Da Eric Bogle a Ziggy Rameau: la musica australiana che sfida l’eredità Anzac | Musica

eAnd the Band Played Waltzing Matilda di ric Bogle è uno dei brani più famosi in Australia durante la guerra. A volte scambiata come una norma tradizionale, questa popolare canzone di Banjo Jackson è stata interpretata da tutti, da Pogues a Joan Baez, nei 50 anni da quando è stata composta.

“Ho scritto la canzone nell’anno 71 dopo aver visto la mia prima canzone Anzac Day Parata – Non l’ho mai vista prima, ovviamente “, ha detto Bogle di origine scozzese al Guardian.” La guerra del Vietnam era ancora in corso, ei ragazzi australiani stavano ancora morendo lì “, [but] Era difficile dirlo perché la guerra era scesa a pagina sei. Era una vecchia notizia. Ho pensato che fosse il momento giusto per una canzone contro la guerra. Ho messo la canzone a Gallipoli perché è così profondamente radicata nella psiche della maggior parte degli australiani “.

Mentre la melodia realistica di Bogle si trova in mezzo a un’ondata di canzoni ispirate alla guerra del Vietnam e alle sue conseguenze – da Red Angel Panic’s Fit Rock Da Redgum’s Avevo solo 19 anni E Cold Chisel’s Khe Sanh – Il protagonista, un incisore immaginario, che non ha nominato, aveva sentito una colonna sonora molto più ampia di Waltzing Matilda Già nel 1915.

Canzoni come L’Australia ci sarà (1915), I Dardanelles Boys (1915) e Loro erano li! laggiù! laggiù! (1916) Ha svolto un ruolo evidente come strumento di propaganda e reclutamento, spesso esaltando il sacrificio, l’amicizia e l’eroismo dei giovani che avevano reclutato. Altro, come Figli dell’Australia nell’era della guerra boeraE il Il Commonwealth ha preceduto, con un appello al patriottismo, espresso con fermezza nel linguaggio dell’impero: (“Figli dell’Australia / I tuoi impulsi sono eccitanti? / Emozionante nell’opportunità di sconfiggere / I nemici del tuo impero”).

Ma non tutti i cantautori in tempo di guerra consideravano il ruolo dell’Australia nella competizione tra le potenze imperiali europee.

READ  L'America valuta la responsabilità e la risposta a un attacco missilistico in Iraq | Notizie di Joe Biden

Mark Erickson e B. Clay Piller Solo uno dei giochi (1914) Parlando dell’inutilità del conflitto, inquadra i soldati australiani come giochi usa e getta della leadership imperiale: “Non c’è ordine reale / Solo un numero in linea / Perché io sono solo uno dei giochi”.

Questa riserva riflette un più ampio disagio per lo sforzo bellico così spesso dimenticato nella memoria popolare – un’atmosfera in cui un voto nazionale per introdurre la coscrizione è stato sconfitto due volte e il primo ministro Billy Hughes è stato espulso dal Partito laburista federale per incoraggiare la coscrizione.

L’eredità dell’Australia in tempo di guerra oggi è pressoché irrisolta, in quanto può generare critiche al nostro record nazionale – da Yasmine Abdel Majid a Scott McIntyre, il conduttore del calcio di SBS. Campagne mediatiche critiche E il Il primo ministro è intervenuto. Da sempre, l’Australian War Memorial riceve un controverso upgrade da 500 milioni di dollari nonostante le critiche contrarie. Non riesce a presentare un quadro completo degli australiani in guerra.

Lee Kernaghan Spirito di AnzacE il Rilasciato nel 2015 e ispirato al materiale dei War Memorial Archives, fornisce una traccia audio, un inno di quest’epoca: un paese moderno e affascinante che evita di porsi troppe domande difficili. Questo album genitore ricco di ospiti e ricco di grafiche contiene parole pronunciate da Ben Roberts Smith, il guerriero veterano decorato afghano Accuse di crimini di guerra e intimidazioni di testimoni.

Oggi è difficile valutare canzoni come questa senza ammettere come sono state eseguite Il clima del culto dell’escavatore La cultura dell ‘”eroe guerriero” descritta nel rapporto Breriton ha informato. O quanto fosse iconico Anzac, come la stessa canzone dei Kernaghan Acquistato dai nazionalisti di estrema destra.

READ  La maggioranza degli elettori francesi concorda con i leader militari che minacciano =

Bogle ha visto come anche le sue canzoni contro la guerra stessero andando alla deriva nelle correnti mitiche dello sciovinismo: “Alcuni anni fa nel paese di Victoria, una donna mi ha accusato di essere responsabile dell’intera parte di ‘Anzackery’ – questa io Tutto è cominciato glorificazione Guerra, devo vergognarmi. Per una volta, sono rimasto scioccato dallo stupido. Non sapevo cosa dire. “

Ma c’era qualcosa di vero nella sua lamentela? Il suo lavoro è stato utilizzato in modi che lo hanno messo a disagio nell’ultimo mezzo secolo? Dice “Oh dannazione, sì”, ricordando il suo orrore da un’altra delle sue canzoni, No Man’s LandE il È stato adottato da molti gruppi nazionalisti bianchi nel corso degli anni (anche una registrazione di beneficenza del 2014 di Joss Stone ha attirato critiche Per cancellare i suoi versi contro la guerra in modo più esplicito). “Aveva ragione.”

In un clima del genere, pubblicare una canzone contenente la frase “F *** those Anzacs” è un’affermazione particolarmente audace. Quando Ziggy Rameau, un rapper di Wik e discendenza scozzese, ha pronunciato queste parole durante il suo corso del 2020 il 25 aprile, il risultato è stato spiacevole, apposta. Ramo sfida questo terreno politicamente carico (che ha visto Una canzone rifiutata dai produttori di Q + A nell’agosto 2020) Per bilanciare la venerazione conservata per la storia dell’Anzac australiano con il rifiuto del paese di riconoscere come le persone delle Prime Nazioni sentissero ancora gli effetti del colonialismo e dell’imperialismo il 26 gennaio – e ogni giorno da allora in poi.

“Ci interessa davvero di più i sentimenti dei bianchi che a loro interessano le vite dei neri in questo paese”, dice Ramo. “Questo è un peccato, ma questo è il punto della canzone. Ci viene letteralmente chiesto di saltarlo, e poi nel respiro successivo sentiamo” per non dimenticarlo “. Quello che sto cercando di fare con la canzone è dare alle persone quella sensazione profonda che proviamo ogni giorno. “

READ  An Israeli soldier shoots and paralyzes a Palestinian in a dispute over an electricity generator

Come Bogle, è una canzone che spinge l’ascoltatore a riflettere su ciò che ricordiamo il 25 aprile e su ciò che molti di noi potrebbero dimenticare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *