Danziger: La storia del mio padrino | commento

Quando ho iniziato a disegnare materiale politico per The Times Argus, che può dimenticare quell’epoca potente, Il Padrino è apparso sugli schermi americani solo 50 anni fa. Il film ha ricordato a tutti noi che c’era una mafia e aveva una storia interessante, anche se violenta. I Corleone erano una famiglia immaginaria italo-americana, non una famiglia eccessivamente felice, ma sembravano dipendere l’uno dall’altro. Erano sempre pronti ad aiutare gli amici a uscire dai guai. Se hai un problema al lavoro, uccideranno tutti quelli che si mettono sulla tua strada. Molto prima di The Sopranos, Corleones dimostrò che i problemi potevano essere facilmente risolti con un breve viaggio nelle paludi del New Jersey, fermandosi prima a raccogliere cannoli per bambini in seguito.

C’era una certa preoccupazione che quasi tutti i membri delle famiglie della mafia fossero italiani. Quando si trattava di questioni molto delicate, e non volevano sentire i poliziotti, parlavano italiano. Be’, era in un ristorante italiano chiamato Louie’s. Non puoi stare troppo attento con i tuoi stereotipi.

Più o meno nello stesso periodo, a Brie sorse una questione sulla possibilità che le scuole servissero pranzi caldi. Questa sembrava una necessità ovvia nelle scuole del Vermont nel cuore dell’inverno. Ma il consiglio scolastico era contrario. C’erano delle spese per le cucine e il personale di cucina, inoltre, se rendevi le cose facili ai bambini, crescevano deboli e brontolavano. Sanno meglio quanto sia stata difficile la vita per i loro antenati immigrati. Gli sforzi per impedire un pranzo caldo per gli studenti nel Vermont in inverno sono stati guidati dal membro del consiglio scolastico, Joseph Palmisano. Palmisano era un avvocato con una reputazione mista nei campi dell’integrità e dell’umanità. Con le sue capacità legali e la facilità nel perorare il caso, è stato in grado di resistere all’argomento secondo cui il consiglio ha detto “no” ai pranzi caldi. Altri sistemi scolastici potrebbero aver servito torta di pastore e maccheroni e formaggio USDA, ma non Brie. I figli di cavatori e boscaioli cresceranno forti, resilienti e, se possibile, vivaci come alcuni membri del consiglio scolastico. I soldi delle tasse non sarebbero sprecati in lussi come il cibo caldo se potessero farne a meno. Cibo, ottimo cibo, ecc.

READ  Data di uscita del film "6 Underground", trailer e cast di Netflix di Ryan Reynolds

Contro questo evidente errore sociale insorsero gli illustri cavalieri della stampa nazionale. Gli editoriali organizzavano tutti i tipi di aggettivi, ad eccezione degli avverbi, per indicare che i pranzi caldi avrebbero aiutato i bambini a imparare e, dopotutto, non era quello lo scopo principale della scuola? D’altra parte, un nutriente pranzo caldo, più un po’ di pane di mais statale per dessert, avrebbe fatto venire sonno agli studenti e avrebbero potuto addormentarsi nel bel mezzo delle lezioni di storia nel Vermont. I brividi nervosi tenevano svegli i bambini. I membri del consiglio scolastico hanno ammesso di aver ceduto alla letargia e a un breve esame della palpebra interna dopo pranzo ogni giorno. Hanno parlato per esperienza.

La vignetta offensiva mostrava un Corleone italiano, in fedora e occhiali scuri, in piedi fuori dalla scuola di Barre, in una limousine nera, come un mafioso, con in mano un piatto di cibo, da cui usciva il vapore visibile. Uno studente, camminando con una cartella, guardò la figura sospetta chinarsi dall’auto. “Ehi ragazzo”, disse il personaggio sospettoso, “Vuoi un pranzo caldo?” Se conosci l’acronimo di Cosa Nostra, sai che “caldo” significa rubato, e non ha nulla a che fare con la temperatura. Anche nel cartone animato nevicava.

Non sono mai stato citato in giudizio (né grazie a Dio da allora) e non sapevo cosa pensare. Le tute hanno derubato la tua casa e la tua auto, ti hanno rinchiuso di persona e ti hanno regalato un sonno salutare. L’editore dell’epoca, Nick Monsarrat, mi assicurò che il team legale del Times Argus si sarebbe difeso dalla causa. A quel punto, avevo una certa esperienza con le altre caratteristiche scintillanti di The Times Argus, quindi ero preoccupato. Mi sono preoccupato molto. Questa sembrava essere una sconfitta per le forze della verità e della giustizia e un pranzo caldo. Questo è stato seguito da un periodo di tensione e insicurezza.

Il signor Palmisano, dopo alcune considerazioni, ha ritirato la causa e ha registrato una denuncia sulla vignetta con una sorta di Lega Italoamericana per i Diritti Umani. Il dibattito del pranzo è stato finalmente risolto a favore del cibo caldo e l’opportunità per gli studenti di Brie di lottare intellettualmente è stata accolta con un’istruzione e computer di livello superiore. La carriera del signor Palmisano da quel momento in poi ha sofferto di un misto di cattiva pianificazione e sfortuna. Soffriva del tipo sporco di avidità che si trova in tutte le nazionalità, non notato in nessuno in particolare. Il film Il Padrino potrebbe farti pensare diversamente, ma questo è solo clamore hollywoodiano. Se cerchi su Google Joseph Palmisano, Barry, Vermont, vedrai cosa è successo e la sua prigione risale più tardi. Sono scontento della disgrazia del signor Palmisano.

Jeff Danziger è un fumettista editoriale le cui vignette appaiono regolarmente su questo giornale, insieme a Teeds nel numero di questo fine settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *