Dimentica il Botox: camminare a passo svelto ti fa sembrare e sentirti più giovane di 16 anni entro la mezza età

Gli scienziati affermano che una camminata veloce per tutta la vita può farti sentire 16 anni più giovane quando raggiungi la mezza età.

I ricercatori dell’Università di Leicester, che hanno studiato i geni di 400.000 britannici, hanno trovato un chiaro legame tra camminare più velocemente e ridurre la durata della vita biologica.

I partecipanti più veloci – definiti come coloro che camminavano più velocemente di 4 mph – avevano telomeri più lunghi, che sono i “cappelli” all’estremità di ciascun cromosoma.

Hanno sequenze ripetitive di DNA che proteggono il cromosoma dai danni, in modo simile al modo in cui il cappuccio all’estremità di un laccio impedisce che si sfilacci.

Ogni volta che una cellula si divide, questi telomeri si accorciano, fino al punto in cui diventano troppo corti per la divisione cellulare.

Gli scienziati vedono la lunghezza dei telomeri come un indicatore dell’età biologica, indipendentemente da quando una persona è nata, ed è collegata a una serie di sintomi che associamo all’invecchiamento, come la debolezza.

Sulla base dei risultati, i ricercatori stimano che una vita che cammina a passo svelto potrebbe ridurre la vita biologica di un individuo fino a 16 anni entro la mezza età.

Uno studio su oltre 25.000 donne di età superiore ai 50 anni ha rilevato che le donne che camminavano da due a tre miglia all’ora avevano un rischio di insufficienza cardiaca inferiore del 27% rispetto a quelle che camminavano a meno di due miglia all’ora. Nella foto: stock di anziani che camminano

Il professor Tom Yates, esperto di attività fisica e autore senior dello studio, ha affermato che ricerche precedenti avevano dimostrato che la velocità di camminata è un “predittore molto forte” di salute.

READ  Al-Jarrah, 48 anni, scrive un necrologio prima di morire

Ha detto che i nuovi risultati confermano che l’adozione di un ritmo di camminata veloce “porta effettivamente a una salute migliore” ed “è più probabile che porti a un’età biologica più giovane”.

I benefici del camminare sono stati documentati in dozzine di studi.

Gli esperti ritengono che camminare più velocemente sia un segno di una migliore salute muscolo-scheletrica, fitness di cuore e polmoni, livelli di attività, motivazione e salute mentale.

Quanto esercizio devo fare?

Si consiglia agli adulti di età compresa tra 19 e 64 anni di esercitare quotidianamente.

L’NHS afferma che gli inglesi dovrebbero svolgere almeno 150 minuti di attività di intensità moderata a settimana o 75 minuti di intensità vigorosa a settimana.

Il consiglio è lo stesso per adulti disabili, donne incinte e neo mamme.

Fare esercizio una o due volte alla settimana può ridurre il rischio di malattie cardiache o ictus.

L’attività moderata include camminata veloce, acquagym, ciclismo, ballo, doppio tennis, spinta di un tosaerba, escursionismo e snowboard.

Esercizi vigorosi includono correre, nuotare, andare in bicicletta velocemente o in collina e salire le scale, nonché sport come calcio, rugby, netball e hockey.

Ma il team dell’Università di Leicester ha affermato che non è chiaro se il ritmo della camminata fosse legato all’età biologica: quanti anni ha il tuo corpo in base a come i tuoi cromosomi sono cambiati nel tempo.

Hanno studiato 405.981 britannici, con un’età media di 57 anni, elencati nella biobanca britannica, un database di pazienti che sono stati monitorati per 10 anni e include dati genetici.

Circa la metà dei partecipanti (212.303) ha riportato una velocità media di camminata, che è stata valutata da tre a quattro miglia orarie.

READ  Si dice che la Cina stia lavorando su un veicolo spaziale "super-massiccio" con un'area di miglia

Uno su 15 (26.835) ha riferito di camminare lentamente (meno di tre miglia orarie), mentre quattro su 10 (166.843) hanno dichiarato di camminare velocemente (più di quattro miglia orarie).

Hanno anche raccolto dati aggiuntivi da quasi 100.000 partecipanti, che hanno indossato tracker di attività al polso 24 ore al giorno per una settimana.

I risultati sono pubblicati sulla rivista Biologia della comunicazioneha mostrato che i camminatori più veloci, non importa quanto esercizio facessero, avevano telomeri più lunghi.

Gli scienziati non comprendono appieno la relazione tra lunghezza dei telomeri e malattia.

Ma si ritiene che l’accumulo di queste cellule contribuisca alla debilitazione e alle malattie legate all’età, come la malattia coronarica e il cancro.

Pertanto, gli scienziati considerano la lunghezza dei telomeri – scientificamente nota come lunghezza dei telomeri dei leucociti (LTL) – come un “marcatore forte” dell’età biologica, indipendentemente dalla data di nascita di una persona.

Il team ha affermato che la differenza in LTL tra camminata veloce e lenta “equivale a 16 anni di differenza legata all’età”.

Il dottor Paddy Dempsey, un fisiologo umano e autore principale dello studio, ha affermato che i risultati suggeriscono che coloro che camminano abitualmente più lentamente corrono un rischio maggiore di sviluppare malattie croniche o invecchiamento malsano.

Oltre ad aumentare la camminata in generale per migliorare la salute, le persone dovrebbero anche mirare ad aumentare il numero di passi che possono completare in un dato tempo.

Il dottor Yates ha affermato: “Anche se in precedenza abbiamo dimostrato che il ritmo della camminata è un predittore molto forte dello stato di salute, non siamo stati in grado di confermare che l’adozione di un’andatura veloce porta effettivamente a una salute migliore.

READ  SpaceX si inserisce nel primo veicolo spaziale di classe orbiter con alette del reticolo e motori Raptor

“In questo studio, abbiamo utilizzato le informazioni del profilo genetico delle persone per dimostrare che è probabile che un passo più veloce porti a un’età biologica più giovane, misurata dai telomeri”.

Un team dell’università ha precedentemente utilizzato i dati della biobanca britannica per mostrare almeno 10 minuti di camminata veloce al giorno, il che è legato a un’aspettativa di vita più lunga.

Hanno anche scoperto che i camminatori attivi hanno una durata media della vita fino a 20 anni in più rispetto ai camminatori lenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *