David Bennett: paziente trapiantato di cuore di maiale incarcerato per aver accoltellato un uomo lasciandolo paralizzato

Un trapianto di cuore di maiale geneticamente modificato, il primo nel suo genere, sta sollevando questioni etiche, dopo che è stato scoperto che un paziente che ha subito l’intervento chirurgico aveva ripetutamente accoltellato un uomo lasciandolo paralizzato.

David Bennett Sr., 57 anni, ha fatto notizia in tutto il mondo all’inizio di questa settimana, quando è stato annunciato che si stava riprendendo in sicurezza dal primo trapianto di cuore di maiale geneticamente modificato di successo al centro medico dell’Università del Maryland.

I medici dell’università hanno annunciato la procedura come un passo importante per aiutare le oltre 110.000 persone ogni anno nelle liste dei trapianti a ricevere aiuto prima, poiché molte muoiono prima di poter essere operate.

“Questo è stato un intervento chirurgico fantastico e ci avvicina di un passo alla risoluzione della crisi della carenza di organi. Semplicemente non ci sono abbastanza cuori umani donati per soddisfare la lunga lista di potenziali destinatari”, il dottor Bartley P. Griffiths, che ha eseguito l’intervento, detto in una dichiarazione.

La notizia ha avuto una sensazione molto diversa su Leslie Schumacher Downer, il cui fratello, il signor Bennett, è stato accoltellato e paralizzato in un attacco a un bar del Maryland nel 1988. Ha detto Washington Post, che ha rivelato la precedente convinzione, che lei riconosceva l’importanza del trapianto di cuore, ma non vedeva il signor Bennett come un eroe.

“Ed ha sofferto”, disse la signora Downey. la posta. “Distruzione e trauma, per anni e anni, la mia famiglia ha dovuto fare i conti con… adesso [David Bennett] Ha una seconda possibilità con un cuore nuovo, ma spero che, secondo me, tu sia andato da un destinatario meritevole”.

READ  L'orca assassina Amaya muore "improvvisamente" al SeaWorld di San Diego | Notizie dagli Stati Uniti

Il 30 aprile 1988, il signor Bennett ha accoltellato Ed sette volte in un bar di Hagerstown, nel Maryland, dopo aver visto il signor Schoomaker flirtare con sua moglie. È stato condannato e condannato a 10 anni di prigione e separatamente è stato condannato a pagare 3,4 milioni di dollari alla famiglia Shoemaker in una causa civile, che hanno affermato di non aver mai ricevuto. Edward Shoemaker è stato su una sedia a rotelle per i successivi due decenni, prima di subire un ictus nel 2005 e morire due anni dopo. Nel frattempo, il resto della famiglia ha lottato al suo fianco, prendendo prestiti per pagare un furgone accessibile alle sedie a rotelle. Il fratello di Ed, un paramedico che lo accompagnò al pub il giorno dell’attacco e che in seguito fu chiamato a rispondere alla scena sanguinosa, lottò con il senso di colpa e in seguito divenne dipendente dagli oppioidi, prima di morire nel 1999 per overdose a questa età. di 28, secondo la sua famiglia.

L’UMD ha affermato in una dichiarazione che fornisce “cure salvavita a tutti i pazienti che escono dalla porta di casa in base alle loro esigenze mediche e non al loro background o alle circostanze della vita … Questo paziente è venuto da noi in un disperato bisogno e un è stata presa una decisione sulla sua idoneità al trapianto. Basandosi esclusivamente sulla sua cartella clinica. ” .

I chirurghi trapiantano il cuore di un maiale geneticamente modificato in un essere umano come parte di un’operazione salvavita.

(Scuola di Medicina dell’Università del Maryland)

Nella maggior parte dei circoli medici, è considerato immorale negare a qualcuno le cure mediche sulla base della sua fedina penale passata.

“Gli atteggiamenti punitivi che escludono completamente i condannati per reati dal ricevere cure mediche, compresi i trapianti di organi, non sono moralmente legittimi”, ha scritto il Comitato etico nel 2015 per l’Amministrazione federale delle risorse e dei servizi sanitari, aggiungendo: tornare nella società ed essere considerato degno di parità di trattamento nel Ricevere altri materiali/servizi distribuiti dalla comunità”.

Al sig. Bennett è stata negata l’idoneità ai trapianti negli ex ospedali per ragioni sia mediche che non mediche. Il suo precedente record di insufficienza cardiaca e aritmie lo rendeva non idoneo per alcuni trapianti, così come il suo precedente record di non aver seguito gli ordini del medico, di non aver partecipato a visite di follow-up o di assumere farmaci in modo coerente, secondo suo figlio.

David Bennett Jr., il figlio di Bennett, ha detto che suo padre non ha mai parlato del suo passato e lo ha elogiato per aver colto un’opportunità rischiosa che potrebbe aiutare la scienza medica. Quest’inverno, di fronte alla sua possibile morte in un ospedale di Baltimora, David, Sr., ha iniziato a chiedere informazioni sull’essere un donatore di organi o su altri modi per beneficiare della scienza se fosse morto di malattie cardiache.

“Il mio obiettivo qui non è parlare del passato di mio padre. Il mio obiettivo è concentrarmi sulla chirurgia pionieristica e sul desiderio di mio padre di contribuire alla scienza e salvare la vita dei pazienti in futuro”, ha affermato David Bennett Jr. in una nota.

Circa 17 persone muoiono ogni giorno in attesa di un trapianto d’organo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *