Corsa per salvare i sopravvissuti mentre il bilancio delle vittime delle inondazioni in Germania e Belgio raggiunge i 170

I soccorritori corrono per trovare centinaia di persone ancora disperse a causa delle inondazioni che hanno provocato il caos nella Germania occidentale e in Belgio, dove il bilancio delle vittime del disastro ha raggiunto 170.

Circa 143 persone sono morte in Germania dopo che le inondazioni improvvise nei fiumi all’inizio di questa settimana hanno causato il crollo di case e danneggiato strade e linee elettriche.

Mentre la corsa per trovare i sopravvissuti continua, centinaia di persone sono ancora disperse o inaccessibili, poiché le acque alluvionali continuano a ostacolare gli sforzi di soccorso e rendono inaccessibile l’accesso ad alcune aree.

Sabato i soccorritori hanno lavorato instancabilmente per far fronte ai danni causati dalle acque che si ritirano. Ma mentre le acque si disperdevano, i pensieri si sono rivolti anche al lungo compito di ricostruire le comunità devastate.

Il bilancio delle vittime nello stato tedesco occidentale della Renania-Palatinato, sede della provincia di Aruweiler duramente colpita, è salito a 98, con altri 43 morti confermati nel vicino stato del Nord Reno-Westfalia.

Il Centro nazionale di crisi del Belgio ha dichiarato che il bilancio delle vittime confermato nel Paese è salito a 27.

Le inondazioni sono state causate da giorni di pioggia torrenziale che hanno trasformato piccoli fiumi e strade in torrenti impetuosi che hanno spazzato via auto, case inondate e residenti intrappolati.

RWE, il più grande produttore di energia della Germania, ha dichiarato sabato che la sua miniera a cielo aperto a Inden e la centrale elettrica a carbone di Weisweiler sono state colpite, aggiungendo che l’impianto funzionava a una capacità inferiore dopo che la situazione si era stabilizzata. Lo strumento prevede che i danni costino milioni per la riparazione.

READ  Ex segretario del campo nazista accusato di aver ucciso 10.000 persone | Germania

Immediatamente dopo le inondazioni di mercoledì e giovedì, le autorità tedesche hanno elencato un gran numero di persone scomparse, cosa apparentemente causata in gran parte da confusione, molteplici segnalazioni e difficoltà di comunicazione nelle aree colpite, alcune delle quali mancano di elettricità e servizi telefonici.

Fino a sabato, le autorità avevano ancora paura di trovare altri morti, ma hanno affermato che i numeri mancanti diminuivano costantemente, senza fornire numeri specifici.

Un ponte in rovina a Bad Neuenaer-Ahrweiler, Germania occidentale

(AFP tramite Getty Images)

In Belgio, sabato sono state elencate 103 persone scomparse, ma il centro di crisi ha affermato che i telefoni cellulari persi o scarichi e le persone che sono state portate in ospedale senza essere identificate e che non hanno avuto l’opportunità di contattare i loro parenti sono state ritenute fattori nella Pedaggio.

A Irfstadt, una città a sud-ovest di Colonia, venerdì si è svolto uno straziante sforzo di salvataggio quando il terreno è crollato in un quartiere. Almeno tre case e parte di un palazzo sono crollate nel quartiere Blisem della città.

L’esercito tedesco ha utilizzato veicoli blindati per sgomberare auto e camion allagati su una strada vicina, alcuni dei quali sono rimasti almeno parzialmente sommersi.

I funzionari temevano che alcune persone non fossero in grado di fuggire a Irfastadt, ma sabato pomeriggio non sono stati confermati feriti.

Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha visitato i soccorritori e altri in città. Ha detto: “Molte persone hanno perso tutto ciò che hanno passato la vita a costruire: le loro proprietà, le loro case, un tetto sopra la testa.

“Potrebbe essere possibile solo in poche settimane chiarire quanti danni devono essere risarciti”.

Il sig. Steinmeier ha affermato che le persone nelle aree colpite hanno bisogno di sostegno continuo.

“Molte persone qui in queste aree non hanno altro che speranza, e non dobbiamo deludere quella speranza”, ha detto.

Il Primo Ministro del Belgio (a destra) visita la città di Rochefort

(AFP tramite Getty Images)

Steinmeier ha aggiunto che ci vorranno settimane prima che vengano valutati i danni completi, che dovrebbero richiedere diversi miliardi di euro in fondi per la ricostruzione.

Durante la visita a Irwistadt con Steinmeier, il governatore della Renania settentrionale-Vestfalia Armin Laschet ha promesso di organizzare immediatamente aiuti per le persone colpite “nei prossimi giorni”.

Nei prossimi giorni, ha affermato Laschet, le autorità provinciali e federali discuteranno su come contribuire allo sforzo di ricostruzione. Il governo del cancelliere Angela Merkel ha in programma di discutere la questione mercoledì.

“Faremo di tutto affinché ciò che deve essere ricostruito possa essere ricostruito”, ha detto.

Con il livello dell’acqua basso in Belgio sabato, il primo ministro Alexander de Croo e il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno visitato alcune aree sabato pomeriggio.

Il cancelliere Angela Merkel dovrebbe recarsi domenica nello stato della Renania-Palatinato, sede del devastato villaggio di Sjöld.

È noto che 98 persone sono morte nell’area più colpita in Germania e Belgio.

I lavoratori recuperano le auto bloccate sulla strada dopo la forte pioggia a Irvinestadt, in Germania

(Reuters)

Anche parti dell’Olanda meridionale hanno subito forti inondazioni, sebbene migliaia di residenti siano stati autorizzati a tornare a casa sabato mattina dopo essere stati evacuati giovedì e venerdì.

I Paesi Bassi restano in allerta poiché i fiumi in piena minacciano città e villaggi in tutta la provincia meridionale del Limburgo.

Decine di migliaia di residenti nell’area sono stati evacuati negli ultimi due giorni, mentre soldati, vigili del fuoco e volontari hanno lavorato freneticamente per tutta la notte di venerdì per far rispettare gli argini e prevenire le inondazioni.

Finora gli olandesi sono sfuggiti a un disastro a livello dei loro vicini e fino a sabato mattina non ci sono state notizie di vittime.

Anche Lussemburgo e Francia sono stati colpiti da inondazioni scoppiate tra piogge e temporali incessanti.

Segnalazioni aggiuntive da parte delle agenzie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *