Elezioni in Francia: Marine Le Pen ed Emmanuel Macron subiscono risultati umilianti nel voto regionale | notizie dal mondo

L’estrema destra francese ha subito un’altra triste notte nelle elezioni regionali del paese, poiché il raduno nazionale di Marine Le Pen non è riuscito a vincere nessuna delle dodici regioni continentali in cui si trovava.

Dopo una serie di risultati deludenti nei sondaggi in anticipo questo meseI suoi candidati sono stati nuovamente in gran parte respinti poiché altri elettori sembravano essersi riuniti per impedire una svolta.

La signora Le Pen, che ha perso le elezioni presidenziali del 2017 contro Emmanuel MacronHa riconosciuto che il suo partito – precedentemente noto come Fronte Nazionale – aveva fallito in tutta la terraferma Francia12 regioni.

Il partito della Repubblica al governo di Macron, che era inesistente al momento dell’ultimo voto regionale nel 2015, non è riuscito a garantire una regione a sé stante, una serie di risultati umilianti per il leader del paese.

immagine:
Il leader di estrema destra del National Rally francese, Le Pen, ha ammesso la sconfitta in tutte e 12 le regioni continentali
Il presidente francese Emmanuel Macron saluta accanto a sua moglie Brigitte Macron, mentre saluta la gente del posto in un seggio elettorale a Le Touquet, in Francia, durante il secondo turno delle elezioni regionali del 27 giugno 2021. Ludovic Marin / Pool via REUTERS
immagine:
Macron spera di essere rieletto l’anno prossimo, ma anche il suo partito ha avuto scarsi risultati a livello regionale

L’agenzia di sondaggi Ifop ha stimato che il National Rally ha ricevuto poco più del 20% dei voti a livello nazionale, rimanendo indietro rispetto alla destra tradizionale e al peso combinato dei candidati verdi e di sinistra.

La cosa più deludente per Le Pen è che il suo partito ha subito una schiacciante sconfitta nel sud-est della Francia, un’area che si diceva avesse le migliori possibilità di ottenere guadagni nelle votazioni del consiglio regionale.

READ  La polizia israeliana ferma la marcia di estrema destra attraverso Gerusalemme | Israele

I sondaggi hanno suggerito che nessuno dei territori catturati ha finito per passare di mano, con la destra principale aggrappata ai sette e la sinistra agli altri cinque.

Xavier Bertrand, un conservatore del nord della Francia, che spera di affrontare Macron nelle elezioni presidenziali del 2022, ha notato che il raduno nazionale si è “fermato” nella sua regione superiore della Francia.

“L’abbiamo fatta tornare indietro in modo significativo”, ha aggiunto.

Il candidato del partito conservatore Xavier Bertrand corre nel nord e dovrebbe essere il favorito per correre contro Macron nel 2022.
immagine:
Il candidato conservatore Xavier Bertrand corre nel nord e dovrebbe essere il favorito per correre contro Macron nel 2022.

I critici hanno visto le elezioni regionali come un test critico per capire se il partito anti-immigrazione della signora Le Pen gode di un fascino significativo in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno.

I risultati suggeriscono che le opinioni ostili di Le Pen sugli immigrati e sull’Unione europea sono sgradevoli per molti, ma alcune analisi mettono in guardia dall’estrapolare i risultati nazionali nella competizione del 2022.

Va anche notato che l’affluenza di domenica è stata tiepida, raggiungendo meno del 30% nel tardo pomeriggio. È in calo rispetto al minimo storico del 33% nel primo turno di votazioni del 20 giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *