Elezioni catalane: i partiti di indipendenza ottengono la maggioranza regionale | Politica | notizia

Un blocco di partiti indipendentisti ha vinto il 51% nel ballottaggio di domenica, con il 99% dei voti contati. Le elezioni si sono concluse con un triplice legame tra i socialisti e due movimenti separatisti, la Sinistra repubblicana catalana e Insieme per la Catalogna. Anche l’estrema destra Fox ha ottenuto l’11% dei voti mentre i partiti di centro-destra vacillano.

Di conseguenza, il Partito unionista entrerà per la prima volta nel parlamento regionale della Catalogna.

“Siediti e parla. Vorrei inviare un messaggio alle autorità europee, i risultati sono chiari”, ha detto Berry Aragones, della sinistra repubblicana catalana.

Il popolo catalano ha parlato, è ora di negoziare i termini di indipendenza.

Il suo partito ha superato i 33 seggi nei 135 parlamenti regionali, lo stesso numero dei socialisti, nonostante non abbia ottenuto altrettanti voti.

“Per la prima volta, il movimento per l’indipendenza ha vinto più del 50 per cento dei voti”, ha aggiunto Aragones.

Il signor Aragones ha agito come leader regionale da quando il politico separatista Kim Tora è stato estromesso lo scorso settembre dopo aver rifiutato di rimuovere le icone pro-indipendenza da un edificio governativo.

Kim ha detto, descrivendo i risultati delle elezioni come una “fragorosa vittoria indipendentista”.

Il governo di minoranza guidato dai socialisti di Pedro Sanchez, che faceva affidamento sulla sinistra repubblicana catalana per ottenere voti nel parlamento nazionale, ha escluso un referendum sull’indipendenza.

Il partito “Insieme per la Catalogna”, guidato da Carles Puigdemont, è arrivato terzo, con 32 seggi e il 20 per cento dei voti.

L’indipendenza catalana ha preso piede negli ultimi dieci anni, il che ha portato a continui litigi con Madrid.

READ  Nessuna conferenza stampa congiunta dopo il vertice Biden-Putin: Casa Bianca | Joe Biden

Nell’ottobre 2017, le autorità regionali hanno tenuto un riferimento non autorizzato all’indipendenza e il parlamento catalano ha successivamente rilasciato una dichiarazione di indipendenza.

Di conseguenza, un certo numero di eminenti politici separatisti sono stati condannati a dure pene detentive.

Dovrebbe leggere: L’UE si prepara al pandemonio mentre un insider avverte del “ deterioramento della Germania ”

La Catalogna è una regione ricca nel nord-est della Spagna, che ospita circa 7,5 milioni di persone.

L’offerta di indipendenza nel 2017 ha scatenato la più grande crisi politica degli ultimi 40 anni, che ha visto la regione ritirarsi dalla sua autonomia per sette mesi mentre Madrid affrontava le ricadute.

Nel 2019, la Corte Suprema spagnola ha condannato nove politici e attivisti separatisti da 9 a 13 anni di carcere per quello che è stato considerato il referendum illegale sull’indipendenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *