Epidemia di Ebola in Guinea: i paesi dell’Africa occidentale sono in massima allerta

Funzionari sanitari nel distretto sud-orientale di Nzirikor hanno detto che sette persone che hanno partecipato al funerale di un’infermiera sono risultate positive alla malattia e hanno avuto sintomi come diarrea, vomito e sanguinamento. Tre di loro sono morti dopo il funerale del 1 febbraio. Non è chiaro se l’infermiera, che lavorava presso il locale centro sanitario, sia morta di Ebola.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha promesso sostegno alla Guinea per aiutare ad acquistare il vaccino contro l’Ebola che ha aiutato a controllare i recenti focolai nella Repubblica Democratica del Congo. I suoi team stanno già lavorando sul campo per aiutare a garantire la prevenzione e il controllo delle infezioni nelle strutture sanitarie e in altri siti chiave oltre a raggiungere le comunità.

Un centro per il trattamento dell’Ebola aprirà anche nel distretto di Gouecke di N’Zerekore, dove è stata annunciata l’epidemia.

La Croce Rossa ha detto in un comunicato che una rete di oltre 700 volontari formati “è stata attivata come parte della prima ondata di risposta e il governo ha invitato le persone a rispettare le misure di igiene e prevenzione e informare la salute dei segni di malattia. Autorità”.

La più grande epidemia di Ebola nel mondo finora è iniziata nel 2014 in Guinea ed è durata fino al 2016, e si è diffusa nelle vicine Liberia e Sierra Leone. Più di 28.000 persone sono state infettate e oltre 11.000 di loro sono morte.

L’attuale epidemia è ricominciata in una regione di confine della Guinea e l’Organizzazione mondiale della sanità afferma che sta lavorando con le autorità sanitarie in Liberia e Sierra Leone per aumentare la sorveglianza nelle zone di confine e migliorare la capacità di testare i casi.

“È di grande preoccupazione vedere la recrudescenza di Ebola in Guinea, un paese che ha già sofferto molto a causa della malattia. Tuttavia, attingendo all’esperienza e all’esperienza acquisita durante la precedente epidemia, le squadre sanitarie in Guinea si stanno muovendo rapidamente”, ha detto il dottor Machidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Organizzazione mondiale della sanità, Global Africa, “seguendo il corso del virus e frenando ulteriori infezioni”. La situazione attuale.

“L’Organizzazione mondiale della sanità sostiene le autorità nella creazione di strutture di screening, tracciamento dei contatti e trattamento e nel raggiungimento di una risposta completa a tutta velocità”.

In un tweet, Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato: “#Guinea ha molti anni di esperienza nella lotta contro #Ebola, con abili gestori di incidenti e vaccinatori … il governo sta agendo. Uno dei primi passi sarà garantire che la comunità comprenda il rischi e si uniranno in risposta. Il loro ruolo è cruciale “.

I paesi dell’Africa occidentale sono in allerta e la Nigeria afferma che sta monitorando la situazione e lancerà un avviso di salute pubblica per affrontare le preoccupazioni nel paese più popoloso dell’Africa.

READ  La giornata inizia molto fredda e si dirige verso gli anni '60

La malattia da virus Ebola, che colpisce più comunemente gli esseri umani e primati non umani come scimmie, gorilla e scimpanzé, è una malattia grave che si diffonde per la prima volta dagli animali selvatici all’uomo. Gli esseri umani possono essere infettati da altre persone se entrano in contatto con i fluidi corporei di una persona infetta o con oggetti contaminati di persone infette. Gli esseri umani possono anche essere esposti al virus, ad esempio, macellando animali infetti.

In media, circa il 50% delle persone che contraggono l’Ebola muore, sebbene questo sia variato dal 25% al ​​90% nei focolai precedenti. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.
Nuovi casi di virus Ebola sono stati segnalati questo mese anche nella Repubblica Democratica del Congo. Il 7 febbraio, l’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato un nuovo caso Ebola a ButemboSi trova nella provincia del Nord Kivu del paese. L’Ufficio Regionale dell’Oms per l’Africa ha detto, sabato, che un terzo caso di virus Ebola è stato confermato nella città di Katawa, vicino a Butembo.

L’agenzia sanitaria ha detto che sta lavorando con i partner per fornire forniture mediche essenziali a supporto delle autorità sanitarie locali. Lunedì sono iniziate anche le operazioni di vaccinazione nell’area.

Finora la Repubblica Democratica del Congo ha dovuto affrontare diversi focolai di Ebola. Nel giugno 2020, la Repubblica Democratica del Congo ha segnalato l’undicesima epidemia di Ebola. Sono stati segnalati un totale di 130 casi confermati e probabili, insieme a 55 decessi.

Maria Fleet della CNN, Mia Alberti, Mira Synthellingam, Sharon Braithwaite e Nimi Princewell hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *