Continuano gli aggiornamenti in tempo reale mentre Cardiff e Scarlett si fermano in Sud Africa in mezzo alla richiesta dell’UE di interrompere i viaggi

Aggiornamento dal capo di Scarlett

Il boss degli Scarletts, Simon Modrac, ha parlato questa mattina del lavoro che si è svolto durante la notte per riportare la squadra a casa da Durban.

“Questa è chiaramente una delle principali preoccupazioni”, ha detto a BBC Radio Wales.

“Il nostro direttore generale del rugby John Daniels e il nostro team principal Sarah Davies, così come un certo numero di persone della squadra, hanno lavorato tutta la notte per capire le opzioni e mi hanno tenuto aggiornato regolarmente.

“Spero che possiamo mettere insieme una soluzione finale nelle prossime due ore.

“In primo luogo, dobbiamo assicurarci che l’intera squadra, il personale che è lì, sia al sicuro. Quindi sono entrati in una bolla per cercare di ridurre al minimo i rischi per se stessi.

“In secondo luogo, ovviamente vogliamo portarli a casa, e terzo vorremmo portarli a casa il più direttamente possibile.

“E poi, quarto, vorremmo riportarli a casa prima della scadenza delle 4 del mattino di domenica. La loro sicurezza e il rimpatrio sono ovviamente la priorità assoluta, e se facciamo le ultime due tappe, ancora meglio.

La loro famiglia a casa è chiaramente preoccupata. Vogliamo che i ragazzi e le ragazze che erano in viaggio possano tornare a casa e tornare a casa.

“Dal punto di vista del rugby che ovviamente ci offre più opzioni in termini di come continuare la stagione nelle prossime due settimane, ma certamente la priorità numero uno riguarda le persone piuttosto che il rugby, ma ovviamente c’è anche un impatto del rugby”.

Il CEO di Scarlets Simon Modrac

Modirak ha aggiunto: “L’ho saputo alle 21:06 di ieri sera e credo che la notizia sia uscita intorno alle 21.

READ  Sears e Cammart tirano la maglietta di Ashley Babbitt dopo le proteste | Attacco al Campidoglio degli Stati Uniti

“Quindi entro cinque o sei minuti dal pronunciare le parole, le abbiamo raccolte subito.

“Ad essere onesti, abbiamo preso la decisione sul posto sulla base delle persone senza alcuna considerazione di quali sarebbero state le conseguenze dal punto di vista del rugby.

“Quindi, anche prima di avere una conferma dalla Lega su cosa questo avrebbe significato in termini di calendario, abbiamo subito deciso di iniziare i passi per far tornare i ragazzi e le ragazze che sono là fuori.

“Sono sicuro che i loro telefoni hanno squillato tutta la notte e le loro famiglie a casa sono preoccupate per la loro salute e il loro benessere, e anche, quando li incontreranno e se torneranno a casa, quando faranno a casa, saranno rinchiusi in un ambiente di quarantena?

“Quindi sono sicuro che hanno avuto notti insonni e ovviamente questo significa pensare al rugby a breve termine è secondario.

“È chiaramente una situazione pericolosa. C’è un calvario, ma la decisione di tornare a casa il prima possibile, a prescindere dalle conseguenze del rugby, è stata una decisione molto facile”.

Ha concluso: “Dobbiamo chiudere le nostre opzioni di viaggio, abbiamo già opzioni sicure per rimpatriare le persone.

“Quindi penso che in termini di garantire che i ragazzi dell’equipaggio che sono lì siano al sicuro, quel lavoro è il numero uno ed è ben avviato, assicurandomi che ci siano un sacco di opzioni per riportarli nel Regno Unito. Lo abbiamo in atto , cercare di chiarire le opzioni e cercare di entrare prima delle 4 del mattino di domenica è ciò su cui siamo concentrati in questo momento.

“Stiamo anche parlando e collaboreremo per quanto possibile con il Cardiff Rugby. Quindi, se c’è qualcosa che possiamo fare insieme, ovviamente dovremmo guardarlo perché sono nella nostra stessa barca”.

READ  La Cina declassa le relazioni diplomatiche con la Lituania per la disputa con Taiwan | Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *