Deathloop PvP non è progettato per il gioco competitivo, è uno “Story Builder”

Il direttore di Deathloop afferma che il prossimo gioco multiplayer immersivo PvP non è stato creato pensando al gameplay competitivo. Invece, la forza trainante di questa modalità è stata la creazione del Tales Builder.

in un Speciale QuakeCon su DeathloopDinga Pakaba ha discusso delle sue speranze per un Deathloop PvP e di cosa vorrebbe che i giocatori ottenessero da lui: “Cosa ci ha spinto ad aggiungere [PvP] Per il gioco non era proprio l’aspetto competitivo, motivo per cui non c’è una classifica, niente del genere, era il fatto che fosse un generatore di storie.

“Ci sono due elementi di caos in un mondo simulato che creano sicuramente dei momenti divertenti, quelli ‘Non avevo davvero intenzione di andare così, ma è stato fantastico’, e farai un disco sulla tua PS5 e lo salverai clip e poi invialo all’altro giocatore nel caso non lo salvi e magari lo aggiunga come amico. È bello essere sorpresi dal gioco. Cosa possono aggiungere i giocatori al mix, che sia casuale o troppo caotico [or] Al contrario, qualcosa che è un piano perfettamente eseguito in cui penserai “Oh, quell’altro ragazzo è la mente”.

“In un approccio più focalizzato sugli sviluppatori, è un’opportunità per noi di interagire con il giocatore e la community in un modo diverso”. “Il modo in cui interagiamo in generale è un modo asincrono. Costruiamo il gioco, poi loro ci giocano e poi lo guardiamo su Twitch e YouTube e quell’interazione non avviene davvero, ma ora che abbiamo la possibilità di essere invaso o invaso da giocatori, possiamo condividerlo I momenti sono con tutti voi e questo è anche emozionante per noi”.

READ  Asmongold prende il controllo di Twitch giocando a Final Fantasy XIV e guadagna oltre $ 30.000 in un singolo stream

La modalità PvP di Deathloop è incentrata su due personaggi: il protagonista del gioco, Colt, e il suo killer rivale, Juliana Blake. Come avversario del gioco, Julianna può entrare casualmente nel mondo come un personaggio controllato dall’IA durante la modalità giocatore singolo, ma il vero divertimento sembra essere entrare nella campagna di un altro giocatore come Julianna e causare il caos.

I due personaggi sembrano ben bilanciati e vanno d’accordo nel gioco. Entrambi i killer hanno accesso alle stesse armi e attributi di potenziamento, ad eccezione del potere caratteristico di Colt Reprise, che consente al giocatore di invertire il tempo durante il gioco e tornare in vita.

Mentre Juliana ha solo una vita, i giocatori che scelgono di entrare nell’arena in cui l’avversario sarà in grado di personalizzare una serie di opzioni sul personaggio, tra cui la costruzione di armi e potenziamenti, prima di partire per dare la caccia al loro bersaglio. Baccaba ha affermato che la disparità tra la fragilità dei due personaggi rende il gameplay interessante. “Colt è in grado di correre un po’ più di rischi”, ha detto, “il che generalmente incoraggia i giocatori di Juliana a essere un po’ più attenti, a dribblare un po’ di più e a usare cose come trappole, inganni e disinformazione”. Con l’avvicinarsi del calcio d’inizio del 14 settembre, non ci è voluto molto prima che i giocatori potessero calarsi nel ruolo di Juliana e mettere alla prova i loro sforzi furtivi.

I giocatori che controllano una Colt non devono affrontare Juliana se desiderano evitare uno scontro. Colt può nascondersi ed estrarre dalla mappa in determinate situazioni per evitare il mortale killer. Tuttavia, le ricompense per averla eliminata sembrano sicuramente allettanti. Il successo nella sfida ricompenserà Colt con un bottino che include potenziamenti, armi di alto livello e Residium, una risorsa di gioco che consente ai giocatori di mantenere le proprie armi sugli anelli.

READ  Casuale: qualcuno ha già installato e funzionante Mario Kart in Game Builder Garage

Per ulteriori informazioni sulla modalità PvP di Deathloop, assicurati di dare un’occhiata al nostro articolo che spiega come i giocatori possono affrontare l’attuale e giocare la modalità come una cooperativa facendo amicizia con Juliana e Colt per affrontare insieme Blackreef Island. In alternativa, potresti voler leggere questo articolo che parla del motivo per cui Deathloop non è un gioco roguelike, ma invece un killer soprannaturale.

Jared Moore è uno scrittore freelance per IGN e non vede l’ora di lanciarsi nel Deathloop e tramare contro assassini rivali. puoi seguirlo Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *