Cumberbatch, Dunst entra nel mondo di Campion in “Dog Power” su Netflix

Vince Lido, Italia – Per i suoi fan, Jane Campion, che ha scritto e diretto “The Power of the Dog”, in streaming su Netflix, è la vera star del film in costume.

Benedict Cumberbatch e Kirsten Dunst, la più famosa, sono d’accordo.

“Quando incontri Jane, hai tutto il bagaglio di questa donna famosa”, ha ammesso Cumberbatch, 45 anni. Con il film del 1993 “The Piano”, Campion è stata la seconda donna ad essere nominata per un Academy Award come miglior regista. La sceneggiatura del suo film originale “Piano” ha vinto un Oscar. È la prima donna a vincere la Palma d’oro, il primo premio per Cannes, oltre che per “The Piano”.

A Venezia, dove “Dog” ha avuto la sua prima mondiale, Campion, 67 anni, ha vinto il Leone d’argento per la miglior regia.

Cumberbatch ha continuato: “Sono entrato nella stanza, una donna fragile come il resto di noi. È molto umile. Ma lo vedi con la troupe, quanto hanno lavorato duramente per realizzare la migliore ripresa possibile. Questo viene fornito con rispetto. Ed è divertente essere nei paraggi.”

Dunst, 39 anni, ha dichiarato: “La cosa principale del film di Jane Campion è che comprende il desiderio e abbraccia la sessualità e il desiderio, il tipo di emozioni che sono nascoste e trova un modo per mostrarle. E lascia che la sua troupe lo accetti”.

Dunst ha aggiunto: “C’è qualcosa di sessuale in Jane, e una sensibilità e crudeltà nei suoi personaggi. Come donna che ha osservato i suoi personaggi femminili nel corso degli anni, per me sono delle vere donne”.

“Dog” è ambientato in un ranch appartato nel Montana nel 1925, ma è stato girato nella nativa Nuova Zelanda a Campion.

READ  "Midnight in a Perfect World" ha vinto il premio come miglior film all'Italian Horror Festival

Phil Burbank di Cumberbatch e suo fratello George (Jesse Plemons) possiedono un vasto ranch.

Benedict Cumberbatch in una scena di Dog Power. (Kirsty Griffin/Netflix tramite AP)

La rivalità tra fratelli aumenta quando il tranquillo George sposa Dunst Rose, vedova e locandiera.

L’aggressivo e tirannico “Phil” inizia una battaglia di volontà con Rose, che soccombe al bere e quasi crolla.

“Il suo nome è un prodotto della sua natura – e si sta manifestando in questo momento. Posso capirlo”, ha detto l’attore britannico del miserabile ed energico cowboy.

“È la sua tragedia personale – e posso capire qualcuno sulla difensiva, solo, distaccato nelle sue circostanze”.

“Benedict e io non ci siamo parlati affatto. Ci siamo tenuti a distanza”, ha spiegato Dunst. “Ho dovuto creare i miei demoni e scoprirlo da solo. Penso che anche Rose rappresenti tutto il dolore dentro di lui”.

“Per quanto parli della mascolinità tossica del mondo, se lo ammetti, questo è l’unico modo per cambiarlo”, ha detto Cumberbatch.

“Non puoi opporti. Devi capire perché queste persone sono colpite in questo modo. Deve essere affrontato e sfidato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *