Continua l’indagine sugli Starliner – SpaceNews

WASHINGTON — Boeing sta continuando le sue indagini sul problema del movente che ha ritardato il lancio del suo veicolo commerciale CST-100 Starliner, ma potrebbe presto incontrare conflitti di programma sia sulla Stazione Spaziale Internazionale che sul suo veicolo di lancio.

In una dichiarazione rilasciata il 6 agosto, Boeing ha affermato che stava continuando a studiare il motivo per cui diverse valvole nel sistema di propulsione del veicolo spaziale erano inaspettatamente nella posizione chiusa durante il conto alla rovescia per il tentativo di lancio del 3 agosto per la missione di test di volo orbitale (OFT) 2. . Boeing ha annullato il lancio circa tre ore prima del decollo programmato a causa del problema.

Lo Starliner, in cima al suo razzo Atlas 5, è tornato alla Vertical Integration Facility (VIF) presso lo Space Launch Complex 41 a Cape Canaveral, consentendo agli ingegneri di accedere al veicolo spaziale. Sono stati in grado di aprire alcune valvole emettendo una nuova serie di comandi.

“Un cauto ottimismo è un buon modo per descrivere il feeling della squadra”, ha affermato John Vollmer, vicepresidente Boeing e direttore del Commercial Crew Program, in una nota.

Non è chiaro cosa abbia causato il malfunzionamento delle valvole, sebbene Boeing abbia affermato in una precedente dichiarazione di aver escluso problemi software. Una possibilità è rappresentata da danni come una perdita d’acqua durante un forte temporale poco dopo che il razzo ha colpito la piattaforma il 2 agosto.

Né la NASA né Boeing hanno fissato una nuova data di lancio per la missione OFT-2. Boeing ha dichiarato nella sua dichiarazione che sta “valutando molteplici opportunità di lancio per Starliner ad agosto” e lavorerà con la NASA e la United Launch Alliance per determinare una data di lancio appropriata.

READ  Paleontologists reconstructed a bothell of a dinosaur

La NASA, nella sua dichiarazione speciale del 6 agosto, ha affermato che essa e Boeing “continueranno a valutare i programmi in base a dove si svolgeranno gli sforzi per la risoluzione dei problemi prima di programmare il prossimo lancio ufficiale della missione OFT-2”.

Una combinazione di fattori potrebbe portare a un ritardo prolungato se la missione OFT-2 non verrà lanciata entro la fine di agosto. Il Falcon 9 dovrebbe lanciare la missione cargo CRS-23 verso la Stazione Spaziale Internazionale il 28 agosto. Utilizzerà la stessa porta di attracco che Starliner utilizzerà per OFT-2, il che significa che se OFT-2 non completa la sua missione entro la fine di agosto, la NASA dovrà ritardare il CRS-23 o attendere fino al termine della missione, probabilmente no entro fine settembre.

Tuttavia, a questo punto, l’ULA dovrà concentrarsi sui preparativi per il prossimo lancio di Atlas 5, la missione Asteroid Lucy della NASA. Questa missione ha una finestra di lancio di tre settimane che si apre a metà ottobre. L’atlante 5 di OFT-2 dovrà essere “de-impilato” e l’atlante di Lucy assemblato al VIF, con il veicolo spaziale installato e testato in seguito. Data la finestra stretta di Lucy, è probabile che ulteriori test dell’auto rileveranno problemi molto prima che si apra la finestra di lancio.

Un’ulteriore complicazione è che ciò accadrà durante il culmine della stagione meteorologica tropicale, con tempeste tropicali e uragani che potrebbero ritardare i lanci oi preparativi per i lanci di giorni.

Se OFT-2 non viene lanciato entro il momento in cui Atlas 5 deve essere smontato per prepararsi alla missione Lucy, la prossima opportunità potrebbe non essere fino a novembre, dopo il lancio della missione SpaceX Crew Dragon Crew-3 alla fine di ottobre e la missione Crew-2 torna a casa, liberando il porto di attracco dello Starliner.

READ  NPR: NASA missile test aborted after one minute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *