Dalla Serie B a Euro 2020, si sono formati gli italiani dello Zeman

Il 74enne allenatore ceco, che fuma molto, potrebbe avere la stessa influenza sulla squadra italiana quanto Roberto Mancini.

Ciro Immobile, Lorenzo Insigne e Marco Verratti avevano tutti avuto stagioni eccezionali sotto Zdenek Zeman in Serie B quasi dieci anni fa al Pescara, dove hanno imparato una filosofia offensiva che usano attualmente nel Campionato Europeo.

Il terzo gol dell’Italia nella vittoria per 3-0 sulla Turchia nella partita di apertura di Euro 2020 è stato un esempio calzante, dato che Immobile non stava nemmeno guardando quando ha segnato un passaggio tra due difensori per preparare Insigne per uno dei suoi tiri d’arco preferiti .

Gli è stato ricordato come si capiscono in campo, come possono ritrovarsi ad occhi chiusi, come parlano la stessa lingua, come si muovono con e senza palla, cosa che spero e credo abbia aiutato a insegnargli”. ha detto Zeman.

In un editoriale della Gazzetta dello Sport, Zeman ha aggiunto che il bello di Immobile-Insigne è che formano un duo.

Giocano insieme, tra loro, cercandosi e trovandosi.

Proprio come il Pescara nel 2011-12, quando Immobile ne fece 28 e Insigne 18.

Molti di questi obiettivi sono stati creati da un centrocampista di 18 anni di nome Verratti, che dopo aver aiutato il Pescara a vincere la Serie B e ottenere la promozione ha scavalcato la Serie A ed è andato dritto al Paris Saint-Germain sviluppato in Europa nonostante non avesse giocato da prima al vertice . sezione.

Avendo saltato la partita contro la Turchia di ritorno da un infortunio al ginocchio destro, Verratti dovrebbe sedersi sulla panchina italiana per la partita del Gruppo A di mercoledì contro la Svizzera.

READ  Barilla amplia il portafoglio pasta attraverso acquisizioni | 2021-02-02

Verratti ha mostrato la sua disponibilità sabato durante una partita di allenamento tra le riserve italiane e le giovanili del Pescara. Ha anche indossato una maglia del Pescara per una parte della mischia.

Se mercoledì la Turchia vincesse o pareggiasse contro il Galles, l’Italia potrebbe già conquistare il primo posto nel girone con una vittoria sulla Svizzera. Perlomeno, gli Azzurri sperano in un posto agli ottavi.

Nel frattempo, la Svizzera ha bisogno dei punti dopo l’1-1 con il Galles nella gara d’esordio.

Il Ct della Svizzera Vladimir Petkovic affronta una domanda in attacco, con il subentrato Mario Gavranovic che ha fornito una prestazione migliore negli ultimi minuti contro il Galles rispetto all’uomo che ha sostituito, Haris Seferovic, durante il resto della partita. Uno di loro dovrebbe schierarsi al fianco dell’attaccante Brielle Embolo, che ha segnato contro il Galles.

La partita di Roma ha segnato un certo ritorno a casa per Petkovic, che ha portato la Lazio a una memorabile vittoria sulla Roma nella finale di Coppa Italia allo Stadio Olimpico nel 2013. Petkovic ha celebrato quello che rimane il suo unico trofeo d’élite afferrando dal vivo la mascotte della Lazio. Un’aquila di nome Olimpia, salta intorno allo stadio.

I tifosi della Lazio hanno comunque festeggiato la vittoria per 1-0 in ogni partita casalinga, esultando al 71′ per ricordare il gol della partita di Sinad Lulic. I graffiti in tutta Roma dicono ancora semplicemente, Lolek 71.

Petkovic potrebbe volersi fermare e mostrare alla sua squadra un esempio di graffiti per trarre ispirazione poiché è chiaro che richiederà una prestazione stimolante contro l’Italia imbattuta da 28 partite, mantenendo nove reti consecutive senza reti e giocando in casa.

READ  Highlights delle semifinali di Euro 2020: l'Italia batte la Spagna ai rigori

Mentre Mancini utilizza un 4-3-3 come Zeman che spesso offre cinque attaccanti contemporaneamente, l’Italia è più forte in difesa di qualsiasi squadra di Zeman.

Mentre il Pescara ha segnato ben 90 gol nel 2011-12 con Immobile e Insigne in testa alla classifica 30 in più di qualsiasi altra squadra in quella stagione in seconda divisione, ha anche subito 55 gol in 42 partite. Questo è esattamente ciò che Zeman ama del suo sistema di attacco completo che non lascia quasi nulla dietro chiamato Zemanlandia.

Al contrario, l’Italia ha segnato 82 gol e ne ha subiti solo 14 in 33 partite sotto la guida di Mancini.

Zeeman ama ancora ciò che vede.

Disse che ero convinto che l’Italia potesse spingersi troppo oltre.

E mentre è difficile dire esattamente dove potrebbero finire, se si spingessero troppo oltre sarebbe un prodotto di questo spettacolo corale e del sentimento artistico di alcuni (dei suoi musicisti).

(Il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati solo dal team di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *