Distruzione di almeno 53 siti culturalmente importanti in Ucraina – UNESCO | Ucraina

L’agenzia culturale delle Nazioni Unite ha confermato che almeno 53 siti storici, edifici religiosi e musei sono stati danneggiati durante l’invasione russa. Ucraina.

“Questo è l’ultimo elenco, ma non è esaustivo, poiché i nostri esperti continuano a verificare una serie di segnalazioni” presentate dalle autorità ucraine, UNESCO Il portavoce ufficiale ha detto all’Afp che l’organismo ha pubblicato un elenco di 53 siti colpiti nel nord e nell’est del Paese.

Il portavoce ha affermato che l’UNESCO ha utilizzato immagini satellitari e testimonianze sulla scena per verificare le informazioni fornite dalle autorità ucraine. Tra i siti che l’UNESCO ha dichiarato essere stati danneggiati ci sono più di una dozzina nella regione orientale di Kharkiv, che sono stati colpiti dall’intenso fuoco russo, dalle chiese ai più moderni siti del patrimonio.

Cinque si trovano nella capitale, Kiev, mentre altri cinque si trovano nella regione di Chernihiv, nell’Ucraina settentrionale, che comprende un gruppo di siti storici.

Un totale di 29 siti religiosi, 16 edifici storici, quattro musei e quattro monumenti sono stati confermati danneggiati, ha affermato l’UNESCO. L’elenco non include informazioni dalla città assediata di Mariupol o dalla città di Kherson, che è stata catturata dalla Russia.

Nessuna delle persone colpite è stata inclusa nell’elenco dei siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO in Ucraina, come la Cattedrale di Santa Sofia o gli edifici monastici della Kyiv-Pechersk Lavra.

Tuttavia, il centro storico di Chernihiv È incluso nell’elenco provvisorio, il che significa che l’Ucraina vuole che sia considerato un sito del patrimonio mondiale. Il sindaco di Chernihiv ha accusato le forze russe questa settimana intensificò il bombardamento della città assediata, Nonostante le accuse secondo cui il Cremlino potrebbe ripiegare sul suo rispetto per i colloqui di pace in corso.

In una lettera inviata il 17 marzo, di cui una copia è stata ottenuta dall’AFP, il direttore generale dell’UNESCO, Audrey Azoulay, ha ricordato al ministro degli Affari esteri russo, Sergey Lavrov, gli obblighi della Russia di proteggere il patrimonio culturale durante i conflitti in un contesto internazionale accordo.

“Qualsiasi violazione di questi standard manterrà gli autori della responsabilità internazionale”, ha affermato, aggiungendo che l’UNESCO monitorerà da vicino lo stato del patrimonio culturale dell’Ucraina.

Il Ministero della Cultura ucraino ha esaminato la stessa questione venerdì, affermando di aver registrato 135 casi di forze russe che hanno commesso crimini contro il patrimonio culturale dell’Ucraina dall’inizio della guerra, ha riferito l’agenzia di stampa ucraina Interfax.

L’agenzia ha affermato che i crimini includevano la distruzione di un museo di storia locale nella regione di Kiev, l’attentato a un teatro a Mariupol, una città portuale meridionale assediata da Mosca per quasi un mese, e il danneggiamento di un memoriale dell’Olocausto a Kharkiv, nell’Ucraina orientale.

READ  'Come un'opera d'arte': un raro tratto di barriera corallina incontaminata scoperto al largo di Tahiti | corallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *