Erdogan ha discusso le relazioni Turchia-Italia con il premier Troki

Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha tenuto una conversazione telefonica con il primo ministro italiano Mario Draghi martedì per discutere gli sviluppi regionali, ha detto in una dichiarazione la direzione presidenziale per le comunicazioni.

I due leader hanno discusso i modi per migliorare le relazioni bilaterali e le misure da adottare in relazione alle questioni regionali.

Erdogan ha detto a Tracy da parte sua che il rafforzamento del partenariato strategico tra i due paesi contribuirebbe notevolmente alla stabilità e alla prosperità nella regione e che Ankara vuole ospitare presto il terzo vertice del governo internazionale Turchia-Italia.

Il presidente ha detto che la Turchia si è impegnata ad aumentare il volume degli scambi bilaterali a 30 miliardi di dollari.

Erdogan ha osservato che l’accesso all’UE era l’obiettivo strategico della Turchia e che sperava che l’Italia continuasse a sostenere questo obiettivo.

Riferendosi allo “sfortunato” abbandono della Turchia e dell’Italia nella crisi dell’immigrazione, Erdogan ha sottolineato la necessità di un’equa distribuzione e condivisione degli oneri di immigrati e rifugiati.

Ha affermato che il quinto accordo annuale sull’immigrazione Turchia-UE dovrebbe essere rinnovato di conseguenza e che formerà la base per sviluppi positivi nelle relazioni Turchia-UE.

Il Presidente ha osservato che la Turchia sostiene la stabilità e la cooperazione nel Mediterraneo orientale e nell’Egeo e sostiene una soluzione a due Stati alla questione di Cipro.

La Turchia e l’Italia intrattengono rapporti favorevoli basati sulla fiducia reciproca. Entrambi i paesi hanno sostenuto la risoluzione della crisi libica e la Turchia ha elogiato l’Italia per i suoi contributi. Tuttavia, l’Italia si è opposta all’insediamento sia della Turchia che della parte settentrionale turca di Cipro.

I membri della NATO, due potenze regionali, Turchia e Italia, condividono interessi, storia e valori comuni nel Mediterraneo.

READ  Sospetti di anziani soli e seconde case- Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *