Considerando insieme le domande di asilo della famiglia yemenita dopo la trasformazione del Ministero dell’Interno | Immigrazione e asilo

A una famiglia di richiedenti asilo dello Yemen è stato detto che non potevano stare insieme nel Regno Unito perché Il padre si è recato in campagna in aereo E ai suoi tre figli arrivati ​​su una piccola barca è stato detto che il loro caso sarà ascoltato insieme dopo il cambio del ministero degli Interni.

Il cambio di governo è apparso nella sua posizione pochi giorni dopo Pubblicità Dal ministro dell’Interno che il modo in cui le persone entrano nel Regno Unito avrà un impatto sull’avanzamento della domanda di asilo. Priti Patel ha detto che i richiedenti asilo dovrebbero rimanere nel primo paese sicuro in cui arrivano piuttosto che viaggiare nel Regno Unito.

La famiglia, che ha chiesto di essere indicata solo con il nome, viveva in un Paese del Golfo, ma quando quel Paese ha revocato il permesso di soggiorno è stata costretta a fuggire.

Sebbene le quattro domande di asilo si basino sul rischio per le loro vite nello Yemen, padre Hussein, 52 anni, è riuscito a volare nel Regno Unito dopo aver ottenuto un visto turistico. Il suo viaggio dal Medio Oriente al Regno Unito è durato poche ore e non ha messo in pericolo la sua vita.

Ma i suoi tre figli, Hamza, 26 anni, Hassan, 24 anni e Hazem, 22 anni, non sono stati in grado di ottenere i visti, quindi hanno dovuto utilizzare i trafficanti per raggiungere il Regno Unito. Il loro viaggio è durato un anno, è costato molto di più di quello del padre e ha messo le loro vite in pericolo molte volte.

READ  Centinaia di bare affondano nel mare mentre una tomba in cima a una scogliera crolla

Il padre è arrivato nel Regno Unito prima che arrivassero i suoi figli. Erano felicissimi quando si chiamarono e il Ministero dell’Interno acconsentì a mettere insieme la famiglia in una casa a Manchester. Tuttavia, il ministero dell’Interno ha successivamente arrestato e detenuto i tre figli e ha detto che sarebbero stati deportati in Spagna, un paese che avevano attraversato prima di arrivare nel Regno Unito.

Hussain ha detto di aver pianto durante il pericoloso viaggio dei suoi figli nel Regno Unito. “Mi sentivo molto in ansia per la loro sopravvivenza per tutto il tempo e mi sentivo in colpa per il fatto che il mio viaggio fosse molto più facile del loro”, ha detto.

Hassan ha detto che la famiglia si è sentita molto sollevata dopo che il ministero dell’Interno li ha informati che i tre bambini non devono più affrontare la separazione dal padre e la deportazione in Spagna.

Stanno imparando l’inglese attraverso il Prince’s Trust e un college locale e fanno volontariato presso FareShare.

“Quando questa notizia ci ha raggiunto, è stato sollevato un grosso peso dai nostri cuori”, ha detto.

L’avvocato della famiglia, Hannah Baines di Duncan Lewis, ha dichiarato: “Siamo lieti che dopo mesi di incertezza, il Ministero degli Interni abbia accettato che le domande di asilo di Hassan, Hamza e Hazem possano essere prese in considerazione nel Regno Unito e che non ci siano più piani per trasferirli in Spagna.

“Gli ultimi mesi sono stati particolarmente stressanti per loro, quindi è positivo che ora i fratelli possano rimanere nel Regno Unito con il padre, la cui domanda di asilo è già in fase di elaborazione nel Regno Unito. Non è chiaro esattamente perché il Ministero degli Interni ha deciso di farlo; tutto ciò che ci è stato detto era dovuto alle loro circostanze individuali “.

READ  Il costruttore invia l'escavatore al condominio come "soldi dovuti"

Fonti del Ministero dell’Interno hanno affermato che le restrizioni ai viaggi dovute al Coronavirus significano che non è stato possibile facilitare il ritorno di Hazem, Hassan e Hamza prima della fine del periodo di transizione della Brexit e che le loro domande di asilo sono ora in corso nel Regno Unito.

Dobbiamo rimanere un luogo sicuro per coloro che fuggono dalla persecuzione e fornire protezione, se necessario, piuttosto che accesso. Ora più che mai È importante difendere l’umanità e l’equità “.

Un portavoce del ministero dell’Interno ha dichiarato: “È un principio consolidato che coloro che hanno bisogno di protezione dovrebbero chiedere asilo nel primo paese sicuro in cui entrano e non mettere a rischio la propria vita facendo viaggi inutili e pericolosi nel Regno Unito. Il nostro nuovo piano di immigrazione riformerà il nostro sistema di asilo e rendere tali affermazioni inaccettabili “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *