Draghi accetta di provare a formare il governo italiano – Politico

ROMA – L’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha approvato mercoledì il tentativo di formare un nuovo governo italiano.

Draghi, che non fa parte di nessun partito politico, è stato richiamato dal presidente Sergio Mattarella dopo che i colloqui volti a riorganizzare il precedente governo di coalizione si sono conclusi con un fallimento. La coalizione di 15 mesi guidata dai Democratici di centro-sinistra e dal movimento populista a 5 stelle è crollata dopo che l’ex primo ministro Matteo Renzi ha ritirato il suo partito FIFA Italia dal governo per divergenze su un piano di ripresa economica.

Draghi, l’economista accreditato di guidare l’eurozona attraverso la crisi del debito sovrano, ha detto di aver accettato “temporaneamente” il mandato di Mattarella.

Draghi ha detto che Mattarella gli ha ricordato “il momento difficile che l’Italia sta affrontando con la crisi sanitaria e il suo impatto estremamente pericoloso sul popolo, l’economia e la società italiana”.

I compiti immediati del prossimo governo sono “sconfiggere l’epidemia, completare la campagna di vaccinazione, fornire risposte alla popolazione e rilanciare il Paese”, Daraji Egli ha detto. “Abbiamo le risorse dell’Unione europea ed è una grande opportunità per fare molto per le giovani generazioni e per promuovere la coesione sociale”.

Mattarella Draghi ha chiesto la nomina di un “governo di alto livello” dove le elezioni non possono svolgersi in sicurezza durante la pandemia e si tradurranno in mesi sprecati quando l’Italia ha bisogno di un governo che sia “pienamente funzionante”.

Non era chiaro quali forze politiche avrebbero sostenuto il governo di Draghi.

Democratici, FIFA Italia e il partito Forza Italia di Silvio Berlusconi hanno manifestato la loro disponibilità a sostenerlo e Matteo Salvini, leader della Lega di destra, non ha escluso di fornire il suo appoggio.

READ  Gli italocanadesi ottengono scuse ufficiali per il trattamento durante la seconda guerra mondiale

Ma il Five Star Party, il più grande partito in Parlamento, è diviso e rischia di dividersi per il sostegno a un governo tecnocratico.

Non è chiaro se Draghi sosterrà un governo di tecnocrati, come ha fatto Mario Monti nel 2012, o includerà alcune figure politiche per aumentare il sostegno del partito.

Draghi ha detto che avvierà consultazioni con le forze politiche e “sono fiducioso che emergerà l’unità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *