E-scooter banditi dai parchi più famosi di Londra dopo 6 morti

Gli scooter elettrici non saranno ammessi ai Royal Parks di Londra per motivi di sicurezza.

L’ente benefico di Royal Parks, che è presieduto dal principe Carlo, ha deciso di non provare gli e-scooter in nessuno dei suoi otto parchi, tra cui Hyde Park, Regent’s Park e Kensington Gardens, secondo un rapporto. Specchio.

Londra è una delle oltre 50 città e paesi da vivere e-scooter.

Per saperne di più: La linea di autobus londinese di 43 ore da Victoria che attraversa 8 paesi e 3 fusi orari tutti sotto £ 100

La fantastica newsletter di MyLondon 12 Ricco di notizie, opinioni, caratteristiche e pareri da tutta la città.

Ogni giorno ti invieremo un’e-mail gratuita intorno alle 12:00 con 12 storie per farti divertire, informarti e tenerti aggiornato. È la lettura perfetta per l’ora di pranzo.

Il team di MyLondon racconta storie ai londinesi. I nostri 45 giornalisti coprono tutte le notizie di cui hai bisogno, dal municipio alle strade locali.

Non perdere un attimo iscrivendoti alla newsletter 12 Qui.

Il processo è iniziato a Londra a giugno, ma gli e-scooter saranno ora banditi dai parchi gestiti dall’organizzazione benefica, nonostante le chiamate degli ambientalisti.

In risposta a una richiesta per la libertà di informazione, l’ente di beneficenza ha confermato il divieto, affermando: “Royal Parks non sta considerando di condurre prove di scooter elettrici in nessuno dei suoi parchi”.

Sul suo sito web, ha aggiunto: “I giardini sono principalmente luoghi di svago tranquillo dove i pedoni hanno la priorità.

“Riteniamo che la velocità e la furtività degli scooter rappresentino un rischio inaccettabile per i pedoni, in particolare quelli con problemi di mobilità o con problemi di vista o udito”.

READ  Nintendo Switch new review codenamed Aula Datamined; To distinguish OLED screen, New Dock, 4K support and more

Nonostante la sua popolarità in un certo numero di città tra cui Berlino, Lisbona e Bristol, ci sono state preoccupazioni per il numero di incidenti associati ai ciclomotori, che hanno una velocità massima di 12,5 mph.

I ricercatori prevedono che gli e-scooter potrebbero essere responsabili di 200.000 incidenti entro la fine dell’anno e sono già stati coinvolti in sei decessi nel Regno Unito.

Ciò ha portato la Federazione nazionale dei ciechi a chiedere la fine dei processi.

Nel luglio 2019, la presentatrice televisiva e YouTuber Emily Hartridge è stata la prima persona a morire mentre era in sella a una moto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *