È ora di fare i bagagli! Indonesia e Malesia intendono creare un corridoio di viaggio

Templi, spiagge e mercati sull’isola di Bali, in Indonesia, per viaggiatori zaino in spalla, diventeranno presto più accessibili per milioni di viaggiatori come parte dei piani per creare un corridoio di viaggio tra l’Indonesia e la Malesia il prossimo anno.

I due paesi hanno concordato di creare un corridoio di viaggio che consentirà ai viaggiatori da e verso questi paesi di aggirare le restrizioni sul coronavirus il prossimo anno, secondo un rapporto del Jakarta Post di giovedì.

L’Indonesia, la più grande nazione insulare del mondo, da metà ottobre riceve turisti vaccinati provenienti da 19 paesi in vacanza a Bali e alle Isole Riau, tra cui Nuova Zelanda, Italia, Francia e Spagna. Ma i paesi del sud-est asiatico non sono nella lista.

Per coloro abbastanza fortunati da arrivare effettivamente a Bali, i piani segnalati significano che più turisti potrebbero presto tornare nei famosi paesaggi e spiagge dell’isola, che sono stati in gran parte svuotati durante la pandemia.

Per cominciare, sarà nuovamente possibile viaggiare tra le capitali di Jakarta e Kuala Lumpur, nonché dalla Malesia all’isola indonesiana di Bali, dove la situazione sta migliorando durante l’epidemia nel sud-est asiatico.

La notizia arriva dopo un incontro tra il presidente indonesiano Joko Widodo e il primo ministro malese Ismail Sabri Yaqoub a Giava. Tuttavia, non è ancora chiaro quando esattamente i due paesi intendano aprirsi.

Widodo aveva recentemente invitato i paesi della regione a creare corridoi di viaggio per rilanciare l’economia nel sud-est asiatico.

Oltre ad essere conosciuta per le sue splendide spiagge, Bali è diventata famosa come luogo per i vacanzieri avventurosi, in particolare lungo il vulcano attivo Monte Agung, che ha attirato l’attenzione internazionale quando ha inviato enormi nuvole di fumo nel cielo nel 2017.

READ  The Simple app-based banking service has closed

Newsletter quotidiana di Sabah

Tieniti informato su ciò che sta accadendo in Turchia, nella sua regione e nel mondo.

È possibile disdire in qualsiasi momento. Registrandoti, accetti le nostre Condizioni d’uso e l’Informativa sulla privacy. Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *