Cricket Australia ammette che lo scandalo di Tim Payne avrebbe dovuto porre fine alla Coppa nel 2018 | squadra di cricket australiana

Cricket Australia ha ammesso che Tim Payne avrebbe dovuto essere squalificato come capitano australiano di prova quando è stato indagato per la prima volta su uno scandalo di messaggi di testo tre anni fa, con controlli sui potenziali successori del capitano.

annulla tra Il capitano ha provato in lacrime venerdì pomeriggio Meno di tre settimane dopo la partita inaugurale degli Ashes contro l’Inghilterra, dopo aver ammesso di aver inviato messaggi inappropriati a un collega giocatore di cricket della Tasmania nel 2017.

Payne è stato indagato da organismi sportivi sia statali che nazionali nel 2018 e scagionato per aver violato il Codice di condotta di Cricket Australia in quel momento. Reclamando il lato Test alla fine del 2017, Paine è stato poi nominato Test Leader nelle ricadute dello scandalo del cricket australiano Sandpaper durante lo sfortunato tour del 2018 in Sud Africa.

Tuttavia, parlando sabato, l’attuale capo dell’AC Richard Freudenstein ha affermato che consentire a Paine di rimanere come leader è stato un errore dei precedenti amministratori alla luce dell’indagine iniziale sull’integrità.

“Non posso parlare della decisione del 2018, non c’ero”, ha detto Freudenstein ai giornalisti. “Ma dirò, sulla base dei fatti come sono, oggi non spettava al consiglio di amministrazione di Cricket Australia prendere questa decisione. Riconosco che la decisione ha inviato chiaramente il messaggio sbagliato che questo comportamento è accettabile e non ha gravi conseguenze. Il ruolo del capitano di cricket australiano deve essere all’altezza degli standard più elevati”.

Freudenstein ha affermato di aver considerato chiuso il caso quando è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di CA nel 2019 spiegando perché in precedenza non era stata intrapresa alcuna azione sulla condotta di Paine.

Pine si dimette dal suo capitano di bowling veloce e vice capitano Pat Cummins, a favore di affrontare il manto più alto nel cricket australiano. Una cosa di cui Cummins deve preoccuparsi è il carico di lavoro che lo vedrebbe destreggiarsi tra i doveri del capitano e i rigori del bowling ad alto numero di ottani, entrambi amplificati dai cinque Ashes Test previsti che si terranno tra poco più di sei settimane dal dicembre 8 apertura della serie a Brisbane.

L’ex capitano Steve Smith si profila come un’opzione alternativa o vice dopo aver scontato un divieto di guida per il suo ruolo nell’episodio del 2018 di manomissione della palla che ha portato all’ascesa di Payne. Il 36enne wicketkeeper è stato ampiamente suggerito di ritirarsi dopo Ashes. Con questo in mente, Freudenstein ha affermato che il processo per trovare il prossimo capitano dell’Australia era già in corso e ora sarebbe accelerato.

Ha rifiutato di speculare su potenziali candidati oltre a confermare Smith, 32 anni, che è rimasto tra loro, e i contendenti confermati saranno esaminati per evitare una ripetizione della saga sulle dimissioni di Payne.

“Puoi esserne sicuro [as] Freudenstein ha risposto quando gli è stato chiesto della possibilità di controlli in background, come parte di questo processo cercheremo di assicurarci che non ci siano tali problemi.

“Abbiamo messo in atto un processo per trovare il prossimo capitano australiano che doveva svolgersi durante l’estate in previsione del ritiro di Tim un giorno. Ovviamente stiamo accelerando questo processo. Sarà un processo molto completo ma succinto che esaminerà tutti i criteri rilevanti per il capitano della squadra di cricket australiana.Verremo alla conclusione [on] Quindi con un sacco di tempo prima delle ceneri.

C’è una gamma di candidati disponibili per questo ruolo. Steve Smith è uno dei candidati disponibili per questo ruolo”.

Nel frattempo, Payne ha insistito sul fatto che è ancora disponibile per la selezione come giocatore, nonostante le preoccupazioni per la sua forma fisica e il suo valore senza la fascia di capitano che hanno suggerito che il portiere australiano Alex Curry è in fila per sostituire il veterano della Tasmania.

Il tentativo di Bean di tornare dall’operazione al collo del club di cricket con la lega sabato – quella che sarebbe stata la sua prima partita ufficiale in otto mesi – è stato vanificato dalla pioggia senza che venisse lanciata una palla. Il selezionatore australiano George Bailey ha incontrato Payne al Queenborough Oval di Hobart prima che lo spettacolo fosse cancellato, poiché lui e il capitano australiano estromesso hanno rifiutato di contattare i media per un commento.

Freudenstein ha detto che CA era “a suo agio” con Payne che continuava come giocatore, in attesa del suo livello e della sua forma fisica, ma ha insistito sul fatto che le posizioni di leadership dovrebbero essere considerate a un tasso più alto.

“Il capitano della squadra australiana di cricket deve essere ad un livello molto alto”, ha detto Freudenstein. “Ecco perché penso che sia del tutto appropriato che Tim si dimetta da capitano, il che è nel migliore interesse del cricket australiano. L’Australian Cricket Board è soddisfatto della sua disponibilità come giocatore”.

READ  Il video virale mostra il fumo che sale da un alligatore che mangia droni in Florida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *