Estonia: la NATO ha bisogno di una forza permanente nell’Europa orientale per scoraggiare la Russia

L’Estonia chiede che la NATO abbandoni lo status di “filo d’inciampo” nell’Europa orientale e costruisca una forza permanente nella regione in grado di fermare un’offensiva russa.

In vista del vertice NATO di giovedì, Jonatan Vsefiev, segretario permanente del ministero degli Esteri estone, ha affermato che Europa Né l’alleanza del Nord Atlantico può tornare nel mondo che conosceva prima dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio.

“Saremo in un ambiente di sicurezza completamente nuovo. Ci sarà una nuova Ucraina. Ci sarà una nuova Russia. Ci sarà una nuova Europa. “Non si torna al 23 febbraio”, ha detto Vsefiev al Guardian in un’intervista a Washington.

Più di 20.000 soldati della NATO, la stragrande maggioranza dei quali sono forze statunitensi, sono stati dispiegati nella regione I paesi baltici, la Polonia e il resto dell’Europa orientale dopo l’invasione.

In precedenza c’erano solo poche migliaia di forze della coalizione nell’area, destinate a fungere da filo di sgancio che potrebbe essere aggirato in caso di attacco russo. Tuttavia, la presenza di soldati americani e dell’Europa occidentale tra loro aveva lo scopo di lasciare Mosca senza dubbio che quei paesi avrebbero inviato rinforzi significativi.

Vseevov, l’ex ambasciatore estone a Washington, ha affermato che il Cremlino lo aveva fatto Giudizio molto scarso In Ucraina, a causa della sua potenza militare, capacità, determinazione ucraina e determinazione occidentale, che non può più essere data per scontata, Mosca riceverà il messaggio e crederà che i rinforzi della NATO verranno in soccorso.

“L’approccio basato su tripwire si basa sul presupposto che la persona che viene dissuasa comprende la connessione tra il filo di rinforzo e le forze di rinforzo”, ha affermato.

READ  Uno studio ha trovato centinaia di flotte pescherecce che hanno messo il "buio" sospettato di pesca illegale | pesca

“Sapendo questo e comprendendo che ora abbiamo bisogno di costruire la difesa e la deterrenza della NATO, e la sicurezza europea in generale, a lungo termine”, ha detto Fisviev, “o deterrenza per rifiuto, se vuoi”.

Ha affermato che la quantità di truppe e attrezzature necessarie dipenderà dai pianificatori militari e dalle diverse situazioni nei diversi paesi. La forza non doveva essere abbastanza grande da impedire alla Russia di ottenere guadagni territoriali, ma era sufficiente per una feroce resistenza.

“Dobbiamo essere meno dipendenti dai rinforzi e avere più forze difensive negli stati in prima linea il primo giorno”, ha detto Fisviev. “Penso che ci sarà un ampio consenso politico nella NATO sulla necessità di muoversi in questo modo, e i dettagli più fini sono in fase di elaborazione”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha confermato che i cambiamenti a lungo termine della posizione della NATO in Europa saranno discussi questa settimana.

“Al momento, il nostro Segretario alla Difesa e Comandante supremo degli alleati in Europa ritiene di avere una posizione efficace oggi riguardo a ciò che è necessario oggi”, ha affermato Sullivan. “Il secondo [question] Qual è la posizione a lungo termine della forza, non solo per questa emergenza, questa emergenza, questa invasione, ma nel corso del tempo? Questo è qualcosa che il presidente discuterà con i suoi alleati al vertice della NATO giovedì”.

Dalla fine della Guerra Fredda, la capacità della NATO di spostare eserciti da ovest a est è diminuita. L’ammiraglio in pensione Mark Montgomery, ex vicedirettore dei piani, della politica e della strategia presso il Comando europeo degli Stati Uniti, ha affermato che il numero di vagoni ferroviari per carri armati e altre attrezzature pesanti si è ridotto da centinaia a una manciata, ad esempio. La ricostruzione delle infrastrutture è iniziata solo di recente.

“Penso che questo in realtà dimostri che il piano baltico per cercare di integrare più strettamente gli Stati Uniti con gruppi di unità sempre più grandi è il gioco giusto”, ha affermato Montgomery, ora senior fellow presso la Foundation for Defense of Democracies. “Vuoi gli Stati Uniti con gli stivali per terra fin dal primo giorno.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *