Così gli Stati Uniti, Londra e Berlino furono “spinti” alla Pfizer.

L’approvazione della società farmaceutica europea EMA per il vaccino astrogenico dovrebbe arrivare attraverso l’Epifania. Era prima delle ipotesi degli ultimi giorni (si temeva che sarebbe andato tutto bene entro la fine di gennaio) ma era dietro la partita di Pfizer. Tuttavia, Oxford ha presentato una petizione in ottobre per l’approvazione anticipata. Perché non c’è ancora il semaforo verde? Ci vuole meno di mezza dose di poli multipli “gialli” per rendere il vaccino più efficace?

È dubbio che ci siano più ragioni politiche che ragioni puramente scientifiche dietro la chiusura delle pratiche di AstraZeneca, perché è facile immaginare quando sono in gioco così tanti soldi, e cos’è il cosiddetto “oro liquido” dell’OMS?

Inoltre, anche se non sono scienziati, se AstraZeneca fosse stato approvato per la prima volta, Pfizer – un vaccino così costoso e facile da conservare in innumerevoli quantità – sarebbe molto più difficile da conservare anche in un volume. Cosa è successo dietro le quinte della guerra internazionale? Esiste un disegno politico riguardo al riconoscimento dei vaccini e alla loro distribuzione? Dopotutto, Pfizer è stata la chiave della campagna elettorale statunitense, la credibilità del nuovo presidente Joe Biden, che ha promesso un milione di dosi al giorno agli americani, e dipende ancora dal suo lavoro. Punto numero due: se il Regno Unito avesse approvato lo studio AstraZeneca in ottobre, quando ha ricevuto i documenti, avrebbe dovuto condividere i livelli con altre parti d’Europa. Ora può agire secondo la Brexit e tenere tutto per sé fino a quando non ottiene l’approvazione per la distribuzione in Europa. Quindi non c’è dubbio che inserire AstraZeneca nella formazione di Pfizer abbia portato i suoi vantaggi a molti.

READ  Tui cancella più vacanze per i paesi dell'ambra tra cui Spagna e Italia

L’Italia, che fin dall’inizio aveva fatto affidamento sul programma Oxford / AstraZeneca, non ne era sicura, avendo già scelto 16 milioni di dosi per i primi tre mesi dell’anno e altri 24 milioni per il trimestre successivo. Cosa succede se questi livelli non sono disponibili nella tabella rinviando l’accreditamento EMA? Il commissario straordinario dominicano Argue ha recentemente confermato che l’UE è in trattative per espandere ulteriormente il vaccino Pfizer. Per l’Italia si tradurrebbe in ulteriori 13,8 milioni di volumi e consentirebbe ad AstraZeneca di “ottenerlo” nonostante il crollo del tempo. Tuttavia, questo non è niente rispetto ai 30 milioni di importi aggiuntivi richiesti dalla Germania. Una fornitura per ogni Stato che supera la quota fissata da Bruxelles in termini di popolazione. Ma il ministro tedesco Spann sta utilizzando un percorso parallelo e accelerando i tempi stringendo accordi diretti con le aziende farmaceutiche e non creando successi nel programma di vaccinazione. Come è possibile? Il premier Giuseppe Conte sostiene che non si possono negoziare merci fuori dagli accordi UE, ma i fatti lo negano. “L’approvvigionamento nazionale del vaccino anti-governo è prefigurato dall’accordo quadro dell’UE”, ha detto il ministro tedesco. Dietro la corsia preferenziale c’è il governo, che ha ceduto la metà dei 50.750 milioni investiti in società tedesche coinvolte nello sviluppo di vaccini a Bioendech, che lavora con Pfizer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *