È improbabile che Christian Eriksen torni a giocare a calcio, afferma l’esperto del SSN – e potrebbe affrontare il divieto dell’Italia

È improbabile che Christian Eriksen torni a giocare a calcio e l’Italia potrebbe vietare al giocatore dell’Inter di competere di nuovo in caso di arresto cardiaco, secondo un importante cardiologo.

Il 29enne è crollato sul campo durante la partita di Euro 2020 della Danimarca con la Finlandia sabato pomeriggio con un sospetto arresto cardiaco – con la notizia che il cuore del centrocampista si è fermato per cinque minuti sul campo.

Il capitano della Danimarca ha avuto bisogno di rianimazione e la situazione si era stabilizzata quando è stato portato in ospedale, anche se permangono preoccupazioni per la sua salute a lungo termine e la sua carriera calcistica.

È improbabile che Christian Eriksen (a destra) torni a giocare a calcio e l’Italia potrebbe impedirgli di competere se dovesse subire un infarto nella partita di Euro 2020 della Danimarca.

Il 29enne è svenuto sabato durante la partita di Euro 2020 tra Danimarca e Finlandia

Il 29enne è svenuto sabato durante la partita di Euro 2020 tra Danimarca e Finlandia

Il dottor Scott Murray, il principale cardiologo consulente del NHS specializzato nella prevenzione dei problemi cardiaci, afferma che l’Italia è orgogliosa del suo record nella prevenzione degli arresti cardiaci nel calcio, quindi i problemi del danese saranno probabilmente finiti entro la fine del suo tempo in Serie A.

Ha detto a MailOnline: “Probabilmente sarà (la fine della sua carriera) per lui. Gli italiani impediscono alle persone di praticare sport se si scopre che hanno un difetto cardiaco significativo, è per legge.

Lo fanno da molto tempo, da oltre 20 anni, e hanno ridotto i tassi di mortalità per arresto cardiaco nello sport da oltre il 3% a meno dell’1%.

READ  Chris Olaf returns to Ohio for the first year of school

Il fuoriclasse dell’Inter è sceso in campo incontrastato nel bel mezzo del match di Copenhagen e ha ricevuto subito le cure di rianimazione da parte dello staff medico già in campo.

Il principale cardiologo del NHS, il dottor Scott Murray, afferma che è improbabile che Eriksen possa giocare di nuovo a calcio

Il principale cardiologo del NHS, il dottor Scott Murray, afferma che è improbabile che Eriksen possa giocare di nuovo a calcio

Eriksen aveva bisogno di una RCP di emergenza con i rapporti che il suo cuore si è fermato per cinque minuti

Eriksen aveva bisogno di una RCP di emergenza con i rapporti che il suo cuore si è fermato per cinque minuti

La partita è stata rinviata poco dopo le 18:00 di sabato sera ed Eriksen è stato visto seduto in posizione eretta mentre aveva una maschera per l’ossigeno sulla bocca.

È stato portato in ospedale e la Federcalcio danese ha confermato che era sveglio e cosciente e il suo agente Michael Schuts ha confermato che era in grado di parlare e parlare mentre riceveva ulteriori test.

Il dottor Murray sostiene che l’Italia, dove Eriksen gioca per la sua squadra con l’Inter, ha uno dei migliori sistemi al mondo per lo screening e la previsione di potenziali problemi cardiaci – e il fatto che Eriksen sia ancora in arresto cardiaco mostra quanto possano essere seri e rassicuranti i problemi cardiaci essere. è essere.

Ha continuato: “Lui (Eriksen) viene da un club italiano, quindi deve aver passato tutti i test prima di iniziare. Gli italiani sono i migliori nello screening cardiologico negli atleti agonisti.

Il dottor Murray sostiene che l'Italia, dove Eriksen (a sinistra) gioca per la sua squadra di calcio, ha i migliori test di screening del cuore al mondo.

Il dottor Murray sostiene che l’Italia, dove Eriksen (a sinistra) gioca per la sua squadra di calcio, ha i migliori test di screening del cuore al mondo.

L’Italia ha il più grande pre-spettacolo al mondo che sta cercando di ridurre l’azione, ma ha ancora un evento in campo. Quindi, anche se lo schermo, può ancora succedere.

READ  I club italiani hanno messo in guardia sulle società ribelli

“Sarebbe difficile per lui eliminare, avrebbe ancora lo 0,01 percento di persone che avrebbero ancora qualcosa da fare”.

Eriksen dovrà ora affrontare un futuro incerto per quanto riguarda la sua carriera calcistica, poiché il dottor Murray passa attraverso ciò che il 29enne dovrà affrontare nei controlli ospedalieri in termini di ciò che ha causato l’incidente e ciò che sta accadendo ora.

“Avrà bisogno di un elettrocardiogramma, un elettrocardiogramma a 12 derivazioni che misuri l’attività elettrica nel cuore per vedere cosa sta succedendo”, ha detto il medico del SSN. Questo può dare diverse indicazioni sul motivo per cui ciò sta accadendo.

Eriksen avrà bisogno di più test cardiaci nelle prossime settimane per determinare come ciò potrebbe accadere

Eriksen avrà bisogno di più test cardiaci nelle prossime settimane per determinare come ciò potrebbe accadere

Avrà bisogno di un ecocardiogramma per vedere cosa sta succedendo al suo muscolo cardiaco. Avrà anche bisogno di una risonanza magnetica cardiaca, una scansione dettagliata del muscolo cardiaco per vedere se ci sono cicatrici.

Avrà bisogno di un’indagine approfondita e possibilmente di un pacemaker speciale chiamato defibrillatore che monitora ogni battito cardiaco e sta per dirti quando il cuore sta per farlo di nuovo. Se ciò accade, il defibrillatore può provocare uno shock interno al cuore.

Se Eriksen dovesse ritirarsi dal calcio, questo incidente potrebbe avere un impatto positivo sulla società. Il dottor Murray sostiene che la natura di alto profilo del problema – sulla scena europea di fronte a milioni di telespettatori – può aiutare i membri del pubblico a diventare più consapevoli dei problemi cardiaci e di come affrontarli.

Il dottor Murray afferma che la notevole natura dell'evento può avere un impatto positivo sulla società لى

Il dottor Murray afferma che la notevole natura dell’evento può avere un impatto positivo sulla società لى

Ha detto: “Penso che questo creerà un’enorme quantità di consapevolezza: se puoi ottenere rapidamente assistenza medica, puoi salvare vite umane.

Tutti in pubblico dovrebbero imparare come eseguire la RCP, come fare riferimento ai servizi medici e tutti dovrebbero sapere dove si trova il defibrillatore più vicino.

Lo abbiamo visto in casi di alto profilo come Fabrice Mwamba e in persone meno fortunate come qualcuno della mia città natale – Phil O’Donnell – che è morto sul campo.

Questo accade settimana dopo settimana. Quello che le persone devono capire è che questo è un risveglio per le persone: succede ai giocatori, non solo ai giocatori d’élite a livello nazionale – e succede a livello di base. Succede domenica negli stadi della Lega. Più ce ne rendiamo conto, più possiamo affrontarlo se succede e salvare vite.

Il Dr. Scott Murray è il fondatore di Venturi Cardiology, per ulteriori informazioni, fare clic su Qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *