Emma Raducano è “positiva” nonostante l’uscita del Real Madrid, ma ammette che i guai della Roma saranno un “vero peccato” | tennis | gli sport

Raducano ha avuto una prima stagione di fango di successo, raggiungendo i suoi primi quarti di finale dell’anno a Stoccarda la scorsa settimana e perdendo nove partite in rotta verso il terzo turno a Madrid. La sua corsa a Caja Magica si è conclusa contro la numero 37 del mondo Kalinina che ha battuto la nona testa di serie in 2 ore e 19 minuti.

Dopo essere uscita dall’Open di Madrid, la 19enne ha ammesso di essere ancora “positiva” ma di aver avuto un infortunio alla schiena che le ha lasciato poche possibilità di vincere e potrebbe tenerla fuori dalla WTA 1000 a Roma in seguito. settimana. “Mi sarei dato una possibilità del cinque percento di vincere quella partita, e perché ciò accadesse quasi, penso che sia stata una cosa positiva”, ha detto il campione degli US Open.

Parlando dei suoi piani per l’imminente Open d’Italia, Raducanu non ha potuto confermare che avrebbe sicuramente fatto il suo debutto a Roma dopo aver lottato con la schiena. Ha continuato: “Non sono ancora sicura di cosa farò, se tornerò a casa dopo o direttamente alla Roma. Il piano ora è di continuare ad andare a Roma. Non sono sicuro di quando inizierò. Forse Lunedì o martedì. Spero che sia abbastanza tempo perché sarebbe un vero peccato perderlo”.

Solo dentro: Novak Djokovic ignora Roger Federer per il “più grande contendente” di Rafael Nadal

“Stavo lottando un po’ per la schiena, a dire il vero. Nel corso della settimana ho avuto dei dossi e questo ha influenzato tutte le partite a quel livello”, ha ammesso. “Penso che sia una buona cosa che mi sento come se stessi lottando con questo e il mio corpo si sta sviluppando con ogni partita che gioco”.

READ  Patrimonio netto di Charles Leclerc 2022: quanto paga la Ferrari a Charles Leclerc?

Lunedì inizia l’Open d’Italia, un altro evento ATP/WTA da 1.000 punti. Se giocato, sarà l’ultimo torneo di Raducanu prima della sua prima apparizione agli Open di Francia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *