Corona virus, edizione: RT 0.86 in Italia | Sale a “alto rischio in tre regioni e aumento del rischio di vacanze”

Maggiore è il rischio, maggiore è il rischio nelle tre regioni – Infatti, nel disegno di legge: “Per la prima volta si vede nell’indice Rt di cambio un segnale opposto, rispetto alla settimana precedente, con uno scenario di Tipo 2 di tre regioni (Lazio, Lombardi e Veneto)”. Questo in un contesto europeo caratterizzato da un nuovo aumento del numero di casi in alcuni paesi europei, tra cui Gran Bretagna, Paesi Bassi e Germania.

Basso rischio solo in cinque regioni – Durante la settimana di osservazione, la bozza continua: “La maggior parte delle regioni / province autonome con solo cinque regioni / BA a basso rischio di epidemie incontrollate e incontrollabili continuano ad avere un rischio moderato o alto. Se l’attuale cambio non cambia, diciotto regioni, di cui due (Marche e provincia autonoma di Trento), hanno maggiori probabilità di avanzare ad alto rischio il prossimo mese.

Le vacanze aumentano il rischio di infezioni – La saggezza è alta quando si guarda alle festività, in cui il documento di monitoraggio afferma: “È difficile prevedere il possibile impatto delle festività natalizie, sebbene l’andamento generale di questa stagione e l’interazione possano determinare un aumento significativo della diffusione di SARS-Cove 2 rispetto a quanto visto a novembre, rispetto a quanto visto a novembre. I casi stanno rapidamente salendo a livelli più alti, con l’impatto dell’epidemia sugli operatori sanitari, sui servizi e sulla popolazione ancora maggiore “.

Terapia intensiva e ricovero Tuttavia, il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva e reparti covid continua a diminuire: il numero di pazienti in emergenza scende da 3.345 (8 dicembre) a 3.003 (15 dicembre) e da 30.081 a 27.342 nelle altre aree mediche.

READ  Dimostrazione di elicotteri PPN in ENAV e Leonardo Italia

I valori sono lontani dal tracciamento del ripristino – Nonostante alcune informazioni positive, il valore del virus è diminuito a livello nazionale negli ultimi 14 giorni, il che è ancora “lontano dallo status quo, che consente di identificare pienamente i casi e di tracciare le loro connessioni in tutta la regione quando il valore supera i 50 casi su 100mila a livello nazionale in sette giorni”. Ha mostrato i primi segni di critiche “.

Alcuni casi relativi alle catene di trasferimento – Il numero di casi non segnalati dalle catene di trasferimento note continua a diminuire (38.276 e 49.967), con la percentuale di casi rilevati dalle attività di monitoraggio dei contatti che rimane stabile al 24,6%. In lieve aumento invece la percentuale di casi diagnosticati dall’insorgenza dei sintomi (34,7% contro 32,3% della settimana precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *