Draghi, primo presidente della banca italiana, insiste su nuove regole per Mattarella

Mario Draghi dovrebbe continuare come primo ministro italiano e Sergio Mattarella dovrebbe candidarsi per un secondo mandato, a capo della più grande banca italiana per asset quotati giovedì. L’ex presidente della Banca centrale europea Draghi ha assunto la guida del governo di unità nazionale a febbraio, con quasi tutti i partiti di tutto lo spettro politico che hanno promesso il loro sostegno. Ha nominato un gabinetto con un mix di tecnici e politici della sua ampia coalizione.

Carlo Messina, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, ha aggiunto la voce di molti imprenditori che Draghi dovrebbe essere al potere il più possibile. “Credo che oggi abbiamo il Presidente della Repubblica (Mattarella) con unità.

“Il presidente del Consiglio, continuando la sua missione, credo che possa fare del bene al nostro Paese”, ha detto, parlando da cittadino, non da banchiere. Drake deve affrontare un problema. Se rinuncia alla possibilità di essere presidente per 7 anni, sarà primo ministro solo per un altro anno prima delle elezioni di primavera del 2023, purché sostenga i partiti che guidano un altro governo. Dopo il voto.

Il mandato di Matterella come presidente scade a fine gennaio. La sua elezione, che si è svolta a scrutinio segreto di parlamentari e politici regionali, non è affatto formale, ma Drake è considerato il favorito per la carica.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Dev Discourse ed è stata generata automaticamente da Syndicated Feed.)

READ  WorldSSP Misano, Italia - Risultati allenamento gratuito 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *