Come un uomo ha portato in Italia la partita Lakers vs Celtics

Il 22enne italiano volava da un decennio a New York, figlio di un dipendente della TWA a Berg. Eppure, 40 anni fa in questo viaggio, niente poteva essere sbagliato.

Dovette rientrare a Milano per riprendere ed evitare l’attenzione dei doganieri.

Il futuro NBA Dipende.

Dentro la sua valigia c’erano due bobine con una pellicola di 90 minuti da un pollice intorno a loro. Se avrà successo, avrà gli occhi del suo paese sulle squadre più famose della NBA, i Los Angeles Lakers e The Boston Celtics.

Per la prima volta nella storia del campionato, una partita verrà mostrata agli spettatori internazionali e Andrea Bassani non poteva sbagliare con l’inventario. Se quei nastri non arrivano in Italia al momento della trasmissione, sarà la prima partita NBA ad essere trasmessa fuori dagli Stati Uniti.

“Prenderò il prossimo volo di ritorno a New York e ci rimarrò per sempre”, ha detto Bassani, che era nervoso per quello che sarebbe successo se avesse interrogato i funzionari doganali sui nastri.

Invece, Bassani ha ricevuto le registrazioni da un partner televisivo, l’ex allenatore di basket statunitense Dan Peterson, che ha tenuto una presentazione in un italiano tremante, e nel 1981, 13 giorni dopo l’apparizione dei Lakers ai Celtics a Boston, l’Italia è diventata il primo paese a trasmettere NBA. pallacanestro.

Il campionato divenne presto una parte della televisione in Italia, dove un giovane Kobe Bryant aveva accesso alle migliori partite del campionato, sempre con i Lakers, Celtics o Philadelphia 76ers.

L’incontro di sabato tra Celtics e Lakers sarà trasmesso in diretta su Sky Italia in Italia, che ospiterà anche la partita del 1981, un momento di round completo per un campionato che ha visto la sua netta estensione a tutti gli angoli del mondo da quando Bassani ha ricevuto le sue cassette. . Past doganieri.

READ  Puoi nominare l'XI iniziale della Francia dall'Italia dopo la vittoria finale di Euro 2000?

Duan Casey, un allenatore di Detroit che ha allenato nei campionati professionistici giapponesi, ha dichiarato: “Il nostro campionato ha fatto un ottimo lavoro nel farsi marchiare non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo.” Ora è istantaneo. È istantaneo. Questa è la cosa giusta. da fare, e dovrebbe finire qui. “

Giorgio Cantolpi, emittente e imprenditore italiano.

(Cortesia Giorgio Kandolpi)

L’NBA ora trasmette in più di 50 lingue in più di 215 paesi e regioni. Alcune delle sue più grandi star nascono fuori dagli Stati Uniti.Nel 2019 i Toronto Raptors – prima squadra europea a finire al numero 1 assoluto, e centro italiano Andrea Barganani – hanno vinto il titolo NBA con una squadra ricca di giocatori e staff internazionali.

Prima della fibra ottica e delle coordinate satellitari, c’era Bassani, i suoi nastri e il suo bagaglio. Prima di Bassani, il giornalista di basket italiano Giorgio Condolpi aveva una cotta per l’NBA ed era abbastanza bello da fare amicizia con alcune delle persone più influenti del campionato.

Negli anni ’70, quando scriveva e scattava foto per una rivista di basket chiamata “Gigandi de Basket”, Kantolby chiamava gli uffici della NBA, a volte trascorreva 20 minuti con operatori internazionali. Ha chiesto libri, spettacoli e qualsiasi immagine su cui potesse mettere le mani.

Nel 1976, Kantolby si recò a New York per coprire i suoi primi giochi: la sua prima importante intervista con Julius Irving. I due sono diventati amici – Irving ha persino regalato una delle sue scarpe da ginnastica.

Il rilascio di Kandolby ha contribuito a far conoscere il basket americano ai suoi connazionali e ha aiutato a placare la loro fame.

A sinistra Julius Irving, la prima star della NBA ad essere intervistata dall'emittente italiana Giorgio Kandolpi.

A sinistra, Julius Irving è stato il primo giocatore NBA ad essere intervistato dall’emittente italiana Giorgio Condolpi.

(Cortesia Giorgio Kandolpi)

Ha impressionato gli allenatori NBA durante i suoi tour negli Stati Uniti, ricevendo filmati sportivi in ​​8 mm da allenatori come Chuck Daly e Dick Motta. Li ha portati a casa e li ha mostrati nelle sale cinematografiche, 700 Marveling Pete Marawich’s no-pass bass, il predominio difensivo di Phil Russell, la grazia e l’abilità di Kareem Abdul-Jaber e le acrobazie volanti di Connie Hawkins ed Erwing.

READ  Calhanoglu, c'è anche il PSG: il Milan è fiducioso nel rinnovo

Bassani era in uno di quei teatri, e Irving lo vede solo come fotografo e prende vita molti anni dopo.

“Il suo apro è grande quanto lo schermo di un cinema a Milano”, ha ricordato. “La mia mascella è stata completamente aperta per due ore.”

La rivalità Lakers-Celtics è stata un punto di partenza logico, con entrambi i proprietari che sono stati i pilastri iconici nelle leggende della NBA. Tredici giorni dopo aver battuto i Boston Lakers in una partita con sei futuri Hall of Famers (senza contare l’infortunato Magic Johnson), la partita è andata in onda su PIN, una stazione nazionale di breve durata in Italia.

“Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione. Si sta muovendo. Questa è azione “, ha detto Kandolpi. “Tutti erano pazzi per questo.”

Chissà quando il mondo potrà godersela senza il Vangelo di Kandolpi? L’NBA potrebbe aver finalmente trovato un modo per arrivare al mondo, ma il modo in cui è iniziata davvero è perché è stata coinvolta nella messa in onda di questo gioco in Italia 40 anni fa.

“Sono così orgoglioso di essere una delle prime persone a provare a farlo”, ha detto Kandolby, ricordando una palla da basket seduto a un tavolo all’interno della sua casa e il lavoro della sua vita. “Il basket è stato il mio amore per molti, molti anni. Eppure.”

Il match Lakers-Celtics di sabato sarà diverso, tifando i tifosi per non essere in grado di rimanere all’interno dell’edificio e dando al gioco l’energia che sembra sempre produrre quando i rivali si affrontano.

La storia tra le due squadre dovrebbe creare un’atmosfera.

READ  Aveva 94 anni. Govt-Courier. Lo ha ucciso

“È fantastico conoscere la storia. I Lockers-Celtics conoscono la storia di questo campionato in tutto il campionato. Qual è la storia di questo campionato? La storia di questo campionato”, ha detto LeBron James. “Guardando alcune delle partite più importanti, alcune delle migliori partite, le migliori per giocare a questo gioco. I giocatori, far parte di questo torneo e far parte della storia è una cosa meravigliosa “.

Tutta quella storia non si misura in vittorie e sconfitte, banner e numeri di pensionamento. L’eredità dei Lockers-Celtics è enorme, contribuendo a trasformare l’NBA in quella che ora è un’azienda globale.

All’epoca Bassani aveva in borsa che non lo sapeva. Pensava di avere in mano le registrazioni dei giochi NBA che aveva raccolto nello studio di New York della CBS.

Era più di un semplice film sportivo. Questo fu l’inizio della conquista globale della NBA, che fu accuratamente riposta nelle tasche di un uomo di 22 anni su un volo dell’Atlantico che voleva assicurarsi che fosse fatto attraverso la dogana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *