Energy News: il Regno Unito si prepara a liberare le sue riserve di petrolio in un duro colpo per ricattare Putin | Politica | Notizia

I prezzi del petrolio sono aumentati dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina più di un mese fa. È stato registrato a 97 sterline al barile all’inizio di questo mese, in aumento del 21% rispetto al picco precedente nel 2012.

Questo aumento ha costretto i leader mondiali a considerare fonti alternative di petrolio, comprese le riserve interne.

Il presidente Joe Biden ha annunciato questa settimana che gli Stati Uniti rilasceranno circa 1 milione di barili di petrolio al giorno dalle proprie riserve per sei mesi.

Il programma inizierà a maggio e fornirà “una quantità storica di forniture che servirà da ponte fino alla fine dell’anno, quando la produzione interna sarà in aumento”, secondo la Casa Bianca.

“Gli Stati Uniti sono il più grande produttore mondiale di petrolio ed esportatore netto di energia”, ha affermato in una nota.

“Nonostante ciò, le azioni di un dittatore in mezzo mondo incidono ancora sulle finanze delle famiglie americane”.

Ciò avviene in mezzo all’aumento dei prezzi della benzina negli Stati Uniti.

Questi, ovviamente, hanno sofferto anche nel Regno Unito, nonostante i tentativi del Cancelliere di abbassare i prezzi nella sua ultima dichiarazione di primavera.

Per questo motivo, la mossa “storica” ​​viene presa in considerazione anche qui in Gran Bretagna.

Per saperne di più: Sostenitori Brexit assolti dalla candidatura di Macron alla “Federazione Ue”

Il ministero degli Affari ha rifiutato di commentare se il governo stesse effettivamente considerando tali proposte.

Viene dopo che la Russia ha insistito sul fatto che avrebbe interrotto le forniture di energia ai paesi “ostili” – cioè quelli principalmente occidentali, che hanno imposto sanzioni a Mosca dopo l’invasione dell’Ucraina – a meno che non si trasformi in pagamenti in rubli.

READ  Salute di Joe Biden: Democratici accusati di promuovere candidati "inappropriati" e "tradire" gli Stati Uniti | Il mondo | notizia

Putin ha detto giovedì ai leader mondiali: “Per acquistare gas russo, devono aprire conti in rubli nelle banche russe. Da quei conti, il pagamento del gas verrà effettuato dal 1 aprile.

“Se tali pagamenti non vengono effettuati, considereremo ciò un mancato rispetto da parte del cliente dei propri obblighi”.

Mentre i leader si sforzano di recidere i legami con l’energia russa, è stato anche riconosciuto che un grande danno può essere fatto alle economie occidentali se accade troppo rapidamente senza prima creare alternative praticabili.

L’Agenzia internazionale per l’energia è stata contattata per un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *