Come trascorrere il vostro weekend in Istria, la penisola croata ha la forma di un cuore

Secondo giorno: isole e montagne

mattina
Salta su un traghetto e dirigiti a due miglia dalla costa Isole Bregoni, Un parco nazionale dal 1983. Veliky Bregon è il più grande dei 14 dossi: noleggia una bicicletta sul marciapiede e pedala fino allo splendido Brioni Cretaceous Park, all’estremità nord-occidentale dell’isola. Conserva una serie di impronte di dinosauri, fossilizzate nelle rocce lungo l’acqua. Non meno splendida della baia di Virig, un’insenatura a ferro di cavallo dove si può pagaiare all’ombra di una villa romana del I secolo a.C. I traghetti partono da Fezzana, cinque miglia a nord di Pula, circa ogni 90 minuti nelle ore diurne.

pomeriggio
Una volta tornati sulla terraferma, puoi addentrarti nell’entroterra istriano: uno splendido sfondo montuoso della costa scintillante. Nell’angolo nord-est, il viaggio da Pola attraverso le cime calcaree della catena montuosa dell’U iska è drammatico, salendo costantemente attraverso Bazin e Loboglav oltre alcuni dei paesaggi più spettacolari della regione. Parco naturale della Yucca È stato uno dei primi progetti della Croazia emersi dall’ex Jugoslavia; Inaugurato nel 1999, ha chilometri di scogliere boscose e sentieri escursionistici, uno dei quali raggiunge il Fujak, la vetta più alta a 4.580 piedi.

sera
Non affrettarti a tornare ad ovest ancora; In alternativa, seguire il sentiero deviando verso la costa orientale della penisola, dove vari villaggi illuminano la linea di galleggiamento. Mošćenička Draga è uno di loro, con una spiaggia di ciottoli e una miriade di ristoranti tra cui Konoba Zijavica, dove vengono serviti riso al tonno sui tavoli accanto ai ciottoli. A nord, il villaggio di Lovran è altrettanto attraente, con il labirinto di vicoli dominato dalla torre giallo burrosa della chiesa di San Giorgio. Se il tempo è dalla tua parte, ci sono molti buoni hotel, vivaci parchi e ristoranti da visitare.

READ  La serie Superhero sfida gli atteggiamenti italiani nei confronti degli immigrati

Altre tre attrazioni a Pula

Con una popolazione di soli 58.000 abitanti, è l’unica città dell’Istria che vanta molte delle sue piccole dimensioni e ha molto da intrattenere i visitatori per trascorrere un pomeriggio.

1. Paula Arena
C’è una grande parte della lingua italiana nella genetica in Istria – la penisola faceva parte dell’Italia dal 1920 al 1947, cosa che si riflette nelle molte città con doppi nomi (Pula è anche conosciuta come “Pula”). Ma i collegamenti con le città italiane risalgono ancora più indietro. La maestosa piazza romana, risalente al I secolo, è uno dei migliori esempi di anfiteatro fuori Roma e conserva gran parte del potere visivo che avrebbe dovuto avere quando i suoi 23.000 posti erano angusti per i combattimenti tra gladiatori. Ancora oggi organizza grandi eventi, compresi spettacoli estivi a lungo termine Anche un festival del cinema. Con una popolazione di soli 58.000 abitanti, è l’unica città dell’Istria che vanta molte delle sue piccole dimensioni e ha molto da intrattenere i visitatori per trascorrere un pomeriggio.

2. Castello veneziano
Ci sono più impronte italiane intorno a Pula. Il castello di Kaštel è il fulcro della città e fu costruito dai veneziani tra il 1630 e il 1633. Ha una forma caratteristica, con un forte quadrato affilato con torrette a lancia ad ogni angolo, e una passeggiata intorno alle fortificazioni è d’obbligo. Ma se stai cercando altri scorci del passato romano della città, dirigiti verso Trg Forum, dove, sul bordo occidentale, si trovano le sei colonne corinzie simmetriche del Tempio di Augusto, della stessa età dell’anfiteatro. Anche a breve distanza dal Grande Arco di Sergei.

READ  Ariel Pink backed off by naming to attend the Trump rally

3. Rosso contemporaneo
Nonostante il ricco patrimonio della città, è facile scoprire Pula nel 21 ° secolo. Un esempio di questo è Museo di arte contemporanea in Istria, Con le sue mostre a rotazione di fotografia, film e scultura croati. Un blocco in più Museo dell’olio d’oliva Nasconditi nei rituali dei prodotti agricoli più apprezzati della regione mentre assaggi anche il nettare d’ambra offerto. Termina la visita con un abbondante pranzo a Meating, sulla striscia del porto adiacente a Riva Ulica, un accogliente ristorante che, come suggerisce il nome, fa molto affidamento sulle bistecche servite in un ambiente elegante e alla moda. Telefono: 00385 98182 3607

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *