11 giugno.

“Ci sono navi in ​​Italia e Roma. La buona notizia è che il governo riconosce la presenza del pubblico a Euro 2020 di Roma e lo invieremo immediatamente alla UEFA “, ha dichiarato in un comunicato Gabriel Gravina, capo della FA italiana.

“La UEFA ha ricevuto oggi la conferma dalla Federcalcio italiana che è stata confermata dal governo italiano che il torneo UEFA Euro 2020 in programma per le Olimpiadi dello Stadio di Roma si svolgerà con spettatori”, ha detto mercoledì l’organo di governo.

“I funzionari hanno garantito che almeno il 25% della capienza dello stadio sarà riempito. Di conseguenza, la UEFA ritiene che la Roma sia completamente protetta come sede per le competizioni.

“I tifosi con i biglietti per le partite di Roma devono tenere presente che coloro che provengono da fuori Italia non sono esenti da eventuali restrizioni di viaggio in vigore al momento”.

Chi sta ancora aspettando la UEFA?

Viene da Monaco, Bilbao e Dublino, e le preoccupazioni sono le più gravi delle ultime due.

La federazione spagnola ha detto che il governo irlandese non aveva promesso di poter giocare davanti ai tifosi, mentre giocare a Bilbao era “impossibile” a causa delle restrizioni imposte dall’amministrazione basca.

Quando si decideranno le cose?

Il Congresso UEFA deve fornire una garanzia che le città in questione saranno in grado di ospitare le partite prima del 25% della capacità entro il 19 aprile. In caso contrario, la UEFA porterà a considerare opzioni alternative.

READ  Calhanoglu, c'è anche il PSG: il Milan è fiducioso nel rinnovo

L’Inghilterra potrebbe affrontare il Dublino in quattro partite, mentre un’altra città spagnola raccoglierà eventuali partite che il Bilbao non riuscirà a portare sul palco.

Cosa hanno deciso gli altri host?

Budapest ha guidato promettendo di tenere riunioni con una capacità del 100%, mentre anche San Pietroburgo e Baku si sono impegnate a consentire il 50%. Tutte e tre le città consentiranno agli appassionati di viaggi di entrare nel paese.

Gli altri cinque ospiti, inclusi Wembley e Hampton Park, inizieranno tutti con riunioni del 25%. Wembley spera di aumentare il numero di persone autorizzate a partecipare prima delle semifinali e finali del 19 luglio.

(Foto: Sylvia Lore / Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *