Esclusivo – La Presidenza italiana del G20 farà pressioni per la cancellazione del debito e nuovi diritti di prelievo dal Fondo monetario internazionale

Un alto funzionario del team finanziario del G20 a Roma ha detto a Reuters che l’Italia, presidente del G20 di quest’anno, spingerà i suoi membri a estendere le esenzioni dal debito per i paesi poveri che lottano per affrontare la pandemia di coronavirus.

L’Italia era anche fiduciosa che la presidenza Biden avrebbe preannunciato una posizione più cooperativa rispetto agli Stati Uniti sulla cooperazione finanziaria internazionale, in particolare in settori come il cambiamento climatico e gli aiuti ai paesi più poveri. “Dobbiamo dare spazio fiscale ai paesi a basso reddito che sono in estrema difficoltà”, ha detto in un’intervista Gelsomina Figliotti, Direttore del Tesoro italiano per le relazioni finanziarie internazionali, mentre ha delineato le priorità del Paese per la sua presidenza.

Vigliotti ha detto che l’Italia, che ha assunto la presidenza del G20 a dicembre, farà pressioni per estendere la Debt Service Suspension Initiative (DSSI) fino alla fine dell’anno per congelare i pagamenti bilaterali del servizio del debito a più di 40 paesi. Le restrizioni varate per combattere l’epidemia hanno colpito paesi particolarmente poveri e minacciano di spingere milioni di persone nella povertà estrema. Molti paesi che hanno già affrontato livelli di debito schiaccianti prima della crisi dovranno ristrutturare i loro prestiti o affrontare il default.

L’indice DSSI, promosso dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale e approvato dal G20, è stato introdotto nel maggio dello scorso anno ed è attualmente destinato a scadere il prossimo giugno. “Il debito sarà sicuramente una questione molto importante per la Presidenza italiana”, ha detto Vigliotti.

Il funzionario italiano del G20 ha affermato che per una maggiore assistenza ai paesi poveri, l’Italia solleciterà il G20 a sostenere la nuova emissione da 500 miliardi di dollari della valuta del Fondo monetario internazionale, nota come Diritti speciali di prelievo (SDR), descrivendola come una “priorità assoluta”. ” La precedente amministrazione statunitense di Donald Trump aveva bloccato l’idea di emettere nuovi diritti speciali di prelievo, in un passo più vicino alla banca centrale che stampava moneta, dicendo che avrebbe fornito più risorse ai paesi ricchi perché la sua allocazione sarebbe stata proporzionale alle loro partecipazioni in il Fondo monetario internazionale.

READ  CNH conclude i colloqui con la cinese FAW sulla vendita dell'unità Iveco

Vigliotti ha respinto questo argomento, dicendo che i paesi ricchi che non hanno bisogno dei DSP assegnati loro possono restituirli alla struttura del FMI che può a sua volta prestare ai paesi poveri. Ha detto: “L’obiettivo è garantire l’assegnazione di nuovi diritti speciali di prelievo a disposizione dei paesi più bisognosi”, aggiungendo che esiste un “consenso generale” su questo tema all’interno del G20.

“Dipendiamo dal fatto che la nuova amministrazione Biden avrà una posizione diversa su questo tema”, ha detto. Separatamente, un funzionario francese del G20 ha anche detto a Reuters che Parigi è stata incoraggiata dai segnali che Biden non avrebbe bloccato i nuovi DSP come ha fatto Trump.

Nel complesso, il cambiamento del governo degli Stati Uniti ha già avuto un impatto “tangibile” sugli affari del G20, ha detto Vigliotti, attraverso un approccio più costruttivo e multilaterale al cambiamento climatico e investimenti finanziari sostenibili. La presidenza italiana del G20 ha avuto un inizio difficile con il crollo del governo a Roma quando un partner minore si è ritirato dalla coalizione di governo. Vigliotti ha minimizzato le turbolenze politiche interne, dicendo che non cambierà il programma del G20 nel Paese che era già stato concordato con i suoi partner.

Ha detto che favorire un sistema fiscale internazionale più equo e sostenibile sarebbe un’altra priorità per la Presidenza italiana. Ha detto che Roma spera di mediare un ampio accordo entro giugno sulla tassazione dell’economia digitale e sui livelli minimi globali di imposta sulle società, sulla base del lavoro preparatorio dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

E ha avvertito che “il mancato raggiungimento di un accordo avrà conseguenze negative e indebolirà la fiducia nella capacità di trovare soluzioni multilaterali”. (Copertura con Crispin Palmer a Roma e Le Thomas a Parigi; Montaggio di Toby Chopra)

READ  Super Mario e il ritorno dell'economia dal lato dell'offerta

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *