Demenza: le bevande zuccherate possono causare perdita di memoria

I casi di demenza sono destinati a crescere rapidamente nei prossimi 30 anni, ma si può fare molto per evitare che ciò accada. La condizione è il risultato finale dei neuroni che perdono la capacità di comunicare tra loro. Ci sono prove crescenti che certi cibi e bevande possono causare questo danno. I ricercatori hanno avvertito che le bevande zuccherate sono particolarmente dannose per il cervello, portando a un processo di invecchiamento di 11 anni se consumate più di due volte al giorno.

Uno studio della Boston University School of Medicine ha seguito un gruppo di 4.200 persone che hanno effettuato periodicamente test cognitivi e di memoria.

Ai partecipanti è stato chiesto di fornire informazioni sulla loro assunzione di bevande zuccherate, che il team ha utilizzato per determinare il danno.

I risultati dello studio sono stati significativi.

I ricercatori hanno stimato che bere una o due bevande zuccherate al giorno fosse associato a 1,6 anni di invecchiamento cerebrale.

Tuttavia, quando si è trattato di valutare l’invecchiamento in termini di memoria, i risultati sono stati più diretti.

Una o due bevande zuccherate al giorno e più di due bevande zuccherate al giorno sono state associate rispettivamente a 5,8 e 11 anni di invecchiamento cerebrale.

I ricercatori hanno osservato una memoria ridotta e un volume cerebrale ridotto nei partecipanti che hanno bevuto bevande zuccherate, rispetto a quelli che non lo hanno fatto.

Sudha Seshadri, professore di neuroscienze alla Boston University School of Medicine, ha dichiarato: “Questi studi non sono la fine di tutte le cose, ma sono dati forti e un suggerimento molto forte.

“Non sembra esserci un enorme vantaggio nel mangiare bevande zuccherate e sostituire lo zucchero con dolcificanti artificiali non sembra aiutare”.

READ  Gli scienziati sono sorpresi dalla scoperta di un raro isotopo del plutonio radioattivo

Matthew Pace, un autore dello studio, ha spiegato che le bevande zuccherate sono state utilizzate per controllare il consumo complessivo di zucchero.

“È difficile misurare la quantità totale di zucchero nella dieta, quindi abbiamo usato bevande zuccherate come sostituti”, ha osservato.

I risultati dello studio, pubblicato sulla rivista Alzheimer’s & Dementia, hanno mostrato una correlazione ma nessuna relazione causa-effetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *