Dodici nuotatori ucraini, tra cui la campionessa del mondo Javina, si sono recati in Italia per allenarsi.

L’Italia, che ha già ospitato alcuni olimpionici ucraini nel nuoto artistico (nuoto sincronizzato), ospiterà ora una selezione di nuotatori d’élite ucraini.

Dal 12 al 31 marzo la Federazione Italiana Nuoto (FIN) organizzerà a Lignano Sabiatoro un ritiro per una squadra di 12 nuotatori e 4 allenatori.

Gli atleti in Ucraina non possono allenarsi dal 23 febbraio, il giorno prima dell’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina. Le immagini circolate sui social media affermano che la piscina olimpica ucraina a Kharkiv è stata danneggiata da un missile. Swimswam non è stato in grado di verificare tali affermazioni in modo indipendente.

“Il nuoto ha scelto il nostro Paese per ritirarsi dalla guerra e riprendere l’attività sportiva dopo il comitato di coordinamento”, ha detto il presidente della FIN Paulo Barelli. “Quando abbiamo chiesto aiuto all’Associazione Nuoto, ci siamo immediatamente attivati ​​per individuare le soluzioni più adeguate alle loro esigenze. Gli atleti devono oggi attraversare il confine ungherese, dove il nostro mezzo è pronto per continuare il viaggio fino a Lignano.

“La nostra speranza è che questi gesti di solidarietà costituiscano un esempio per chiunque abbia l’opportunità di intervenire per aiutare il popolo ucraino che è stato drammaticamente colpito dalla guerra”.

Tra i nuotatori presenti c’erano le Olimpiadi di Tokyo 2020 Vladislav Bukov, Denise Kessil, Sergej Shevstowe Tarina Giavina. Tutti e quattro i nuotatori hanno medaglie internazionali, in particolare la 27enne Jevina, la Campionessa del Mondo 2012 in 200 SCM Dorso, una sei volte Campionessa Europea, Campionessa Olimpica della Gioventù e Campionessa del Mondo Junior.

Mentre l’Ucraina chiede l’espulsione della maggior parte dei cittadini maschi di età compresa tra i 18 ei 60 anni, sembra che siano state concesse alcune esenzioni a questi atleti. Kesil ha rappresentato l’Ucraina ai World Military Games 2019, dove ha vinto una medaglia d’argento nella corsa dei 200.

READ  Porsche Italia, commento alla sessione odierna (30 novembre 2020)

Swimswam ha parlato più volte con sua moglie, Shevstow, che ha vissuto nella capitale, Kiev, dall’inizio dell’invasione russa. La sua ultima notizia è che martedì stava bene, ma che lui e sua moglie erano rimasti in macchina per la notte.

“Abbiamo dei problemi”, disse Shevstow in modo ingannevole.

La FINA ha ribadito la sua decisione di non escludere del tutto gli atleti russi e bielorussi dai prossimi Campionati del Mondo. Gli atleti russi e bielorussi sono attualmente tenuti a competere con simboli neutrali negli eventi FINA.

L’Ungheria ha offerto alloggio a 23 nuotatori di età nazionale provenienti dall’Ucraina dopo un viaggio di cinque giorni. Stanno a Debrecen e Capos.

La FINA è una delle poche organizzazioni sportive che prevede di ospitare un evento sportivo internazionale in Russia quest’anno: il Campionato mondiale di vasca corta 2022 a dicembre. A causa della presenza di alcune organizzazioni, come British Swimming, atleti russi e bielorussi, non è possibile partecipare in gran numero ai Mondiali in Russia a causa del ritiro da altri incontri.

Sabato, le forze russe hanno visto avvicinarsi la capitale ucraina e sentito esplosioni intorno alla città. Diverse città dell’esercito russo che hanno sequestrato diverse centrali nucleari in Ucraina sono sotto pressione crescente.

Mentre la Russia riprende i colloqui con i leader internazionali, tra cui Francia e Germania, ci sono stati alcuni barlumi di speranza alla fine di questa settimana. I media statali russi hanno riferito sabato che il Paese era pronto a riprendere i colloqui sulla sicurezza con gli Stati Uniti.

Atleti ucraini al campo di Lignano

Allenatori

  • Andrii Kloptsov
  • Yuri Javin
  • Oleksandra Gurbanova
  • Kostyandin Kardashian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *