Esclusiva per Emerson Palmieri: “Roberto Mancini mi ha detto di lasciare il Chelsea

“Quando sei in un club, hai un rapporto più stretto con alcuni giocatori e non tanto con altri, è del tutto normale. Ma poi arrivi alla nostra nazionale ed è incredibile, vai d’accordo con tutti i giocatori. Possiamo sedersi a tavola e parlare per ore, è come fratelli che non si incontrano da tanto tempo

“Non abbiamo piccoli gruppi nello spogliatoio e questo è merito soprattutto di Mancini. Ha il controllo completo anche su ciò che accade dentro e fuori dal campo. Ti fa sentire davvero a tuo agio, quindi ogni volta che vado al nostro campo di allenamento a Coverciano, so che mi divertirò molto”.

Palmieri considera il suo compagno di squadra del Chelsea Jorginho come il suo migliore amico in squadra, condividendo una stanza con lui durante i viaggi all’estero, ma è anche vicino al difensore centrale dell’Atalanta Rafael Toloi, un altro giocatore che ha scelto di giurare fedeltà all’Italia piuttosto che nascere. Paese del Brasile.

Altri hanno percorso questa strada – pensa Thiago Motta, Altafini, Amauri ed Eder – e probabilmente non si fermerà qui, con i funzionari italiani che ora hanno Rafinha del Leeds United, Gabriel Martinelli dell’Arsenal e Luiz Felipe della Lazio sul loro radar.

Palmieri, che è di origini italiane insieme a sua madre, ammette: “Questa è una cosa molto difficile. Mi ci sono voluti cinque mesi per prendere finalmente una decisione dopo che mi si sono avvicinati. Mi hanno fatto sentire desiderato, ma avevo ancora bisogno di un po’ di tempo per capire come mi sentivo al riguardo». Venivo dal Brasile eppure non mi parlavano mai. All’epoca giocavo a Roma e, tra gli altri, Alisson scherzava sul fatto che avrei dovuto sceglierli.

READ  AP's Top 25 Poll: Texas A&M University takes fourth place over Notre Dame in the collegiate soccer final ranking

“Stavo giocando bene, ho fatto notizia in Serie A e mi aspettavo che qualcuno della CBF mi desse un feedback. Non ho chiesto loro di chiamarmi, ma potevano dirmi che mi stavano guardando. Non l’hanno mai fatto e io ho finito per fare quello che sentivo fosse giusto per il mio cuore”. E questo è stato giocare per l’Italia. È stata la decisione migliore che potessi prendere”.

Con il suo contratto con il Chelsea in scadenza alla fine della prossima stagione, il terzino sinistro avrà presto un’altra grande chiamata da fare nella sua carriera, con l’Inter l’ultimo club ad essere legato a una mossa per lui. Il suo entourage ha uno stretto rapporto con l’allenatore tedesco Thomas Tuchel e vuole chiedergli dei suoi piani dopo gli Europei.

Dice: “Cerco di non pensare troppo a questi problemi. Ho i miei obiettivi personali e penso che la migliore risposta che posso dare a riguardo sia sul campo, facendo bene il mio lavoro. Alla fine, tutto accade nel modo in cui dovrebbe, quindi non mi preoccupo di questo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *