Ecco perché questo Paese ospita gli yacht degli oligarchi russi sotto sanzioni

Il giorno dopo che il 9 marzo il miliardario Andrei Melnichenko è stato inserito nell’elenco delle sanzioni dell’Unione Europea, il suo yacht di lusso con motore A ha smesso di trasmettere la sua posizione mentre si trovava nelle acque delle Maldive, secondo i dati marini.

In Italia, quattro giorni dopo, le autorità hanno sequestrato un’altra delle navi di Melnichenko, lo yacht a vela più grande del mondo, il cui valore è stato stimato dalla guardia di finanza italiana in 578 milioni di dollari.

La disattivazione dei dispositivi che consentono alle autorità di tracciare la posizione di una nave può aiutare a tenere gli yacht fuori dalla loro vista.

Ma alle Maldive, le possibilità di azione contro gli oligarchi sanzionati sono comunque scarse, secondo le interviste con dozzine di persone che hanno familiarità con le discussioni interne su come rispondere alle sanzioni finanziarie statunitensi ed europee, inclusi ministri del governo, diplomatici ed esperti nel settore dei superyacht del paese .

L’approccio cauto adottato dalle autorità delle Maldive per far rispettare le sanzioni imposte dopo l’invasione russa dell’Ucraina significa che la nazione insulare dell’Oceano Indiano è emersa come una destinazione attraente per i ricchi proprietari di yacht russi.

La nave di Melnichenko è uno dei sei yacht legati alla Russia che ha sciato tra le Maldive, nel sud-ovest dell’India, da quando i Paesi occidentali hanno colpito alcuni oligarchi con sanzioni in risposta all’invasione del 24 febbraio.

Tre degli yacht hanno bloccato le loro posizioni live, cambiato le destinazioni segnalate o si sono spostati in acque internazionali, secondo i dati forniti da MarineTraffic, una società che fornisce analisi marine.

Il procuratore generale del Paese, Hussain Shamim, ha affermato in un’intervista che l’idea di sequestrare gli yacht è “inverosimile”, poiché il sistema legale delle Maldive non è abbastanza forte, aggiungendo che le autorità non possono confiscare facilmente le navi in ​​visita a meno che un reato è stato commesso ai sensi del diritto locale. Legge.

READ  UniCredit lancia in Italia un progetto pilota di formazione dei dipendenti

Le richieste di commento sulla disattivazione dei localizzatori di Motor Yacht A e sul loro attuale stato di proprietà, che sono state inviate al portavoce di Melnichenko e alla sua fondazione di beneficenza, al produttore di fertilizzanti EuroChem Group e alla società carboniera SUEK – due società da cui si è dimesso a marzo, sono rimaste senza risposta.

Il mese scorso, il suo portavoce ha detto a Reuters che l’uomo d’affari si sarebbe opposto alle sanzioni, aggiungendo che non aveva affiliazioni politiche.

Lo yacht A di 119 metri (390 piedi) presenta mobili in cristallo e tre piscine, foto pubblicate dalla sua galleria di costruttori ed è stato valutato in pubblicazioni di nautica speciale per $ 300 milioni. La moglie di Melnichenko ha detto di essere impegnata nel design degli interni.

Un portavoce di Melnichenko ha ammesso nel 2017 in una dichiarazione alla BBC che lo yacht a vela è di proprietà del suo capo. Entrambe le navi sono state progettate dal famoso designer francese Philippe Starck.

rifugio sicuro

Fonti consultate da Reuters alle Maldive affermano che la situazione alle Maldive evidenzia la difficoltà incontrata dalle potenze occidentali nel soffocare la ricchezza dell’oligarchia presa di mira dalle sanzioni a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, dove diversi paesi del mondo forniscono ancora rifugi sicuri.

Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Europea hanno imposto sanzioni ad ampio raggio al presidente russo Vladimir Putin, a legislatori e uomini d’affari sulla scia dell’invasione, che Mosca descrive come un’operazione militare speciale volta a “disarmare” e “disarmare” l’Ucraina.

I paesi europei hanno confiscato proprietà tra cui ville e barche e le autorità hanno confiscato almeno sei navi che secondo loro appartenevano a dozzine di oligarchi colpiti dalle sanzioni.

READ  La Corte Suprema chiude un procedimento penale in India contro i marines italiani per l'uccisione di pescatori indiani nel 2012

Peter Stano, portavoce della Commissione europea, ha affermato che le sanzioni non sono vincolanti per i paesi non UE o per i paesi non allineati come le Maldive, sebbene abbia invitato tutti i paesi a rispettarle.

Le Maldive hanno votato per condannare l’invasione russa alle Nazioni Unite e hanno affermato pubblicamente che avrebbe aiutato gli sforzi internazionali contro i russi sanzionati.

In effetti, i funzionari si dicono preoccupati per l’impatto economico di scoraggiare i ricchi visitatori russi.

Con le sue spiagge bianchissime e circa 1.200 isole, la maggior parte delle quali disabitate, le Maldive sono le preferite dai ricchi.

Da una regione isolata con scarse risorse naturali diverse dal tonno e dalle noci di cocco, il turismo l’ha spinta in un paese a reddito medio negli ultimi tre decenni. Il PIL pro capite prima della pandemia era di oltre $ 10.000, il più alto dell’Asia meridionale.

Il turismo rappresenta circa un terzo dell’economia da 5,6 miliardi di dollari. I dati del ministero del Turismo russo hanno mostrato che i russi hanno speso al di sopra della media e hanno rappresentato di gran lunga il maggior numero di arrivi a gennaio, l’ultimo mese prima dell’invasione ucraina.

Da allora, il numero degli arrivi russi è diminuito del 70%, ha affermato il ministro del Turismo Abdullah Mausom. Vuole che sia invertito.

“La nostra politica di ingresso è molto aperta. Le Maldive sono un paese aperto”, ha affermato.

“Nessuno può toccarla”

Abdul Hanan gestisce Seal Superyachts Maldives, fornendo carburante e cibo agli armatori, compresi i clienti russi.

Hanan ha detto che gli yacht di solito costano centinaia di migliaia di dollari a settimana e che circa la metà dei suoi clienti sono russi. Come altri armatori di yacht di lusso, ha detto, trascorrono spesso l’inverno nell’Oceano Indiano e la stagione estiva in Europa.

Hanan ha detto di aver incontrato alcuni armatori russi sui loro mega yacht da quando sono state annunciate le sanzioni, descrivendoli come “persone normali e umili” che stanno attraversando un momento difficile. Non ha detto se le persone fossero soggette a sanzioni.

READ  1,5 milioni di nigeriani in Italia hanno bisogno del passaporto - Organizzazione della diaspora

“In questo momento, stanno cercando di mantenere gli yacht in acque internazionali”, ha detto, dove probabilmente rimarranno inattivi per mesi.

“Allora nessuno può toccarlo.”

Ha rifiutato di fornire i nomi dei clienti, citando la riservatezza.

Un portavoce dell’Autorità doganale delle Maldive, che controlla il traffico marittimo nelle sue acque, non ha risposto a una richiesta di commento sul numero di yacht di proprietà russa attualmente esistenti.

diplomazia sensibile

Un funzionario che ha familiarità con gli accordi finanziari internazionali delle Maldive ha affermato che mentre le istituzioni delle Maldive avrebbero difficoltà a ignorare l’avvertimento del Tesoro degli Stati Uniti secondo cui il mancato sequestro di attività russe avrebbe influenzato il loro accesso ai mercati finanziari statunitensi, non è stato inviato alcun messaggio del genere.

Alla domanda su luoghi tra cui le Maldive, Andrew Adams, capo di una task force statunitense volta a congelare i beni degli oligarchi, ha detto a Reuters che Washington stava assistendo alla cooperazione “ai massimi storici”, anche se gli oligarchi cercano di nascondere yacht, aerei o altro mobile in paesi che ritengono segreti.

Tuttavia, due diplomatici occidentali hanno affermato che costringere le Maldive politicamente instabili e finanziariamente limitate a fare una scelta difficile sulle sanzioni potrebbe avvicinarle alla Cina. Un precedente governo aveva rafforzato i legami con Pechino, anche se le relazioni con l’Occidente e l’India tradizionale alleata stanno ora migliorando.

“Siamo consapevoli dei rischi economici coinvolti” per le Maldive se prenderanno una linea dura, ha detto un diplomatico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *